Michelin per l’ambiente: con i pneumatici multi vite aumenta la durata chilometrica

lunedì 18 settembre 2017 16:09:09

Nel settore autocarro, Michelin persegue l’obiettivo della mobilità sostenibile attraverso l’innovazione tecnologica e al continuo miglioramento della durata chilometrica dei pneumatici e al risparmio di carburante e al modello “multi vite”: nuovo, riscolpito, ricostruito.

Per quanto riguarda la durata chilometrica l’ultima generazione della gamma di pneumatici autocarro per trasporto in ambito regionale il pneumatico Michelin X Multi si caratterizza per un rendimento dal 15% al 20% in più rispetto alla gamma precedente Michelin X MultiWay 3D. La nuova gamma integra le ultime tecnologie nate dal settore Ricerca e Sviluppo di Michelin: Region, Infinicoil, Powecoil e Carbion. Nella dimensione 13R22.5 della gamma Michelin X Workstm, referenza per i cantieri in Italia per tutti gli impieghi del settore costruzioni, i pneumatici Michelin X Workstm Z & D possono percorrere fino al 20% di chilometri in più rispetto ai predecessori Michelin X Workstm XZY/XDY. Inoltre Michelin propone la ricostruzione anche per la nuova gamma, in modo che gli utilizzatori ottengano il massimo dalla carcassa nelle varie sue vite. L’insieme Front, Drive e Trailer di Michelin X Line Energy, dalla classificazione A, A, A in termini di resistenza al rotolamento, wet grip e livello di rumorosità, offre un risparmio di carburante fino a 1 litro ogni 100 km rispetto alle gamme precedenti. 

Passando al discorso sul battistrada, prestazioni e sostenibilità, il costruttore francese ha ottenuto alti livelli di performance e grip dai pneumatici nuovi, ma anche dai pneumatici a fine usura. Mescole del battistrada, architettura della carcassa e materiali utilizzati, consentono lo smontaggio dei pneumatici autocarro ai 3 mm di residuo e non, necessariamente, prima (esempio: 5 mm). Nel caso del Michelin X Multi T, 2 mm corrispondono infatti a circa 35.000 km di percorrenza in più. Questo significa, per il Michelin X Multi T 385/65-22,5, utilizzato sui Trailer, il cui battistrada nuovo misura 16 mm, la possibilità di sfruttare in sicurezza almeno 13 mm di battistrada.

La carcassa dei pneumatici è stata progettata per essere riscolpita e ricoperta più volte. Questo permette al trasportatore di ottimizzare la redditività nel modo più sicuro possibile e di tutelare l'ambiente.Mettendo in opera il modello multi vite, i trasportatori realizzano importanti risparmi di carburante, contribuendo anche alla salvaguardia dell’ambiente, e ottengono una resa chilometrica senza equivalenti. La successione di utilizzo tra pneumatico nuovo/pneumatico ricostruito permette di ridurre del 70% circa l’utilizzo di materia prima in rapporto a un pneumatico nuovo non ricostruibile. 

La riscolpitura dei pneumatici prolunga la vita dei pneumatici grazie al ripristino della profondità della scultura. I pneumatici riscolpiti possono percorrere fino al 25% di chilometri in più rispetto al pneumatico nuovo. La riscolpitura dei pneumatici permette quindi di ridurre in un anno le emissioni di CO2 fino a 1,6 tonnellate (esempio di insieme trattore-rimorchio – rilevazioni sui consumi Michelin), contribuendo alla salvaguardia dell’ambiente. Per quanto riguarda le prestazioni, su suolo bagnato, i pneumatici riscolpiti hanno un'aderenza trasversale e una motricità superiore di circa il 10% rispetto agli stessi pneumatici usurati.4 riscolpiture (un assale DRIVE) corrispondono a un pneumatico MICHELIN nuovo risparmiato, quindi a 70 kg di materie prime non consumate e ad una carcassa pneumatico non sprecata.

Nella ricostruzione a caldo la carcassa precedentemente preparata è ricoperta da gomma cruda. L’insieme è posizionato nello stampo di cottura che darà la scultura battistrada definitiva al pneumatico ricostruito. La vulcanizzazione avviene in una pressa a 160° per circa un’ora, come per la fabbricazione di un pneumatico nuovo. Il pneumatico riscostruito offre lo stesso rendimento del pneumatico nuovo, perché il processo industriale, i materiali e le tecnologie impiegati da sono gli stessi. Il costo/km è drasticamente abbattuto. Nella ricostruzione a freddo un battistrada prestampato con la scultura definitiva è posto sulla carcassa precedentemente preparata. La vulcanizzazione in autoclave a 115°, per circa tre ore, assicura la coesione dei materiali tra loro. La ricostruzione viene effettuata da una rete di licenziatari sparsi sul territorio.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Pneumatici

Altri articoli della stessa categoria

Vacanze sicure con gomme in regola: controlli Polstrada, 1 su 10 ha pneumatici lisci

venerdì 12 luglio 2019 15:20:17
Prima regola per partire sicuri in vacanza è il controllo dei pneumatici: questo il consiglio del Servizio Polizia Stradale, Assogomma e...

Prometeon Tyre Group presenta il consorzio SuperTruck al servizio delle flotte italiane

mercoledì 10 luglio 2019 09:54:19
"Uno più uno fa tre”: è con questa consapevolezza che su spinta propulsiva di Prometeon Tyre Group, lo spin-off industrial di Pirell...

Solari (Prometeon Tyre Group): SuperTruck, la risposta diretta alle esigenze dell'autotrasporto italiano

mercoledì 10 luglio 2019 10:34:39
Creare nuove sinergie mettendo insieme il tessuto imprenditoriale e la visione globale di una multinazionale. Con questa prospettiva è stata lanciato...

Seconda edizione per il Finland Nokian Tyres IRONMAN 70.3

venerdì 28 giugno 2019 16:27:21
Il Finland Nokian Tyres IRONMAN 70.3 conquista l’estate finlandese per la seconda volta. L'evento sportivo si terrà il 29 giugno e...

Pneumatici, Continental amplia lo stabilimento di produzione di Lousado in Portogallo

mercoledì 19 giugno 2019 12:36:50
Continental espande la propria linea di produzione ampliando lo stabilimento di Lousado in Portogallo. Previsto un investimento di 100 milioni...