Più bonus per le auto elettrificate: Motus-E scrive al ministro Giorgetti

CONDIVIDI

lunedì 7 giugno 2021

Anche maggio è stato un mese sorprendente per il mercato delle elettrificate supportato dai bonus governativi e, sulla scorta di questo dato, Motus-E, l’associazione che raggruppa circa 70 stakeholders del mondo automotive, utilities e servizi riconducibile alla mobilità elettrica, ha deciso di scrivere una lettera aperta al ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti.

Il mercato delle elettrificate in Italia a maggio 2021

Durante lo scorso sono state raggiunte le 12.790 unità, con una quota di mercato dell'8,93% (su un singolo mese la più alta di sempre) con, nello specifico, 5.117 BEV (elettriche a batteria) e 7.663 PHEV (ibride plug-in).

Dal punto di vista dei bonus utilizzati, è stato rilevato un consumo di circa il 40% dei fondi previsti per l’intero 2021 in meno di cinque mesi di erogazione, anche considerando la recente integrazione di 56 milioni. L’attuale tasso di crescita, oltre che fornire forti segnali di ottimismo per la transizione tecnologica e sostenibile della mobilità, fa ipotizzare che i bonus non permetteranno di raggiungere la fine dell’anno, con il rischio che addirittura si esauriscano ad ottobre.

La lettera di Motus-E al ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti

"Le conseguenze di un tale prematuro esaurimento dei fondi per i veicoli elettrici porterebbero inevitabilmente ad una distorsione negativa del mercato, come già riscontrato all'inizio di questo anno quando gli incentivi sono stati erogati solo a partire dal 18 gennaio 2021. - si legge nella lettera - Il combinato disposto dell'esaurimento anticipato dei fondi e dell'incertezza sulle intenzioni del governo di mettere in campo politiche strutturali di supporto alle immatricolazioni di veicoli elettrici, come avviene negli altri paesi UE, porterà al raffreddamento della domanda con ripercussioni negative sul lato dell'offerta e della produzione di veicoli elettrificati, penalizzando in particolare l'industria nazionale. Evidenziamo che l'aumento di vendite prodotto dal bonus genera comunque positivi introiti fiscali attraverso l’Iva. Inoltre, l’attuale norma Ecobonus non prevede di erogare gli incentivi ai mezzi ordinati nel 2021 ma immatricolati nel 2022. Ricordiamo che, infatti, i tempi di consegna, specialmente per le BEV, possono superare anche i tre mesi di attesa. Questo sarà fonte di ulteriore incertezza per il mercato, clienti e venditori, negli ultimi mesi dell’anno.

Motus-E: una politica strutturale e non emergenziale per le auto elettrificate

"È inoltre importante che questa strategia diventi strutturale e che si distingua rispetto ai provvedimenti “emergenziali” di supporto al mercato delle auto convenzionali. - continua l'associazione - A conferma di ciò, nazioni come la Germania, la Francia e la Spagna hanno già esteso oltre il 2021 e rafforzato con nuove risorse gli incentivi all'acquisto di auto elettriche anche attraverso le risorse previste dal Next Generation UE e definite nei rispettivi Recovery Plan. Pertanto, con lo scopo di continuare a supportare la diffusione della mobilità elettrica in Italia, Motus-E esorta le Istituzioni Italiane e, in particolare, il dicastero da Lei rappresentato, a provvedere: ad un secondo rafforzamento del fondo Ecobonus a copertura dei mesi di novembre e dicembre 2021; all’adeguamento dell’attuale normativa Ecobonus al fine di garantire l’effettiva erogazione dei fondi per tutti i mezzi ordinati nel 2021 e targati nel 2022; all’istituzione di un nuovo fondo Ecobonus, esclusivamente riferito alla categoria di autoveicoli compresi nella fascia 0-60 g/km CO2, per il triennio 2022-2024".

Tag: ministero dello sviluppo economico, auto elettriche, mobilità sostenibile

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

L'Ue incentiva trasporti multimodali e sostenibili con un bando da 7 miliardi euro

Sette miliardi di euro per progetti di infrastrutture di trasporto europee. Questa la somma messa a disposizione dall'Ue con l'invito a presentare proposte nell'ambito del Connecting Europe Facility...

Auto ibride ed elettriche: aumento delle vendite in Turchia

Aumentano a passo elevato le vendite delle auto ibride ed elettriche in Turchia, superando i dati del 2020. Gli alti tassi di aumento (il 218,8% per le auto ibride e il 436,3% per le auto elettriche)...

CO2: arriva in aiuto la tecnologia per la riduzione delle emissioni

Quale è il potenziale della tecnologia per ridurre le emissioni di CO2? E quali sono i costi per la riduzione dei livelli di emissioni di CO2 dei veicoli? Secondo uno studio condotto...

Mobilità elettrica: in Ue pochi punti di ricarica

Lungo le reti stradali nella maggior parte degli Stati membri dell'Ue scarseggiano punti di ricarica elettrica. Lo dicono i nuovi dati dell'Associazione europea dei produttori di automobili (Acea). I...

Autorità dei trasporti: 3 video-tutorial per i diritti dei passeggeri

Tre video-tutorial per chi viaggia in treno, autobus e nave allo scopo di informare i cittadini sui diritti previsti dalla normativa a favore degli utenti dei servizi di trasporto: è la nuova...

Anfia: mercato in calo ad agosto ma crescono le elettrificate

Agosto non è stato affatto un buon mese per il mercato automotive. L'elaborazione di Anfia dei dati di immatricolazione del ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili...

Bike to work: dalla Regione Emilia Romagna 10 milioni per incentivare la mobilità dolce

Piste ciclabili, zone a traffico limitato e a velocità ridotta, infrastrutture dedicate come velostazioni, incentivi economici per incoraggiare l’uso della bici negli spostamenti...

Nokian Tyres: i pneumatici scandinavi specifici per auto elettriche

Le auto elettriche hanno delle caratteristiche specifiche che le distinguono dalle auto con motore a combustione. Si tratta in linea generale di auto con una elevata potenza e rese più pesanti...