Porti: in arrivo una normativa uniforme per il dragaggio dei fondali

CONDIVIDI

venerdì 20 febbraio 2015

L’interramento dei fondali dei principali porti del paese minaccia di paralizzarne completamente l’operatività. Ecco perché dal ministero per l'ambiente verrà emanata una normativa uniforme per dragare gli scali di qualsiasi regione d’Italia. Lo ha annunciato il sottosegretario al ministero dell’Ambiente, Silvia Velo, aggiungendo che è in bozza un decreto ministeriale che sarà pronto entro 2/4 mesi. La sostanza del provvedimento riprende quanto già contenuto nel decreto messo a punto nel dicembre scorso e poi arenatosi per il mancato parere positivo delle Regioni. 
Velo, intervenuta al convegno organizzato dalla Federazione del mare, da Assoporti e da Federagenti, ha poi spiegato che in assenza di un via libera delle Regioni sarà inevitabile procedere con un provvedimento del Consiglio dei ministri.
La stessa sottosegretario all’Ambiente si è pronunciata anche in merito ai siti Sind, ovvero a quei siti di interesse nazionale che dovrebbero essere sottoposti a bonifica globale e dove sino a oggi è stato impossibile rimuovere materiale dai fondali. Nel ricordare come l’Italia sia incorsa in materia in numerose procedure di infrazione comunitarie (anche quando la stessa Ue consente dragaggi quotidiani nei porti nord europei, è emerso dal convegno) Silvia Velo ha preannunciato anche in questo caso la messa a punto di un regolamento (non prima della fine della prossima estate)  che sfoci in un decreto di concerto fra quattro ministeri e che renda più semplici e adeguate con le innovazioni scientifiche acquisite, la verifica dell’inquinamento, la riperimetrazione dei siti e quindi i dragaggi.
“Negli ultimi anni abbiamo visto i porti italiani perdere 40 milioni di tonnellate di merci - ha detto Umberto Masucci, vicepresidente della Federazione del sistema marittimo italiano -. In parte ciò è legato al ciclo economico, ma in parte è significativo della perdita di competitività dei nostri porti e l’innalzamento dei fondali ne è uno dei fattori. Nè si può trascurare il fatto che anche importanti aree portuali dedicate alla cantieristica navale, specie nell’Adriatico, presentano ormai situazioni critiche. Allo stato attuale, per le prove in mare delle navi dei cantieri di Marghera o Ancona, occorre attendere le giuste condizioni di venti e di marea, il che condiziona la programmazione produttiva in una fase critica del processo quanto a gradi di libertà e ritardi ammissibili. Inoltre, gli elevati costi di smaltimento dei materiali di risulta riducono la competitività dei nostri cantieri.Il problema dei dragaggi non riguarda solo i porti commerciali e cantieristici, ma anche quelli (oltre cinquecento) impiegati dalle imbarcazioni da diporto e pescherecce, in larga parte porti-canale per i quali i problemi di autorizzazione al dragaggio sono particolarmente acuti e caratterizzati da ritardi ultradecennali. Accanto ai gravi problemi di tali strutture ci sono poi quelli analoghi dei /marina/ turistici, i quali sono l’ossatura della rete infrastrutturale del Paese nel turismo nautico più ricco e rappresentano il 25% dei 160mila posti-barca esistenti in Italia. L’incontro di oggi deve perciò essere l’inizio di un nuovo percorso, esempio di un efficace coordinamento amministrativo in materia marittima quanto mai sentito, da quando le competenze marittime sonostate progressivamente disperse tra più amministrazioni.L’auspicio della Federazione del Mare è che si trovi celermente una soluzione e che una catena di comando ben funzionante, quale quella che qui vediamo, porti la soluzione individuata dal referente politico alla sua attuazione legislativa e amministrativa in tempi conformi agli /standard/ internazionali, caratteristici del mondo marittimo”. 

Tag: assoporti

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Assoporti: traffico in crescita nel primo semestre, restano criticità per il settore passeggeri

Dai dati disponibili si rileva che i traffici commerciali dei porti italiani a giugno hanno raggiunto 244 milioni di tonnellate, segnando una crescita anche rispetto al periodo pre-pandemia (+2,7%)....

Guardia Costiera e Assoporti: accordo per migliorare il monitoraggio del traffico navale

Mettere a fattor comune dati e informazioni di reciproco interesse, attraverso la condivisione con le Autorità di Sistema di dati e informazioni acquisiti nell’ambito della rete...

Le AdSP possono costituire comunità energetiche: soddisfazione di Assoporti

Soddisfazione di Assoporti per la previsione inserita nel decreto legge sulle politiche energetiche nazionali e aiuti a famiglie e imprese approvato ieri, che riconoscendo ai porti lo status di...

Assoporti: in crescita il traffico merci nel 2021 ma ancora non a livelli pre pandemia

Nel 2021 nei porti italiani sono state movimentate complessivamente 481,5 milioni di tonnellate di merci, in crescita dell’8,4% rispetto al 2020 (444 milioni di tonnellate). Un dato che, per...

Assoporti: più infrastrutture e meno burocrazia per competere con altri Paesi del Mediterraneo

"Le autostrade del mare sono principi di economia intelligente che vanno rilanciate con forza anche perché danno risposte alla sostenibilità che è un valore sempre più...

Misure a favore dei portuali nel decreto Milleproroghe. Soddisfazione di Assoporti

Soddisfazione dall’Associazione dei Porti Italiani (Assoporti) per l’inserimento nel decreto “Milleproroghe” di alcuni emendamenti che riguardano il settore portuale...

Assoporti: nel 2021 è iniziata la risalita dei porti italiani

La crescita del trasporto marittimo mondiale, in termini di tonnellaggio, è attesa al 3,4% nel 2022: ad avanzare sono soprattutto i porti di Medio Oriente e Nord Africa, riducendo il gap con...

Porto di Augusta: 53 milioni da Cassa Depositi e Prestiti per lavori di riqualificazione

Riqualificare lo scalo commerciale e migliorare le condizioni di sicurezza della navigazione marittima: questo l’obiettivo del finanziamento del valore di 53 milioni di euro che Cassa Depositi...