Codice della strada: Conftrasporto, la legge delega per modificarlo non è una soluzione

giovedì 28 febbraio 2019 10:10:34

Codice della strada: per Conftrasporto, ancora una volta siamo di fronte a una ‘non decisione’. “La gente forse non sa quanti passaggi parlamentari siano necessari per rendere operative le norme che una legge delega, come quella approvata oggi dal Consiglio dei ministri, prevede - afferma il vicepresidente di Conftrasporto-Confcommercio Paolo Uggè - Che le modifiche al codice della strada debbano essere affrontate con una legge delega, non c’è dubbio. Esistono tuttavia disposizioni che invece dovrebbero essere assunte in tempi rapidi, come quelle relative ai trasporti eccezionali. La scelta del governo è stata quella di inserire il tutto in una legge delega che consente di prendere tempo, e non poco”.

“Innanzitutto la legge deve essere approvata dai due rami del Parlamento, sperando non vi siano modifiche - spiega Uggè -  La legge delega poi concede un tempo, solitamente da sei mesi ad un anno, all’Esecutivo per emanare i decreti legislativi che rendano operative le disposizioni delegate. In questo caso, è opportuno rammentare ai ‘non decisori’ che senza un intervento adeguato e immediato  continueranno a circolare a 108 tonnellate sui nostri ponti e strade gli automezzi che  trasportano bobine d’acciaio (quando a 108 tonnellate dovrebbero circolare sono mezzi con un pezzo unico e indivisibile). Quali conseguenze in termini di sicurezza e tenuta dei manufatti non è dato conoscere, ma sarebbe sufficiente coinvolgere gli uffici tecnici per avere una risposta”.

“Nel frattempo - prosegue il vicepresidente di Conftrasporto - i  trasporti eccezionali, quelli regolari, continueranno, per una mancanza di chiarezza, a subire le lungaggini burocratiche che saranno loro imposte dai funzionari degli enti proprietari delle strade, timorosi di essere coinvolti in iniziative della magistratura, laddove si verificassero incidenti. Così tutto il sistema produttivo, già in crisi, finirà con il trasferirsi all’estero oppure con il perdere le commesse”.
“Sarebbe interessante - conclude Uggè - scoprire le ragioni reali per una simile decisione che rinvia nel tempo un argomento che impatta sulla sicurezza degli utenti delle strade, oltre che sul sistema produttivo. Sarà  solo frutto della scelta del rinvio? Le imprese vorrebbero conoscerne le ragioni”.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Auto

Altri articoli della stessa categoria

Focus Anfia: a giugno le immatricolazioni auto calano del 23%

mercoledì 15 luglio 2020 11:54:52
Nel secondo mese dopo il lockdown il mercato auto italiano è ancora in calo. A giugno sono state immatricolate 132.515 nuove autovetture, il 23% in meno...

Automotive: pesante flessione per l'industria italiana a maggio (-48,6%)

lunedì 13 luglio 2020 11:23:54
A maggio 2020, secondo i dati ISTAT, la produzione dell’industria automotive italiana nel suo insieme registra un calo tendenziale del 48,6%, mentre...

Osservatorio nazionale Sharing Mobility: in Italia il carsharing cresce e diversifica la propria offerta

venerdì 10 luglio 2020 14:29:26
Il carsharing cresce, cambia personalità e si diversifica. Le parole d’ordine attraverso cui sta convergendo, in maniera sempre più estes...

Volkswagen Group Italia presenta il nuovo website

giovedì 9 luglio 2020 11:11:44
Nuovo layout per volkswagengroup.it, il sito istituzionale della consociata italiana del Gruppo Volkswagen. Il nuovo look and feel, in linea con la Casa Madre...

Automotive: Toyota Motor Manufacturing Turchia nominato miglior impianto di produzione in Europa e Africa

giovedì 9 luglio 2020 11:34:20
JD Power, una società di ricerca indipendente con sede negli Stati Uniti, ha nominato Toyota Motor Manufacturing Turkey "Golden Plant" miglior...