Inail: casi di risarcimento danni per il personale che usa auto propria

giovedì 11 giugno 2015 11:55:48

Arrivano chiarimenti dall'Inail destinati al personale, in merito alla copertura dei rischi di infortunio e di danneggiamento dell'auto degli organi ispettivi autorizzati all’uso del proprio mezzo di trasporto per ragioni di servizio. 
La copertura assicurativa vale limitatamente al tempo necessario per il servizio stesso e in presenza di accertato “nesso di causalità” tra la missione del dipendente e il danno che si è verificato. 

Ai fini della copertura assicurativa l’auto utilizzata dai dipendenti, autorizzati all’uso della stessa, deve essere di proprietà del dipendente stesso o del coniuge con cui vige il regime di comunione dei beni o, in caso di separazione dei beni, del coniuge o di altro soggetto con grado di parentela non superiore al primo con il dipendente, con cui sia stato stipulato un contratto di comodato d’uso con data precedente a quella di autorizzazione all’uso dell’autovettura stessa e già in possesso dell’Istituto all’atto dell’autorizzazione. L’auto può essere anche in comproprietà con il coniuge in regime di separazione dei beni o con altri componenti del nucleo familiare che risultano dallo stato di famiglia. 

Il risarcimento dei danni è previsto quando ricorrono i seguenti presupposti: 
- accertamento da parte dell’Inail che l’incidente è avvenuto per motivi ed in occasione di lavoro (riscontro del foglio di viaggio, ecc.); 
- autorizzazione a far uso dell’autovettura di proprietà in epoca anteriore al sinistro; 
- eventuali rapporti redatti dal personale di Polizia; 
- fatture in originale o in copia autentica delle spese sostenute per la riparazione dell’autovettura;
- dichiarazione da parte del dipendente di non aver ottenuto il risarcimento del danno da alcuna compagnia di assicurazione; 
- eventuale indagine ispettiva.

La copertura assicurativa non vale per i danni conseguenti a comportamenti dolosi o gravemente colposi, atti di vandalismo, imperizia nella guida dell’autovettura, quale ad esempio gli urti durante le manovre di parcheggio. Non sono inoltre rimborsabili i danni dovuti alla fisiologica usura del mezzo utilizzato e che solo per caso vengono a manifestarsi in occasione dello svolgimento della missione.
Tali indicazioni valgono per le missioni compiute a decorrere dal 15 giugno 2015.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Norme

Altri articoli della stessa categoria

Bonus mobilità: in arrivo altri 70 milioni

martedì 9 giugno 2020 10:04:07
Il ministero dell’Ambiente ha comunicato di essere riuscito a recuperare dai bilanci di varie direzioni del dicastero, altri 70 milioni di euro per...

Mit: via alla Fase3 con obbligo di misurazione della temperatura per accesso ai treni AV e Intercity

mercoledì 3 giugno 2020 10:10:30
Misurazione obbligatoria della temperatura nelle stazioni dell’Alta Velocità ferroviaria per tutti i passeggeri dei treni a lunga...

Immatricolazioni: via a nuove procedure telematiche obbligatorie

lunedì 1 giugno 2020 11:40:08
Diventa obbligatorio da oggi l'utilizzo delle nuove procedure telematiche per le operazioni di immatricolazione, di reimmatricolazione e di trasferimento della...

Accise gasolio: Governo al lavoro per posticipare il taglio del rimborso su veicoli Euro 3 ed Euro 4

venerdì 29 maggio 2020 11:36:55
Nella seduta del 27 maggio la Camera dei Deputati ha accolto l’ordine del giorno con cui il Governo si impegna a posticipare il taglio delle accise sui...

Autotrasporto: pubblicato in Gazzetta Ufficiale Ue il Regolamento di proroga di certificati, licenze, autorizzazioni

giovedì 28 maggio 2020 17:37:29
Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea il Regolamento con cui sono stati prorogati alcuni termini di validità di certificat...