Gruppo Grimaldi: ordinate 6 nuove navi ro/ro multipurpose per le rotte Nord Europa-West Africa

CONDIVIDI

mercoledì 24 febbraio 2021

Il Gruppo Grimaldi, con la firma di un accordo del valore complessivo di oltre 500 milioni di dollari, ha commissionato la costruzione di sei nuove navi ro/ro multipurpose ai cantieri coreani Hyundai Mipo Dockyard Co. Ltd di Ulsan.

La consegna delle sei navi commissionate è prevista tra i primi mesi del 2023 e la fine del 2024. Le nuove unità sostituiranno naviglio del Gruppo che avrà raggiunto i 25 anni di età e saranno impiegate per elevare ulteriormente la qualità dei servizi di trasporto marittimo offerti dal Gruppo Grimaldi tra il Nord Europa e l’Africa Occidentale, in particolare con destinazione Lagos (Nigeria).

Le navi inaugureranno la nuova classe "G5"

Lunghe 250 metri, larghe 38 metri e con una portata lorda di 45.684 tonnellate, le navi ordinate inaugureranno una nuova classe denominata “G5”, evoluzione della precedente classe di unità ro/ro multipurpose “G4” costruite dallo stesso cantiere e prese in consegna dal Gruppo Grimaldi tra il 2014 ed il 2015.

Grazie ad una configurazione interna innovativa e completamente customizzata, le navi della classe G5 saranno capaci di trasportare ben 4.700 metri lineari di merci rotabili, 2.500 CEU (Car Equivalent Unit) e 2.000 TEU (Twenty foot Equivalent Unit). Rispetto alla precedente classe G4, le nuove unità avranno una capacità rotabili invariata mentre si raddoppierà quella per i container.


Oltre che per la loro capacità di carico, le navi “G5” si distingueranno per l’adozione di numerose soluzioni tecnologiche all’avanguardia finalizzate all’efficientamento energetico e alla riduzione dell’impatto ambientale. Sia il motore principale che i generatori ausiliari diesel soddisferanno i livelli di NOx imposti dal regolamento Tier III, mentre il sistema di propulsione integrato tra timone ed elica permetterà di minimizzare le perdite vorticose e, di conseguenza, ottimizzare l’efficienza propulsiva e ridurre i consumi di carburante.

Un'alternativa al consumo di carburanti fossili

Le navi saranno predisposte per la fornitura di energia elettrica da terra durante l’ormeggio, che costituisce, laddove disponibile, un’alternativa al consumo di carburanti fossili durante le soste in porto. Inoltre, il consumo elettrico dei macchinari di bordo (pompe, ventilatori, ecc.) sarà ridotto grazie all’installazione dei dispositivi variable frequency drive, mentre l’applicazione di pitture innovative a bassa rugosità permetterà di ridurre la resistenza all’avanzamento, incrementando l’efficienza delle unità. Infine, le navi saranno dotate di sistemi ibridi di depurazione dei gas di scarico per l’abbattimento delle emissioni di zolfo e particolato.
A dimostrazione della loro alta efficienza energetica ed ambientale, le unità “G5” consentiranno una riduzione delle emissioni di CO2 per tonnellata trasportata fino al 43% rispetto alle altre navi ro/ro multipurpose della flotta Grimaldi.

Grimaldi: "Una risposta efficiente per le rotte deep sea"

“La nuova serie di navi ro/ro multipurpose della classe G5 è stata progettata per rispondere ancora più efficientemente alla domanda di servizi di trasporto di qualità sulle rotte deep sea, conciliando le esigenze legate ai traffici internazionali di merci con quella di tutelare l’ambiente - ha dichiarato Gianluca Grimaldi, Presidente del gruppo partenopeo -. Compiamo così un ulteriore, importante passo nell’ambito di un percorso intrapreso ormai da anni con l’obiettivo di operare su tutte le nostre principali rotte con una flotta sempre più giovane, moderna ed ecosostenibile”.

Tag: sostenibilità, emissioni co2

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Terzo Valico: completata la galleria Serravalle, 22 km di linea ferroviaria senza interruzioni

Un nuovo tassello per la nuova grande opera sotterranea della tratta ferroviaria piemontese del Terzo Valico. Con l'abbattimento dell'ultimo "pezzo di roccia" di oggi si sono completate le...

Auto sostenibili, e se la scelta fosse metano e Gpl?

In campo automotive, negli ultimi anni, non si fa che parlare di elettrificazione. Lo chiede l'Europa, con gli standard per le emissioni sempre più stringenti, e lo sostengono le case...

Porti Adriatico: due progetti da 27mln di euro per favorire digitalizzazione e sostenibilità

Due progetti presentati dall'Autorità di sistema portuale del mare Adriatico meridionale hanno ottenuto finanziamenti per oltre 27 milioni di euro. Il MIMS ha ritenuto i progetti...

Mobilità elettrica: Acea lancia una App per la ricarica dei veicoli

Una nuova app per la ricarica dei veicoli elettrici. L'ha lanciata Acea Energia ed è utilizzabile su oltre 10.000 punti abilitati in tutta Italia. Acea entra così nel settore...

Camion e autobus a emissioni zero: l'industria chiede di ampliare la rete di ricarica elettrica

Più stazioni di ricarica elettrica per i veicoli pesanti. I produttori di autocarri e le associazioni ambientaliste chiedono all'Ue di implementare 11.000 punti di ricarica per camion...

Assarmatori chiede incentivi per sviluppare tecnologie per flotte più sostenibili

Un trasporto marittimo più sostenibile e rispettoso dell’ambiente e delle comunità può essere considerato onere esclusivo degli operatori privati?Secondo Assarmatori...

Toscana Carbon Neutral: 5 milioni di euro per 20 progetti destinati a verde urbano e piste ciclabili

Un nuovo bando green per la Toscana. Dal verde urbano alle piste ciclabili: la Regione punta alla sostenibilità grazie al finanziamento di 20 nuovi progetti. Grazie ai 5 mln di euro messi a...

Veneto: Amazon apre tre nuovi depositi di smistamento

A Vicenza, Treviso e Riese Pio X (TV) sorgeranno tre centri di smistamento Amazon, realizzati secondo alti standard di sostenibilità, con sistemi energetici e di illuminazione innovativi. Le...