Porto di Trieste: 1 miliardo per il rilancio dell’economia del mare e del retroporto

CONDIVIDI

martedì 14 giugno 2022

Spinta alla ripresa degli investimenti 4.0 sostenibili delle piccole e medie imprese e crescita attraverso il ricorso alla finanza straordinaria e alla digitalizzazione, promuovendo e sostenendo progetti strutturali nazionali e territoriali, programmi di sviluppo imprenditoriale singoli e in filiera e iniziative ad elevato impatto economico e sociale che possano attrarre investitori

Questi i principali ambiti su cui si sviluppa l’accordo siglato dall’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale e Intesa Sanpaolo per promuovere lo sviluppo dell’attività portuale e dell’economia ad essa collegata che possa generare un impatto positivo anche per l’entroterra triestino. Stanziato un plafond di 1 miliardo di euro di nuovo credito.

L’iniziativa rientra nei progetti previsti da Motore Italia, il programma di Intesa Sanpaolo di finanziamenti e iniziative per consentire alle piccole e medie imprese sia di superare la fase di difficoltà causata dalla crisi pandemica e sia di rilanciarsi attraverso progetti di sviluppo e crescita, in linea con gli obiettivi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

In quest’ambito, in coerenza con le prossime iniziative pubbliche previste dal PNRR per migliorare la competitività del sistema portuale, l’accordo prevede le attività:

• accompagnare le imprese nel processo evolutivo verso criteri orientati ai principi dell’Environmental, Social and Governance (ESG) e della Circular Economy;

• realizzazione di iniziative rivolte allo sviluppo e alla promozione dell’innovazione nel territorio;

• sostegno alla nascita di nuove imprese e alla loro crescita;

• promozione di forme strutturate di collaborazione in reti di filiera delle piccole e medie e delle microimprese, favorendo l’accesso al Programma Filiere di Intesa Sanpaolo;

• promozione di nuovi investimenti produttivi anche a seguito di attività di attrazione e di reshoring;

• formazione manageriale nelle imprese a partire dagli aspetti della gestione innovativa della finanza;

• favorire e sostenere investimenti anche esteri che possano generare nuove opportunità di sviluppo economico e sociale del territorio;

• promuovere iniziative di welfare e di impact banking in ottica Corporate Social Responsibility (“CSR”).

 

L’importanza strategica del settore marittimo nel Friuli Venezia Giulia

Il settore marittimo nel Friuli-Venezia Giulia ha un’importanza strategica: da quanto emerge da una ricerca curata da Studi e Ricerche per il Mezzogiorno (SRM), attiva 1,7 miliardi di euro di valore aggiunto.

Le industrie della regione hanno generato un import export via mare pari a 9,2 miliardi di euro. Una cifra che rappresenta il 45% del totale interscambio del territorio a significare come il sistema produttivo sia fortemente dipendente dalla logistica marittima e dalla portualità.

La regione vanta un numero di imprese che lavorano nel settore della logistica merci pari a circa 1.700 unità e occupano circa 20 mila addetti. Il porto di Trieste si è confermato il primo porto italiano anche nel 2021 per merci movimentate, con un forte recupero sul primo anno della pandemia: +2,23% i volumi totali, con oltre 55 milioni di tonnellate.

Il mese di aprile 2022 ha visto raggiungere il record assoluto per il traffico contenitori sfiorando gli 80.000 TEU, con un aumento a doppia cifra sullo stesso periodo del 2021 (+45%).

Permane la valenza strategica del porto sulle interconnessioni mare-ferro, uno dei pilastri della sostenibilità, menzionata anche nel PNRR. I dati sulla movimentazione ferroviaria del 2021 confermano, infatti, il primato di Trieste in questo settore: con oltre 9.300 treni movimentati (+15,13%), superando quota 10.000 considerando i numeri del porto di Monfalcone, e un network di destinazioni che conta su più di 200 partenze settimanali via treno verso tutta Europa.

“Il rilancio del porto presuppone una componente di finanziamento che non viene generata dall’Autorità di Sistema, e che è sicuramente superiore a quella generata dal pubblico – dichiara Zeno D’Agostino, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale –. Uno sviluppo che parta dalle banchine per abbracciare le attività logistiche e industriali all'interno del porto franco ha bisogno di essere sostenuto anche da strumenti finanziari adatti a un modello complesso come il nostro e, da una integrazione tra mondo pubblico e privato. L’accordo con Intesa Sanpaolo va proprio in questa direzione, inserendosi in un piano di sviluppo armonico che è il presupposto della visione di crescita complessiva del nostro sistema portuale”.

 

Tag: porto trieste

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Il porto di Trieste più vicino all'Austria: da gennaio via al primo corridoio doganale internazionale d'Europa

Far viaggiare le merci più velocemente e con un alleggerimento delle procedure amministrative, consentendo di aumentare l’intermodalità mare-ferro. Partirà a gennaio e...

Porti di Trieste e Monfalcone: merci in crescita nei primi dieci mesi dell’anno. Record per i container

"I numeri parlano chiaro: il porto è fondamentale driver di crescita e, non di meno, un formidabile rilevatore delle tendenze macro economiche globali. Vedremo nei prossimi mesi quali fenomeni...

Sostenere la transizione ecologica e digitale: accordo tra Porto di Trieste e Unicredit

Promuovere e supportare programmi di investimento in ottica di crescita, trasformazione digitale, internazionalizzazione e Industria 4.0, transizione ecologica ed energetica ed inclusione sociale in...

Zeno d’Agostino nuovo presidente dell’Organismo europeo dei porti

Zeno d'Agostino è il nuovo presidente della European Sea Ports Organisation (Espo). Eletto all'unanimità dai rappresentanti dei 23 Paesi membri dell'Associazione nel corso...

Porto di Trieste sempre più proiettato verso l’Europa: nuovo ufficio a Bruxelles

Il porto di Trieste amplia la propria rappresentanza all’estero, continuando a proiettarsi fuori dai confini italiani per promuovere attività che diano sempre più conto della sua...

Meno code al porto di Trieste: scatta la nuova procedura di accesso per i camion

Accelerare il transito ai gate riducendo i tempi necessari per espletare le formalità doganali connesse agli imbarchi e migliorare così gli standard operativi del porto di Trieste: a...

Porto di Trieste al centro di nuovi corridoi merci verso l’Europa

Il porto di Trieste sempre più integrato in una rete di nuovi corridoi merci multimodali attraverso l’Europa. Alpe Adria, gruppo logistico di Trieste specializzato nel trasporto...

Porto di Trieste: presentato il progetto per la realizzazione del nuovo terminal multifunzione Adria Port

Un terminal multifunzione flessibile dedicato a contenitori, general cargo e ro/ro su una banchina di 650metri che permetterà l'approdo contemporaneo di due navi garantendo al contempo una...