Ponte Morandi, ristori per l'autotrasporto soggetti a tassazione. Per Confartigianato Trasporti beffa ingiustificabile

CONDIVIDI

lunedì 15 febbraio 2021

Arrivano chiarimenti sul regime fiscale degli aiuti ricevuti dagli autotrasportatori in relazione al crollo del Ponte Morandi previsti dal Decreto Genova: sono considerati contributi in conto esercizio e quindi soggetti a tassazione.
Lo ha comunicato Confartigianato Trasporti.

L'Agenzia delle Entrate ha, infatti, risolto il dubbio in merito al trattamento fiscale delle provvidenze ricevute, quale sostegno a seguito del crollo del “Ponte Morandi”, nel Comune di Genova.

Cosa prevedeva il Decreto Genova

In particolare, l’articolo 5 del decreto legge aveva autorizzato il ristoro delle maggiori spese affrontate dagli autotrasportatori consistenti nella forzata percorrenza di tratti stradali aggiuntivi rispetto ai normali percorsi e nelle difficoltà logistiche dipendenti dall’ingresso e dall’uscita delle aree urbane e portuali.

Il decreto attuativo (DM 24 dicembre 2018) aveva precisato che le tipologie di spese ammesse a ristoro riguardavano, tra l’altro:

– le missioni di viaggio con origine e/o destinazione il Comune ed il Porto di Genova che dimostrino l’attraversamento del nodo urbano e per le quali il ristoro deriva dagli svantaggi derivanti dai percorsi aggiuntivi stradali e autostradali, ovvero dalle difficoltà logistiche dipendenti dall’ attraversamento delle aree urbane e portuali di Genova;

– le missioni di viaggio compiute nel territorio nazionale che abbiano comportato per effetto del crollo … la forzata percorrenza di tratti autostradali e/o stradali aggiuntivi.

Il medesimo decreto aveva anche stabilito i criteri e le modalità per l’erogazione a favore degli autotrasportatori delle risorse disponibili.

Il ristoro ha rilevanza fiscale

Secondo l’Agenzia delle entrate, tale ristoro assume rilevanza fiscale come contributo in conto esercizio, essendo destinato a fronteggiare esigenze di gestione (cioè, consentire il ristoro delle maggiori spese affrontate dagli autotrasportatori registrate a causa del crollo).

In assenza di una espressa previsione di legge (diversamente da quanto stabilito, ad esempio, per i “ristori” riconosciuti a seguito del COVID-19 ex art. 25 D.L. n. 34/2020 e successivi decreti, per i quali la non rilevanza fiscale è stata esplicitata in norma) che escluda la rilevanza ai fini delle imposte sui redditi dei contributi pubblici, occorre far riferimento ai principi ordinari.

Di conseguenza è considerato ricavo di esercizio, che concorre alla formazione del reddito secondo i criteri di competenza o di cassa in ragione del regime contabile applicato dall’impresa.

Il commento di Amedeo Genedani

"È chiaro si sia trattato di una svista e non certo di volontà del legislatore – afferma il Presidente di Confartigianato Trasporti Amedeo Genedani – ma sui ristori concessi gli autotrasportatori, che sono in prima linea nelle emergenze ed hanno subito enormi disagi in termini di costi e percorrenze a seguito della tragedia del Ponte Morandi, subiscono una beffa ingiustificabile".

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Trasporto scolastico: in dirittura d’arrivo gli stanziamenti per i Comuni

Dei 5mila Comuni italiani titolari di contratto di servizio per il trasporto scolastico, solo in 3mila hanno risposto all’appello del MIT per avere informazioni al fine di procedere con lo...

Recovery plan: Assoporti, maggiori ristori per le attività portuali colpite dalla crisi pandemica

Assoporti chiede maggiori risorse da destinare nel 2021 al ristoro delle attività portuali che hanno visto il loro fatturato ridursi drasticamente per effetto della pandemia. La richiesta...

Ue, presentata la strategia per la mobilità sostenibile e intelligente alla commissione TRAN

Il Commissario europeo ai Trasporti, Adina Valean, ha presentato la strategia per la mobilità sostenibile e intelligente alla commissione TRAN del Parlamento europeo. Confartigianato Trasporti...

Camion: segnalazione dei punti ciechi in Francia, l'Uetr chiede la sospensione

L’associazione europea dei trasportatori UETR ha messo in dubbio la legalità del nuovo regolamento francese che impone l’obbligo per tutti i camion e gli autobus che circolano in...

Covid-19: la Commissione Ue chiede una nuova proroga per patenti e attestati scaduti

La Commissione Europea ha presentato una proposta per estendere la validità di patenti, attestati e certificati. Lo ha comunicato Confartigianato Trasporti. Come già fatto in aprile...

Gasolio, rimborso accise: come recuperare quelle del IV trimestre 2020

L'Agenzia delle Dogane ha pubblicato sul proprio sito web il software e le istruzioni per la presentazione delle domande di rimborso delle accise sul gasolio consumato nel 4° trimestre 2020, dal...

La ministra De Micheli all’Assemblea di Confartigianato trasporti: “l’Italia vi ringrazia”

Presentato in anteprima dalla ministra dei Trasporti e delle Infrastrutture, Paola De Micheli, durante l’Assemblea di Confartigianato Trasporti il nuovo spot istituzionale del Ministero per...

Cassa integrazione Covid19: ecco le nuove regole Inps

Dall'Inps sono pervenuti chiarimenti sulla corretta gestione delle domande di cassa integrazione Covid-19, anche alla luce di Decreto legge Ristori, Ristori bis e quater. Lo ha comunicato...