Sicurezza ferroviaria: nel 2014 in calo morti e incidenti in Italia

martedì 17 marzo 2015 16:57:29

Il numero dei morti sui binari in Italia è in calo: dai 62 del 2013 ai 61 nel 2014. Scende anche il numero degli incidenti gravi e lievi. I dati emergono dalla "Relazione sulla sicurezza ferroviaria nel 2014" che l'Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (Ansf) ha presentato presso la Commissione Trasporti della Camera dei Deputati, alla presenza del presidente Michele Meta e del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio Lupi. 

“L’obiettivo dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie – spiega Amedeo Gargiulo, direttore dell’ANSF – è quello di portare gli incidenti e le vittime a zero. I dati che presentiamo oggi sono confortanti ma c’è ancora molto da fare sul fronte delle procedure tecniche, della manutenzione e della sensibilizzazione dell’utenza verso i pericoli in ferrovia”. 

Il trend italiano risulta essere sostanzialmente in linea con quello della media dei paesi europei. Ecco qualche dato nello specifico. Sulle 101 vittime (61 morti e 40 feriti gravi) registrate lo scorso anno, 88 sono i pedoni che hanno tenuto comportamenti indebiti in ambito ferroviario: 55 i casi di decesso per attraversamento dei binari a cui si aggiungono 33 feriti gravi. Gli altri possono essere riconducibili a problematiche legate agli aspetti tecnici, gestionali e manutentivi: tre operai investiti da un convoglio durante lavori in cantiere, due ferimenti gravi tra il personale delle imprese ferroviarie avvenuti in un urto contro una frana e in manovra. Sono passati dai 23 del 2013 ai 26 del 2014 gli incidenti gravi riconducibili a cause tecniche (come per esempio deragliamenti e collisioni).

Aumenta il numero di quelli legati all’indebita esecuzione di procedure ferroviarie: l’errata applicazione di procedure di esercizio e manovra ha generato 7 incidenti gravi, rispetto ai 3 del 2013. In aumento anche le conseguenze del dissesto idrogeologico e dell’indebita presenza di veicoli stradali sulla sede ferroviaria. Diminuisce invece la componente legata alle cadute dei passeggeri da treni in movimento e alla scarsa o cattiva manutenzione: l’incidenza sugli incidenti gravi passa dall’8% del 2013 al 5% del 2014. Ma continua ad essere la causa del 20% degli incidenti (gravi e lievi) e del 27,5% di tutti gli eventi in ferrovia. Inoltre, gli esiti dell’attività ispettiva di Ansf hanno evidenziato non conformità nel 10,8% dei controlli (5% sull’infrastruttura e 20% sui veicoli). 

L'Ansf è scesa in campo con un’ampia campagna di sensibilizzazione coinvolgendo la Polizia Ferroviaria, la Federazione Italiana Pallacanestro e Rugby e molti uffici scolastici regionali. Ha inoltre chiesto alle imprese ferroviarie e al Gestore della rete un’azione incisiva di collaborazione per limitare gli accessi alle aree più a rischio. Tra il 1990 e il 2013 sono stati eliminati il 47% dei passaggi a livello. Il programma di soppressione continua, affiancato da una serie di misure per rendere questi “incroci” più sicuri.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Auto

Altri articoli della stessa categoria

Volkswagen-Ford: nuovi progetti per elettrificazione e veicoli commerciali leggeri

venerdì 29 maggio 2020 13:57:54
L’alleanza globale tra il Gruppo Volkswagen e la Ford Motor Company fa importanti passi in avanti. Il Consiglio di Sorveglianza della Volkswagen ha...

Noleggio auto, Aniasa: dal Mise segnali positivi, necessario attuare subito misure a sostegno del comparto

mercoledì 27 maggio 2020 13:09:05
“Arriva finalmente dal Governo un segnale incoraggiante per la filiera dell’auto. Ora ci aspettiamo che alle parole del Ministro Stefano Patuanelli...

Mercato auto alimentazione alternativa, Anfia: +48% nel 1° trimestre 2020

mercoledì 27 maggio 2020 15:38:29
Il mercato delle autovetture ad alimentazione alternativa dell’area UE a 24 Paesi (esclusi Bulgaria, Croazia, Malta) allargata all’EFTA e al Regno...

Unione Industriale di Torino e Anfia: lettera al presidente del Consiglio per sostegno e salvaguardia del settore Automotive

lunedì 25 maggio 2020 16:31:06
Preoccupati per le sorti dell’automotive, un settore chiave dell’industria manifatturiera italiana, finora non incluso nei provvedimenti...

Automotive, Anfia-Federauto-Unrae: rischio deindustrializzazione del paese

giovedì 21 maggio 2020 13:24:40
A rischio di l’industrializzazione del Paese, in assenza di interventi mirati di sostegno al mercato. È l’allarme che lanciano in comunicato...