Governance, riforme e semplificazioni: Confindustria presenta Progetto Mare

CONDIVIDI

venerdì 13 maggio 2022

L’Economia del Mare è un comparto sul quale è più che mai necessario elaborare una strategia complessiva e specifica, valorizzandone le singole e già rilevanti potenzialità in una visione di sistema, contribuendo in modo significativo allo sviluppo e alla competitività, su scala produttiva e territoriale, dell’intero Paese.

Questo l’assunto da cui prende le mosse il rapporto 'Progetto Mare', elaborato da Confindustria, che ha messo a punto una serie di proposte su governance, riforme e semplificazioni amministrative, politiche industriali orientate alla transizione energetica e digitale, sviluppo infrastrutturale e intermodale, riqualificazione e rilancio della portualità turistica e sviluppo della filiera ittica.

Secondo gli studi della Commissione europea (The EU Blue Economy Report 2021), il nostro Paese nel 2018 vanta complessivamente per l’intero comparto un’occupazione di quasi 530 mila unità, un fatturato di 82,2 miliardi di euro, un valore aggiunto di 23,8 miliardi, profitti lordi per 10,7 miliardi e investimenti per 2,4 miliardi.

La quota nazionale rispetto all’Ue 27 varia mediamente intorno all’11-12%, ma in alcuni segmenti di attività l’Italia vanta veri e propri primati di competitività, come nella cantieristica, nella nautica da diporto, nel settore dei traghetti Ro/Ro e delle Autostrade del Mare nonché nella crocieristica.

 

Piano Strategico per lo Sviluppo dell’Economia del Mare

Il progetto è stato il frutto di una ricognizione sulle Rappresentanze del cluster marittimo-portuale aderenti al sistema, durante la quale sono state raccolte idee, aspettative e proposte volte a definire un programma di attività da svolgere nel primo biennio 2020-2022.

Successivamente, è stato costituito un Tavolo Consultivo Confederale dell’Economia del Mare, composto da tutte le Rappresentanze del cluster marittimo-portuale (CONFITARMA, ASSONAVE, FEDERPESCA, FEDERTRASPORTO, ASSITERMINAL, CONFINDUSTRIA NAUTICA, ASSOMARINAS, UNEM, FEDERCHIMICA-ASSOGASLIQUIDI, ANITA, UNIONE INDUSTRIALI DI NAPOLI, ASSOLOMBARDA e CONFINDUSTRIA LOMBARDIA).

In quest’ambito è stata individuata come mission confederale l’elaborazione di un Piano Strategico per lo Sviluppo dell’Economia del Mare, definendo un programma di lavoro basato sulla costituzione di quattro Gruppi di Lavoro confederali a cui affidare gli approfondimenti e l’individuazione di proposte di policy e di intervento su quattro grandi macro-tematiche:

- Governance e Riforme;

- Infrastrutture e Intermodalità;

- Politiche Industriali;

- Territorio;

- Mezzogiorno e Mediterraneo.

 

Tra le proposte messe sul tavolo da Confindustria:

  • l'istituzione di un "Ministero del Mare" in modo da valorizzare la "Risorsa Mare";
  • riformare il Codice della Navigazione e adottare il regolamento attuativo del Codice della Nautica;
  • ridurre gli oneri amministrativi sulle navi battenti bandiera italiana;
  • costituire un "effettivo level playing field" della navalmeccanica europea per "eliminare il dumping" strutturale da parte dei "Paesi dell'Asia orientale" attraverso una regolamentazione dei "sussidi esteri" e l'utilizzo dei "sostegni pubblici europei";
  • condividere in sede Imo (Organizzazione Marittima Internazionale) la normativa ambientale;
  • semplificare le procedure riguardanti i progetti degli interporti e delle relative piattaforme logistiche e dei nuovi terminali intermodali;
  • definire un'unica cornice regolatoria e introdurre driver tecnologici standardizzati per la digitalizzazione della filiera logistica portuale;
  • elaborare una politica industriale dedicata al settore;
  • applicare il "modello Genova", laddove possibile, anche per le opere portuali;
  • accelerare i meccanismi di funzionamento dell’assetto organizzativo delle ZES del Mezzogiorno;
  • adottare rapidamente la disciplina specifica per le Zone logistiche semplificate (ZLS), con misure specificamente dedicate all’attrazione di investimenti.

 

Tag: trasporto marittimo

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Porto di Bari: via al bando di gara per la realizzazione del nuovo terminal passeggeri

Un nuovo terminal moderno e funzionale che si svilupperà su una superficie di circa 3.000 mq. La caratteristica principale dell’edificio sarà la sua polifunzionalità: oltre...

Al porto di Civitavecchia la nave portacontainer più lunga mai ormeggiata

Continua il processo di sviluppo e ampliamento dei traffici nel porto di Civitavecchia, che punta a crescere ulteriormente tra i più importanti scali del Mediterraneo, oltre che per le...

Porti dell’Adriatico centrale: traffico merci in aumento rispetto ai numeri pre Covid

Dati più che positivi i per il traffico merci dei porti di Ancona e Ortona nel primo trimestre 2022, che registrano una netta crescita anche rispetto al periodo precedente alla pandemia....

Approvata la legge Salvamare: i pescatori potranno portare a terra la plastica recuperata con le reti

Giornata storica per il mare: Marevivo e Federazione del Mare, insieme ad Assonave, Assoporti, Confindustria Nautica, Confitarma, Federpesca, Lega Navale, Lega Italiana Vela, Stazione Zoologica Anton...

Ucraina: 500 marittimi bloccati a bordo delle navi nei porti nel Mar Nero e nel Mar d'Azov

500 marittimi sono ancora a bordo di 109 navi bloccate nei porti ucraini o nei mari vicini. Lo ha reso noto l’ICS – International Chamber of Shipping che chiede la conservazione dei...

Vado Ligure: operativa la seconda aerea di scambio del nuovo Container Terminal

A disposizione degli autotrasportatori 17 nuove postazioni e una “flotta” di gru di piazzale che operano in modo autonomo e sono supervisionate “in remoto” da operatori...

Porti di Spezia e Marina di Carrara: inizio d'anno con numeri in crescita

Nel primo trimestre 2022 nei porti della Spezia e Marina di Carrara sono state movimentate più di 4,3 milioni di tonnellate di merci. In particolare il porto toscano si conferma in forte...

Porti di Trieste e Monfalcone: primo trimestre da record per le merci movimentate

Performance decisamente positiva per i porti di Trieste e Monfalcone nel primo trimestre del 2022, con alcuni risultati record registrati nei due scali governati dall’Autorità di Sistema...