Trasporto pubblico locale: il Comune di Ferrara investe oltre 7 milioni di fondi ministeriali per l’acquisto di nuovi bus a ridotte emissioni

giovedì 19 novembre 2020 16:42:36

Sette nuovi bus elettrici e quattro bus ibridi-metano, con relativi impianti di rifornimento, per rinnovare la dotazione del trasporto pubblico locale con mezzi a basso impatto ambientale. Sono questi gli investimenti che il Comune di Ferrara intende effettuare con la somma di 7.348.350 euro ricevuta dal ministero dei Trasporti, nell'ambito dell'assegnazione dei fondi per il Piano Strategico Nazionale della Mobilità Sostenibile.

In linea con gli obiettivi del proprio Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, che mirano alla graduale sostituzione dell'intera dotazione di mezzi pubblici in città con vetture a basse emissioni, il Comune ha infatti definito un piano di interventi, approvato dalla Giunta, che prevede, oltre all'acquisto dei nuovi undici bus, anche la realizzazione, all'interno del deposito di via Trenti, dei necessari impianti di ricarica elettrica e di rifornimento di metano.

Nella fase iniziale di introduzione dei mezzi elettrici le linee urbane interessate saranno la 3 e la 4, poiché presentano percorsi e lunghezze compatibili con la trazione elettrica e la capacità di carico. Per garantire il funzionamento continuo dei mezzi è, inoltre, prevista la realizzazione di un punto per le ricariche elettriche veloci diurne nei pressi della Stazione ferroviaria.

All'attuazione del progetto prenderà parte anche Tper con un cofinanziamento, da definire, per l'acquisto dei bus a metano. Le risorse assegnate al Comune saranno messe a disposizione di Tper che svolgerà il ruolo di stazione appaltante, sia per i lavori infrastrutturali da realizzare sia per l'acquisto dei bus.

"Il futuro della mobilità è sostenibile e noi stiamo investendo importanti risorse proprio in questa direzione, rinnovando e potenziando il parco mezzi e le infrastrutture di supporto - dichiara il vicesindaco Nicola Lodi -. Questi investimenti danno concretezza al Piano Urbano della Mobilità Sostenibile approvato dal Consiglio Comunale il 16 dicembre 2019, che mira alla graduale sostituzione dei mezzi con vetture a bassa emissione e, progressivamente, all'abolizione definitiva dei veicoli alimentati a diesel. Puntiamo quindi, con misure concrete, a un servizio potenziato, più efficiente, più pulito, più a misura di persona. Continueremo nella direzione della modernizzazione del parco circolante: gli investimenti di questo tipo sono infatti, a tutti gli effetti, investimenti sul futuro. Futuro che, come Amministrazione, progettiamo, nei diversi settori e aree di competenza, con obiettivi comuni: l'abbattimento delle emissioni e l'attenzione all'ambiente".

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Bologna e Ferrara: lunedì 7 dicembre sciopero bus, ecco le modalità

Lunedì 7 dicembre sciopero di 24 ore del personale Tper. Lo hanno dichiarato le organizzazioni sindacali FILT-CGIL, FIT-CISL, UIL-TRASPORTI, FAISA-CISAL, UGL-FNA.Ecco le modalità del...

Porti Sicilia Orientale: un progetto per sviluppare la sostenibilità e l'efficienza energetica

Mobilità sostenibile ed efficienza energetica in ambito portuale. Nell’ottica dello sviluppo di azioni volte alla creazione di misure per la tutela ambientale e lo sviluppo sostenibil...

Torino: la flotta Gtt cresce con 20 nuovi autobus Mercedes Conecto

Il trasporto pubblico nella Città di Torino si arricchisce di 20 nuovi autobus Mercedes Conecto, 12 veicoli autosnodati da 18 metri ad alimentazione tradizionale Euro VI e 8 veicoli da 12...