Sicurezza, urban air mobility, viaggi aerospaziali: Teoresi all’Aerospace & Defense Meetings di Torino

CONDIVIDI

lunedì 29 novembre 2021

Il settore aerospaziale sta affrontando sfide enormi che significano però anche nuove potenzialità e sviluppo di nuove applicazioni tecnologiche. Da un lato il ritorno di interesse per i viaggi spaziali, dall’altro la necessità di migliorare le performance e al contempo ridurre i consumi e l’inquinamento. L’aviazione civile, chiamata a confrontarsi con i problemi seguiti all’emergenza sanitaria, si prepara a raggiungere un nuovo standard per il viaggio aereo, integrando la sanificazione alle misure di sicurezza. Nel contempo, appartengono sempre meno alla fantascienza i progetti di mobilità aerea urbana per gli spostamenti di persone e merci all'interno dei centri abitati.

A livello globale al settore della space economy si aprono grandi opportunità di guadagno: si stima che i ricavi, tra 2019 e 2029, supereranno il trilione di dollari (come riportato da uno studio della società di consulenza e ricerche NSR). È dunque sempre più evidente la necessità di affrontare le future sfide tecnologiche che stanno cambiando il mondo dei sistemi aerospaziali, considerando l'alto potenziale di questo comparto per lo sviluppo di progetti e partnership internazionali basati sulla co-presenza di enti pubblici e soggetti privati, start-up e grandi imprese.

Innovazione, ricerca e sviluppo: sfide e opportunità

Le opportunità in tema di innovazione, ricerca e sviluppo non sono appannaggio solo di big player internazionali ma riguardano da vicino il comparto aerospaziale italiano. Lo dimostra la presenza di Teoresi all’Aerospace & Defense Meetings di Torino.

L’azienda piemontese racconterà nel corso della vetrina delle maggiori novità internazionali del settore che si terrà all’Oval Lingotto dal 30 novembre al 2 dicembre 2021 come affrontare le sfide dell’Aerospace grazie all’esperienza che ha costruito nel mondo della smart mobility e in particolare nel settore automotive, nel controllo di centraline e sistemi di comunicazione a bordo veicolo, nella gestione di sensori, nell’implementazione di sistemi telematici, di localizzazione e di riprogrammazione e controllo a distanza, nella gestione di software per sistemi “safety critical”, nell’ambito di user experience e sviluppo e validazione di applicazioni e prototipi.

“Teoresi è un’azienda che da trent’anni ha sviluppato competenze trasversali nel macro settore del trasporto, specialmente in automotive, su cui poter fare leva oggi per sviluppare applicazioni nel mondo aerospace – commenta Fabio Gadda, Marketing Program Manager di Teoresi –. Guidare una macchina da sola è come guidare un drone? Evidentemente no, ma il lavoro di Teoresi è distillare queste competenze e tecnologie per trasferirle a un mercato contiguo.

Crossfertilization: trasferire competenze tra vari ambiti della mobilità

La risposta alle sfide lanciate da questo settore è nell’esperienza e nel metodo di Teoresi, in grado di proporsi come partner fornendo soluzioni “plug and play” applicabili efficientemente a tutte le industry, inclusa quella del settore aerospace. Di recente, infatti, Teoresi è stata ammessa dal Direttivo del Distretto Aerospaziale Piemonte a entrare a far parte dei soci e ha avuto modo di partecipare al terzo “DAP Elevator Pitch”, appuntamento dedicato ai progetti e alle idee di business per l’aerospazio.

Supportando grandi clienti automotive internazionali, Teoresi ha maturato expertise nello sviluppo di progetti tecnologici che abbinano le conoscenze pregresse sulla dinamica e sul controllo del veicolo alle nuove tematiche della guida assistita e che possono essere fornite come soluzioni anche nell’ambito aerospaziale: dal controllo dei droni alla gestione smart delle batterie dei velivoli.

“Le nostre esperienze nel settore della Human Machine Interaction, del powertrain elettrico e della guida autonoma possono sicuramente essere applicate al mondo dei velivoli – spiega Fabio Gadda –. Uno degli ambiti più interessanti è quello della urban air mobility che nel breve periodo porterà a utilizzare i droni per i controlli di sicurezza degli aerei negli aeroporti, mentre in un’ottica futura possiamo pensare ad una rivoluzione della mobilità urbana, in cui il traffico di persone e merci sarà spostato in cielo con taxi volanti e servizi di consegna di pacchi senza conducente”.

Il metodo Teoresi consiste per l’appunto in una “crossfertilization”, nella capacità di trasferire in maniera trasformativa le competenze da un ambito all’altro, intercettando i driver del mercato e i trend che impattano le industrie verticalmente. Elemento peculiare di Teoresi è la governance, che nel contesto del settore aerospazio e difesa, significa capacità di orientarsi in un mercato fatto di informazioni sensibili, che ha riflessi importanti sul mondo civile ma si muove dentro meccanismi governativi. Modellazione e simulazione saranno quindi gli strumenti operativi da usare per realizzare l’innovazione di questo settore; al contempo lo sviluppo non può prescindere dal mettere in campo competenze in risposta agli elevati standard di sicurezza richiesti dal sistema aerospaziale.

 

Tag: smart mobility

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Togg presenta il nuovo concept USE CASE Mobility: per una mobilità, elettrica, incentrata sull’utente, smart e condivisa

Togg ha debuttato ufficialmente al CES 2022 di Las Vegas. Durante la conferenza stampa il Ceo dell’azienda, Gürcan Karakaş, ha presentato la visione del brand, fondato con l’intento...

Stellantis: accordo con Amazon per lo sviluppo di soluzioni software customer-centric sui propri veicoli

Trasformare l’esperienza di guida favorendo la transizione del settore della mobilità verso un futuro sostenibile e reso più efficiente dall’impiego di software. Questo...

Dalla Turchia una soluzione di mobilità evoluta che coniuga sistemi elettrici, autonomi e interconnessi

Una soluzione di mobilità, in cui il propulsore elettrico si fonde con sistemi autonomi e sistemi interconnessi in un unico ecosistema. Togg, azienda turca emergente nel mercato delle nuove...

Iveco-Plus: un progetto pilota in Europa e Cina per camion a guida autonoma

Iveco avvia una partnership con Plus, fornitore globale di tecnologia di guida autonoma per autotrasporto pesante, per il lancio di un progetto pilota in Europa e Cina, per arrivare a integrare e...

Commissione europea: quattro proposte per la transizione verso una mobilità green e smart

Aumentare la connettività e spostare più passeggeri e merci sulle linee ferroviarie e sulle vie navigabili interne; sostenere l'introduzione di punti di ricarica, infrastrutture di...

Mercitalia Intermodal e TX Logistik: test pilota per il Trasporto Combinato

Mercitalia Intermodal e TX Logistik testeranno diverse composizioni di carri merci “smart”, per trovare l’integrazione ottimale della tecnologia digitale nel Trasporto Combinato....

Mobility as a service for Italy: aperto l'avviso pubblico per individuare tre progetti pilota

Le nuove tecnologie digitali aprono nuovi scenari anche nel mondo dei servizi dedicati alla mobilità. Il MaaS è un nuovo concetto di mobilità urbana che prevede...

Smart road, sicurezza, sostenibilità: Anas ad Asphaltica nel segno di innovazione digitale e materiali eco-compatibili

Potenziamento degli standard di sicurezza della rete tramite attività specifiche e periodiche di manutenzione e investimenti in ricerca e sviluppo, non solo nell’ambito delle nuove...