Porti di Trieste e Monfalcone: merci in crescita nei primi dieci mesi dell’anno. Record per i container

CONDIVIDI

giovedì 24 novembre 2022

"I numeri parlano chiaro: il porto è fondamentale driver di crescita e, non di meno, un formidabile rilevatore delle tendenze macro economiche globali. Vedremo nei prossimi mesi quali fenomeni avvertiremo, se insomma la recessione effettivamente arriverà".

Così il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, Zeno D'Agostino, commenta i dati di traffico relativi ai primi dieci mesi dell’anno, da cui emerge una prova di forza del porto di Trieste, caratterizzato da una solida ripresa.

Da gennaio a ottobre 2022 lo scalo del capoluogo giuliano registra una crescita complessiva del 4,33%, con 47.479.335 di tonnellate di merce movimentate rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

"Il valore positivo per tutte le categorie merceologiche è un segnale del dinamismo del sistema portuale e del territorio" ha sottolineato il presidente D'Agostino, in riferimento ai record e ai fermenti di recupero dopo la stasi generata dalla pandemia. Stabili le rinfuse liquide con 30.886.124 tonnellate (+0,56%) e forte sprint di crescita per le rinfuse solide, con 567.013 tonnellate movimentate (+22,85%).

Ulteriore conferma di un trend che segna il ritorno alla normalità è la volata del settore contenitori: 735.046 i teu movimentati, con un incremento a doppia cifra (+16,23). Risultato che rappresenta il record storico dello scalo triestino per la movimentazione teu, se paragonata allo stesso periodo degli anni precedenti.

All'aumento del traffico containerizzato si affianca l'andamento positivo del comparto Ro-Ro, che raggiunge 268.320 unità transitate (+7,01%). Anche in questo caso siamo di fronte a un record storico per il traffico legato all'autostrada del mare.

Positiva la performance della movimentazione ferroviaria: 7.986 sono stati i treni operati allo scalo giuliano, con una crescita percentuale che sfiora i 3 punti.

Porto di Monfalcone: crescita a doppia cifra per container e rotabili

Passando al porto di Monfalcone, nei primi dieci mesi del 2022, i volumi complessivi si attestano su 2.994.441 tonnellate (+5,72%). Balzo in avanti per le rinfuse solide con 2.402.320 tonnellate, (+12,43%). Nello specifico, da evidenziare la sottocategoria minerali, cemento, calce, intonaci con 147.881 tonnellate, (+107,20%) e del carbone e lignite con 220.368 tonnellate (+100%), quest'ultimo destinato alla locale centrale termoelettrica A2A. In sostanziale equilibrio sui volumi dell'anno passato la sottocategoria dei prodotti metallurgici (-0,86%) con 1.991.757 tonnellate.

Arretrano, invece, le merci varie (-14,86%) con 592.121 tonnellate. Di particolare rilievo – sottolinea l’AdSP – il dato positivo della sottocategoria "Ro-Ro (esclusi i contenitori su Ro-Ro)" pari al +11,06% (125.478 tonnellate) che ha in parte attenuato il segno negativo complessivo del settore.

Incremento del 6,20% per i veicoli commerciali con 61.935 mezzi transitati. A distinguersi soprattutto il comparto contenitori, con 1.681 teu (+59,19%) e quello ferroviario con 1275 treni (+17,51 %). Anche se si tratta di valori in assoluto ancora poco rilevanti – conclude la nota dell’AdSP del Mare Adriatico Orientale – per entrambi è il miglior risultato degli ultimi anni.

Tag: porto trieste, porto di monfalcone

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Il porto di Trieste più vicino all'Austria: da gennaio via al primo corridoio doganale internazionale d'Europa

Far viaggiare le merci più velocemente e con un alleggerimento delle procedure amministrative, consentendo di aumentare l’intermodalità mare-ferro. Partirà a gennaio e...

Sostenere la transizione ecologica e digitale: accordo tra Porto di Trieste e Unicredit

Promuovere e supportare programmi di investimento in ottica di crescita, trasformazione digitale, internazionalizzazione e Industria 4.0, transizione ecologica ed energetica ed inclusione sociale in...

Zeno d’Agostino nuovo presidente dell’Organismo europeo dei porti

Zeno d'Agostino è il nuovo presidente della European Sea Ports Organisation (Espo). Eletto all'unanimità dai rappresentanti dei 23 Paesi membri dell'Associazione nel corso...

Porto di Trieste sempre più proiettato verso l’Europa: nuovo ufficio a Bruxelles

Il porto di Trieste amplia la propria rappresentanza all’estero, continuando a proiettarsi fuori dai confini italiani per promuovere attività che diano sempre più conto della sua...

Meno code al porto di Trieste: scatta la nuova procedura di accesso per i camion

Accelerare il transito ai gate riducendo i tempi necessari per espletare le formalità doganali connesse agli imbarchi e migliorare così gli standard operativi del porto di Trieste: a...

Porto di Trieste al centro di nuovi corridoi merci verso l’Europa

Il porto di Trieste sempre più integrato in una rete di nuovi corridoi merci multimodali attraverso l’Europa. Alpe Adria, gruppo logistico di Trieste specializzato nel trasporto...

Porto di Trieste: presentato il progetto per la realizzazione del nuovo terminal multifunzione Adria Port

Un terminal multifunzione flessibile dedicato a contenitori, general cargo e ro/ro su una banchina di 650metri che permetterà l'approdo contemporaneo di due navi garantendo al contempo una...

Porto di Trieste: utilizzare la comunicazione quantistica per proteggere i dati della catena logistica

Promuovere nuove iniziative congiunte di studio delle basi teoriche e sperimentali e di applicazione della comunicazione quantistica nel settore dei trasporti e della logistica portuali. Partendo...