Via libera da Conferenza Unificata a Piano Nazionale Sicurezza Stradale: -50% incidenti mortali entro il 2030

CONDIVIDI

giovedì 17 marzo 2022

“La sicurezza stradale è uno dei pilastri del sistema di mobilità sostenibile che il Governo intende realizzare nei prossimi dieci anni, in linea con gli orientamenti internazionali ed europei. La strategia e le azioni descritte nel Piano illustrano in dettaglio come, per realizzare tale approccio, sia necessario avere una visione olistica del problema della sicurezza stradale guardando simultaneamente agli aspetti connessi alla qualità dei mezzi di trasporto, alla qualità delle infrastrutture, alla qualità dei comportamenti degli attori istituzionali e degli utenti del sistema stradale”.

Così il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, nella prefazione al Piano Nazionale della Sicurezza Stradale 2030 (PNSS 2030), predisposto dal MIMS con l’obiettivo di ridurre del 50% entro il 2030 le vittime e i feriti gravi degli incidenti rispetto al 2019, come indicato dalla Commissione europea e dall’Agenda 2030 dell’Onu.

Il PNSS 2030, che ha ricevuto il parere favorevole della Conferenza Unificata, recepisce le osservazioni delle competenti Commissioni parlamentari e delle associazioni del settore sulle Linee guida elaborate alcuni mesi fa, assumendo la centralità dell’utenza più vulnerabile, come i pedoni e i ciclisti.

Il Piano stima un costo di 1,4 miliardi di euro (fino al 2030), tra finanziamento statale e cofinanziamento degli enti locali, per l’attuazione delle misure individuate. Viene poi prevista l’attivazione di un sistema di monitoraggio, al fine di valutare l’efficacia delle azioni avviate e di individuare eventuali aggiornamenti del Piano.

Il PNSS 2030 verrà ora sottoposto all’approvazione del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica e lo Sviluppo Sostenibile (Cipess).

Una volta approvato, il Piano sarà declinato in ‘programmi di attuazione’ specifici, concordati con gli enti centrali e territoriali, i cui risultati saranno riportati nell’annuale Relazione al Parlamento sullo Stato della Sicurezza Stradale.

 

Azzerare vittime e feriti gravi di incidenti stradali nel 2050

Il Piano adotta l’approccio ‘Safe System’ suggerito a livello internazionale per arrivare all’obiettivo di azzerare nel 2050 il numero delle vittime e dei feriti gravi per incidenti stradali attraverso un percorso che prevede step intermedi.

Un nuovo modello che tiene conto simultaneamente di diversi aspetti che incidono sui fattori di rischio. Per questo il PNSS 2030 indica, oltre alle strategie generali per aumentare la sicurezza stradale, le azioni da intraprendere per migliorare la sicurezza di specifiche categorie a rischio, come bambini e adolescenti, giovani, over 65, ciclisti, pedoni e utenti delle due ruote a motore.

Il Piano individua interventi di competenza sia delle amministrazioni centrali, alle quali spettano le proposte legislative, le misure di potenziamento dei controlli, gli interventi per migliorare la sicurezza delle infrastrutture stradali, le campagne di comunicazione e i progetti di educazione stradale, sia delle amministrazioni locali per gli interventi mirati sui territori.

In particolare, tra le azioni indicate nel Piano per limitare o annullare i fattori di rischio si segnalano:

  • l’aumento delle zone con limite di velocità a 30 Km/h nei centri urbani

  • l’aggiornamento dei criteri di progettazione delle strade

  • una manutenzione programmata

  • l’impiego di sistemi di monitoraggio strumentale avanzato

  • il miglioramento dello stato di illuminazione delle strade, soprattutto in prossimità degli attraversamenti

  • la realizzazione di piste ciclabili per agevolare gli spostamenti con i mezzi di mobilità dolce

  • la promozione di dotazioni di sicurezza e applicazione di nuove tecnologie per rendere i veicoli più sicuri.

Un’attenzione particolare poi viene dedicata alle campagne di informazione e di comunicazione con la proposta di inserire spazi di educazione stradale anche nelle scuole. Per gli over 65 si sottolinea invece la necessità di progetti formativi volti a migliorare le conoscenze e l’uso degli strumenti tecnologici a bordo dei veicoli.

“Modifiche normative che aggiornano il Codice della Strada, come quelle varate alcuni mesi per la sicurezza di chi utilizza i monopattini – ha sottolineato il ministro Giovannini – forti investimenti sulle infrastrutture stradali dopo un lungo tempo di disattenzione, la fattiva collaborazione instaurata con le Regioni, le Province e le Città metropolitane per la programmazione degli interventi, i finanziamenti senza precedenti per lo sviluppo delle piste ciclabili, il trasporto pubblico locale e il trasporto pubblico di massa sono tutte tessere di una strategia complessiva che il Ministero sta perseguendo con convinzione per rendere la mobilità sempre più sicura e sostenibile”.

Tag: Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, sicurezza stradale

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

MIMS: nel 2021 diminuiscono le opere incompiute, 64 in meno rispetto al 2020 (-14,4%)

Al 31 dicembre 2021 le opere infrastrutturali incompiute in Italia erano pari a 379, in calo rispetto alle 443 (-14,4%) della fine del 2020, anno in cui si era già registrata una diminuzione...

Ddl Concorrenza: lunedì 4 luglio nuovo incontro al MIMS con tassisti e ncc

Nuovo confronto in programma al MIMS sul Ddl concorrenza con le rappresentanze taxi e ncc (qui l'ultimo aggiornamento). Domani, lunedì 4 luglio, si svolgeranno due nuovi incontri al Mims...

Sperimentare l’idrogeno nel trasporto stradale e ferroviario: 530 milioni di investimenti dal PNRR

Sperimentare l’uso dell'idrogeno nel trasporto ferroviario, in ambito locale e regionale, e nel trasporto stradale, con particolare riferimento al trasporto pesante. Firmati dal ministro delle...

Camion, aree di sosta: attenti ai colori

Da uno studio del 2019 è emerso che nel territorio dell’UE mancano circa 100 mila parcheggi notturni per veicoli pesanti e che, a fronte di 300 mila posti disponibili, soltanto 7.000 -...

Vettori ucraini: il Mims estende l'esenzione da autorizzazione per il trasporto internazionale di merci

Estesa l'esenzione da autorizzazione al trasporto internazionale di merci su strada per i vettori di nazionalità ucraina.  Il provvedimento è in atto dallo scorso marzo e consente...

Incontro al MIMS con tassisti e Ncc: Bellanova, avviata fase di ascolto

Sul Ddl Concorrenza, il MIMS si apre a una fase di ampio confronto col settore taxi e ncc, ma chiede di "andare oltre la richiesta di stralcio per una riflessione nel merito, con l’impegno ad...

Credito d’imposta per le imprese di autotrasporto, Anita: adesso servono tempistiche brevi

Giudizio positivo da parte di Anita sull'esito della riunione di ieri al Mims sulle questioni aperte per l'autotrasporto (ne abbiamo parlato qui). Il Gabinetto del MIMS ha spiegato quali sono i tempi...

Mobilità e logistica: via ai lavori del Comitato scientifico nominato dal Mims per il documento programmatico su sviluppo sostenibile

All’inizio dell’anno il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, ha nominato la commissione che ha il compito di elaborare il nuovo piano...