Pedaggi autostrade: nel 2021 nessun incremento sul 98% della rete

CONDIVIDI

sabato 2 gennaio 2021

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha comunicato che, dal 1° gennaio 2021, non ci saranno incrementi tariffari  sul 98% della rete autostradale in concessione.

La norma introdotta nel decreto Milleproroghe prevede infatti, anche per quest’anno, la sospensione di qualsiasi adeguamento tariffario nei confronti delle società per le quali è in corso l’aggiornamento/revisione del rapporto concessorio. Ogni variazione sarà applicata esclusivamente alla definizione dei nuovi contratti che devono recepire il regime tariffario previsto dall’Autorità di regolazione dei trasporti.

Non è prevista alcuna variazione nemmeno per le società concessionarie nei cui confronti è intervenuta la scadenza della concessione e per le quali sono attualmente in via di definizione le procedure di riaffidamento tramite gara.
Per tali società il decreto della ministra delle Infrastrutture e dei trasporti Paola De Micheli, di concerto con il Mef, prevede che i rapporti economici devono essere definiti mediante la predisposizione di un apposito Piano finanziario transitorio.

Gli adeguamenti tariffari sono stati riconosciuti esclusivamente per due società nella seguente misura:

- Autovia Padana 3,20%
- Bre.Be.Mi. 3,49%

L’incremento sulla tratta A21 Piacenza-Brescia deriva dall’applicazione della nuova Convenzione, efficace da marzo 2018 a seguito di una procedura di gara. L’incremento è dovuto alla somma dei parametri tariffari rappresentati da: inflazione (0,50%), parametro “riequilibrio” (-0,45%), parametro legato alla remunerazione degli investimenti (3,15%). Nel corso dell’anno la società ha eseguito investimenti per 27,8 milioni di euro.

Per il collegamento autostradale Milano-Bergamo-Brescia, l’incremento deriva dalle seguenti componenti: inflazione (+0,50%), parametro “riequilibrio” (2,9%). L’entità dell’aumento tariffario risente degli elevati oneri di costruzione di una nuova tratta autostradale. Per tale collegamento comunque, il concessionario applica uno sconto del 30% per gli utenti abituali.​

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

MIMS: Giovannini incontra i sindacati. Un primo confronto sulle priorità del settore

Si è tenuto oggi, in videoconferenza, l'incontro tra il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, e i segretari generali di Filt Cgil, Stefano...

Conftrasporto: no all'ipotesi del nuovo nome per il ministero delle Infrastrutture

Inaccettabile l’idea di trasformare il nome del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile. Lo ha detto  il...

Il MIT cambia nome: si chiamerà Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili

Un cambio di nome per una visione di sviluppo allineata alle attuali politiche europee e ai principi del Next Generation Eu. Con questa motivazione, il dicastero di Porta Pia cambia nome e diventa...

Autotrasporto, Unatras scrive al neo ministro Giovannini e chiede un tavolo di confronto

Attraverso una lettera a firma del presidente Amedeo Genedani, Unatras ha chiesto un incontro al neo ministro dei Trasporti Enrico Giovannini per discutere delle questioni più...

Pedaggi: si amplia la zona esenzione in Liguria, in alcuni caselli riduzione del 50%

A partire da oggi, lunedì 22 febbraio, sarà ulteriormente ampliata l’area di esenzione o agevolazione dei pedaggi delle tratte liguri interessate dalla seconda fase del piano di...

Il MIT semplifica l'aggiornamento della carta di circolazione

Ci sono delle novità sull’art.78 del Codice della Strada. Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha infatti firmato negli scorsi giorni un decreto che semplifica...

Enrico Giovannini nuovo ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Enrico Giovannini è il nuovo ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del Governo guidato da Mario Draghi. Giovannini ha giurato al Quirinale lo scorso 13 febbraio e succede a Paola De...

Dkv operativa in Marocco: i pedaggi si pagano tramite l'OBU con la corsia di pedaggio drive-through

DKV, il fornitore europeo di servizi di mobilità B2B, annuncia che ora è possibile pagare il pedaggio in Marocco senza l’utilizzo di contanti, attraverso l’OBU prepagata TAG...