Inail: casi di risarcimento danni per il personale che usa auto propria

giovedì 11 giugno 2015 11:55:48

Arrivano chiarimenti dall'Inail destinati al personale, in merito alla copertura dei rischi di infortunio e di danneggiamento dell'auto degli organi ispettivi autorizzati all’uso del proprio mezzo di trasporto per ragioni di servizio. 
La copertura assicurativa vale limitatamente al tempo necessario per il servizio stesso e in presenza di accertato “nesso di causalità” tra la missione del dipendente e il danno che si è verificato. 

Ai fini della copertura assicurativa l’auto utilizzata dai dipendenti, autorizzati all’uso della stessa, deve essere di proprietà del dipendente stesso o del coniuge con cui vige il regime di comunione dei beni o, in caso di separazione dei beni, del coniuge o di altro soggetto con grado di parentela non superiore al primo con il dipendente, con cui sia stato stipulato un contratto di comodato d’uso con data precedente a quella di autorizzazione all’uso dell’autovettura stessa e già in possesso dell’Istituto all’atto dell’autorizzazione. L’auto può essere anche in comproprietà con il coniuge in regime di separazione dei beni o con altri componenti del nucleo familiare che risultano dallo stato di famiglia. 

Il risarcimento dei danni è previsto quando ricorrono i seguenti presupposti: 
- accertamento da parte dell’Inail che l’incidente è avvenuto per motivi ed in occasione di lavoro (riscontro del foglio di viaggio, ecc.); 
- autorizzazione a far uso dell’autovettura di proprietà in epoca anteriore al sinistro; 
- eventuali rapporti redatti dal personale di Polizia; 
- fatture in originale o in copia autentica delle spese sostenute per la riparazione dell’autovettura;
- dichiarazione da parte del dipendente di non aver ottenuto il risarcimento del danno da alcuna compagnia di assicurazione; 
- eventuale indagine ispettiva.

La copertura assicurativa non vale per i danni conseguenti a comportamenti dolosi o gravemente colposi, atti di vandalismo, imperizia nella guida dell’autovettura, quale ad esempio gli urti durante le manovre di parcheggio. Non sono inoltre rimborsabili i danni dovuti alla fisiologica usura del mezzo utilizzato e che solo per caso vengono a manifestarsi in occasione dello svolgimento della missione.
Tali indicazioni valgono per le missioni compiute a decorrere dal 15 giugno 2015.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Norme

Altri articoli della stessa categoria

NCC, sentenza della Corte Costituzionale: illegittimo l'obbligo di rientro

giovedì 26 marzo 2020 16:37:38
Non può essere obbligato a rientrare in rimessa prima di cominciare ogni prestazione chi svolge il servizio di noleggio con conducente (NCC). Lo ha...

Coronavirus: il Mit proroga i decreti di emergenza. Ulteriore riduzione dei servizi ferroviari

mercoledì 25 marzo 2020 14:57:45
Prorogati fino al 3 aprile prossimo tutti i provvedimenti messi in atto dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per far fronte all'emergenza...

Covid-19: arriva il decreto Cura Italia, misure anche per trasporti e logistica

martedì 17 marzo 2020 09:58:58
Il Presidente del Consiglio Conte ha illustrato i contenuti del decreto legge "Cura Italia", con nuove misure sanitarie ed economiche a sostegno di...

Prorogati al 30 giugno i termini per sostenere gli esami per la patente

mercoledì 11 marzo 2020 19:51:14
Il Mit ha prorogato i termini per sostenere le prove dell’esame di patente: prorogati al 30 giugno sia i tempi per l’esame di teoria che la...

Coronavirus: tutta l'Italia è zona protetta. Nessuno stop per la circolazione delle merci

martedì 10 marzo 2020 10:38:18
Nuove misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid-19 sull'intero territorio nazionale. Il Presidente del Consiglio, Giuseppe...