Trasporti, Annuario Istat: è l'auto il mezzo preferito di studenti e lavoratori

CONDIVIDI

giovedì 28 dicembre 2017

A piedi, in tram o con l'autobus, ma soprattutto usando l'automobile. Così gli italiani raggiungono ogni giorno il luogo di lavoro o studio. Sono gli studenti a spostarsi di più a piedi rispetto ai lavoratori (26,6% contro l'11,4%), ma entrambi preferiscono o devono utilizzare dei mezzi di trasporto: lo fa il 72,8% degli studenti e l'87,9% degli occupati. Il mezzo più diffuso? Nel 2016 si conferma essere l'automobile, la utilizza il 68,9% degli occupati, come conducenti, e il 37,3% di scolari e studenti, come passeggeri.

Lo dice l’Annuario statistico italiano dell'Istat che, dal 1878, offre ai lettori uno strumento autorevole per documentare lo stato e le trasformazioni del nostro Paese, e dunque per conoscerlo meglio.

I mezzi di trasporto collettivo sono utilizzati in misura maggiore dagli studenti, ma la percentuale resta comunque inferiore rispetto ai mezzi privati. Il 13,1% di studenti sceglie di raggiungere il luogo di studio in tram o bus (contro il 5,5% di occupati), l'11% in pullman o corriera (contro il 2,0% degli occupati) mentre è più bassa l'utenza degli altri mezzi pubblici. Bassa anche la quota di quanti si recano a scuola o a lavoro utilizzando un mezzo a due ruote, ma comunque studenti e lavoratori sembrano preferire la bici alla moto: tra gli occupati, il 3,6% usa una moto e il 3,7% la bicicletta; tra gli studenti, il 2,0% usa la moto e il 2,4% la bicicletta.

Gli occupati hanno tempi di spostamento mediamente più lunghi: il 61,0% degli studenti raggiunge il luogo di studio in meno di 15 minuti, mentre la percentuale scende al 40,7% per chi deve raggiungere il posto di lavoro; gli spostamenti di durata superiore ai 30 minuti coinvolgono, invece, il 14,5% di studenti e il 17,2% di occupati.

L'analisi territoriale degli spostamenti mostra che sono soprattutto i residenti del Mezzogiorno a spostarsi a piedi (il 34,8% degli studenti e il 15,7% degli occupati del Sud e il 33,5% degli studenti e il 13,1% degli occupati delle Isole), mentre è nel Nord-est che si rileva la quota più alta di persone - sia studenti che occupati - che utilizzano abitualmente mezzi di trasporto (rispettivamente 79,5 e 90,6%). In questa ripartizione, si registra inoltre, per entrambe le tipologie di utenti, la più alta frequenza nell'utilizzo della bicicletta (7,6% per gli studenti e 7,5% tra gli occupati)

Nel Nord-ovest si registra la quota più alta di studenti che si sposta utilizzando mezzi di trasporto collettivo ed è particolarmente utilizzata la rete di trasporto su ferro (treno 7,4%; metropolitana 6,0%). L'auto, sia come passeggero che come conducente, è utilizzata soprattutto dagli studenti del Centro (40,0 e 5,2%). Si spostano con i mezzi pubblici soprattutto gli occupati delle regioni del Centro (in particolare, treno 5,2%; tram e bus 8%), mentre l'auto è utilizzata soprattutto nel Nord-est (72,3%).

Nelle Isole si registra la quota più alta di studenti che impiega fino a 15 minuti per raggiungere la scuola o l'università (63,4%); all'opposto, la frequenza più alta di spostamenti oltre i 30 minuti riguarda gli occupati del Centro Italia (22,0%).

Tag: istat

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Aci-Istat, sicurezza stradale: nel 2020 gli incidenti sono calati del 31,3%

A mobilità ridotta corrispondono meno incidenti: è sostanzialmente matematico.  Lo conferma anche il Report incidenti stradali 2020 Aci-Istat. Nell’anno nero del Covid, a...

Automotive: crescita a due cifre a ottobre 2020 (+14,5%)

A ottobre 2020, secondo i dati Istat, la produzione dell’industria automotive italiana nel suo insieme registra un aumento tendenziale del 14,5%, mentre chiude i primi dieci mesi del 2020 a...

Industria automotive: a settembre calo tendenziale del 4%

Secondo dati Istat, a settembre 2020 la produzione dell’industria automotive italiana nel suo insieme registra un calo tendenziale del 4%, mentre chiude i primi nove mesi del 2020 a -30,9%....

Record assoluto per l'e-commerce: crescita del 41,7% rispetto all’anno precedente

Continua a crescere il mercato dell’e-commerce anche dopo il lockdown. Questo il risultato delle rilevazioni Istat, che registra una crescita in valore del 41,7% del commercio online rispetto...

Trasporto pubblico, Istat: nel 2019, 3 milioni di persone hanno usato tutti giorni bus e tram

Nel 2019 hanno usato tram, autobus e filobus 3 milioni di persone tutti i giorni e 3 milioni più volte alla settimana. Nelle regioni del Nord lo hanno utilizzato 1,5 milioni di persone di 14...

Sicurezza: meno incidenti stradali ma aumenta il numero delle vittime

Nel primo semestre 2019 si registra una riduzione del numero di incidenti stradali con lesioni a persone (82.048, pari a -1,3%) e del numero dei feriti (113.765, -2,9%), mentre il totale delle...

Rapporto Aci-Istat: meno morti e incidenti nel 2018 ma obiettivo Europa 2020 ancora lontano

Dati in leggera flessione ma obiettivo Europa 2020 ancora lontano: è quanto emerso dal rapporto Aci-Istat sugli incidenti stradali avvenuti in Italia nel 2018, diffuso alla vigilia...

Sicurezza stradale, Aci-Istat: diminuiscono incidenti, morti e feriti

Migliora la sicurezza stradale in Italia nel primo semestre del 2018. Le stime ACI-ISTAT evidenziano un calo, rispetto allo stesso periodo del 2017, sia di incidenti con lesioni (-3%), che di vittime...