Abruzzo: con il progetto Mimosa nuove strategie per il trasporto marittimo

CONDIVIDI

lunedì 6 dicembre 2021

Soluzioni di trasporto marittimo passeggeri multimodali e sostenibili a favore delle regioni costiere di Italia e Croazia. E' questo il focus del progetto strategico MIMOSA - MarItime and MultimOdal Sustainable pAssenger transport solutions and services - finanziato dal Programma Interreg Italia-Croazia - di cui la Regione Abruzzo è partner attivo.

La strategia del progetto Mimosa e le azioni pilota della Regione sono state al centro di un recente incontro organizzato dal gruppo di lavoro della SOTPE - Struttura organizzativa temporanea progetti europei della Regione Abruzzo.

Nel corso di 32 mesi, i partner sono impegnati in un’azione congiunta di analisi della domanda e dell’offerta e di esame delle soluzioni tecnologiche necessarie a migliorare i servizi passeggeri a livello transfrontaliero, con il fine ultimo di elaborare un Piano d’Azione congiunto in tema di sostenibilità dei trasporti, che tenga conto delle specificità dei singoli territori.

Un collegamento con la Croazia a basso impatto

La Regione Abruzzo è chiamata a realizzare uno studio per verificare la fattibilità di un collegamento marittimo a basso impatto con alcuni porti della Croazia, analizzando soluzioni alternative di alimentazione di una nave, quali il GNL, e la sua utilità all’interno dell’area compresa tra Italia e Croazia. A tal fine, si avvarrà del supporto tecnico-scientifico del CITRAMS - Centro di ricerca di trasporti e mobilità sostenibile, con cui è stata siglata una Convenzione fino alla fine del progetto, ovvero dicembre 2022.

Un altro step importante della fase pilota in capo alla Regione Abruzzo è la realizzazione e installazione, con il supporto finanziario del progetto, di alcuni dispositivi tecnologici di accesso al porto di Vasto, importanti per il monitoraggio del traffico e per consentire l’accesso in sicurezza nell’area portuale.

Tag: gnl, trasporto marittimo

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Porti dell’Adriatico meridionale: nel primo semestre 2022 merci in aumento rispetto ai numeri pre-pandemia

I porti del Sistema dell’Adriatico meridionale chiudono il primo semestre del 2022 confermando e consolidando la performance positiva già delineatasi all’inizio dell’anno e...

Porti del Mare Adriatico centrale: approvato il Piano operativo 2022-2024

Sicurezza sui luoghi di lavoro e controllo portuale; efficientamento energetico, cold-ironing e gestione dei rifiuti portuali; attività di dragaggio necessarie a promuovere lo sviluppo degli...

Porti di Ancona e Ortona: traffico merci in crescita nei primi sei mesi dell’anno

“Questi dati confermano come i principali porti di Marche e Abruzzo siano protagonisti e a servizio della realtà economica e sociale di entrambi le regioni, con ricadute positive sia...

Trasporto marittimo Reggio-Calabria Messina: bando di gara da oltre 35 milioni

C’è tempo fino all’8 settembre 2022 per partecipare al bando di gara da oltre 35 milioni di euro – gestito da Invitalia per conto del ministero delle Infrastrutture e della...

Assarmatori: il trasporto marittimo ha bisogno di decisioni, non di una crisi di governo

Evitare gli impatti potenzialmente devastanti che il trasporto marittimo italiano accuserebbe dal combinato disposto delle norme dettate dall’IMO e dal pacchetto Fit for 55 dell’Unione...

Federazione del Mare: gli operatori marittimi hanno bisogno di una governance unica e forte

Gli operatori dell’economia del mare hanno l'esigenza di fare riferimento a una governance unica e forte. La richiesta è stata ribadita dal presidente Mario Mattioli in apertura dei...

Sportello unico per le dogane: Commissione Mercato Interno del Parlamento UE approva l'accordo

Le imprese e gli operatori commerciali potranno fornire i dati doganali e non doganali necessari per lo sdoganamento delle merci e completare le formalità in un unico portale in un determinato...

Annual Meeting 2022 Assarmatori: necessarie decisioni e non aperture di crisi

"L’attuazione del PNRR e la ripresa economica richiedono decisioni e non aperture di crisi: il mondo armatoriale chiede uno sforzo a tutte le controparti istituzionali per superare ogni impasse...