Camion, Porto di Genova: tempi di attesa troppo lunghi, autotrasportatori in stato di agitazione

CONDIVIDI

giovedì 22 novembre 2018

Autotrasportatori in protesta al porto di Genova. Le associazioni dell’Autotrasporto CNA Fita, Confartigianato Trasporti, Fai Conftrasporto, Fiap, Trasportounito hanno proclamato lo stato di agitazione.

Un comunicato dell'associazione Trasportounito spiega i motivi: "tempi di attesa per i camion che hanno superato ogni limite di guardia e tolleranza e che si traducono in una perdita secca per le imprese di autotrasporto, che con mezzi fermi non producono risultati ma solo costi, e che ormai da anni si accollano gli oneri per disservizi generati in particolare dall’incapacità dei terminal container nel servire adeguatamente l'autotrasporto oltreché da un’errata organizzazione della viabilità portuale, mancanza di aree di sosta  e da criticità irrisolte legate al processo documentale. Le associazioni stimano che, a causa dei gravi blocchi operativi, le imprese di autotrasporto hanno “bruciato” nel 2018 circa 25 milioni di euro".

"Un anno di trattative al Tavolo dell’Autorità di Sistema non ha prodotto risultati - aggiunge l'associazione -. I tempi di attesa nei bacini portuali e nei terminal assumono le caratteristiche di un vero e proprio “colpo di grazia” per un autotrasporto contenitori già in una situazione drammatica, anche per via dell’aumento dei costi del gasolio e della incapacità di ottenere da spedizionieri e compagnie marittime tariffe di servizio adeguate per garantire altresì la sicurezza sulle strade per l’intera collettività.
E per l’autotrasporto esiste solo una risposta accettabile: Autorità di Sistema Portuale deve intervenire velocemente e risolvere le attese. In parallelo gli altri operatori devono iniziare a pagare adeguatamente i servizi di autotrasporto, smettendola di fare dumping tariffario. Nel frattempo l’Autorità Portuale deve completare immediatamente il sistema di tracciamento e certificazione delle attese in porto e impegnarsi, superata una soglia minima di fermo macchina, a indennizzare le Imprese di autotrasporto.

"Il 29 novembre p.v. il tavolo convocato dal Presidente Signorini dovrà produrre risposte e impegni precisi nella forma di un accordo scritto tra le parti. In caso contrario le Associazioni dell’Autotrasporto unitariamente dichiareranno il fermo dei servizi di categoria", conclude la nota.

Tag: cna fita, confartigianato trasporti, fiap

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Autotrasporto: Confartigianato, in Emilia-Romagna cresce la richiesta di autisti

La carenza di autisti in Emilia-Romagna si fa pressante. E' in crescita infatti la domanda di lavoro da parte delle imprese di autotrasporto, che in Emilia-Romagna sono 8.932 di cui il 73,9%...

Green pass: Confartigianato Trasporti, il regime alternativo per chi proviene dall'estero penalizza le imprese italiane

Ieri i Ministeri delle Infrastrutture e della Salute avevano diffuso una nota per precisare che gli autotrasportatori provenienti dall’estero possono liberamene circolare senza green pass, a...

Green pass e logistica: Fiap, dal 15 ottobre possibili gravi inefficienze e danni economici

Scaffali vuoti, crisi dei carburanti e blocco delle industrie. Questo, secondo Fiap, è lo scenario economico che potrebbe concretizzarsi nel Paese quando subentrerà, il 15 ottobr...

Confartigianato Trasporti: la carenza di autisti mette a rischio la ripresa economica e produttiva

La ripresa in corso è indubbiamente un segnale incoraggiante per la situazione economica del nostro Paese ma, guardando da vicino i dati, si evidenziano segnali di tensione sui fattori...

One Day Truck&Logistics 2021: il punto sul cambiamento della filiera

Il 4 e 5 ottobre scorsi le imprese della filiera estesa del trasporto, della logistica e dell’aftermarket truck sono tornate a Bologna per l’appuntamento con One Day Truck & Logistics...

Autotrasporto, investimenti 2020-2021: al via la rendicontazione domande della seconda finestra

RAM, il gestore degli incentivi del Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, sta provvedendo ad inviare le credenziali di accesso al sistema per le attività di...

Carenza autisti autotrasporto: Cna Fita Abruzzo chiede fondi per formazione e patenti

Ripensare profondamente le politiche dedicate alla formazione delle figure destinate alla guida dei mezzi pesanti. Lo chiede alla regione Luciana Ferrone, presidente di Cna Fita Abruzzo (sigla che...

Germania: nuovi importi per i pedaggi, previsti rimborsi retroattivi

  In Germania nuovi importi dei pedaggi a partire dal 1° ottobre. Il provvedimento fa seguito alla sentenza del 28 ottobre 2020 con cui la Corte di Giustizia Ue ha condannato la Germania a...