Trieste: Autorità portuale, prima tappa del road-show di Renzi in Friuli

mercoledì 8 novembre 2017 18:49:49

Quello di Trieste è considerato non solo il primo tra i porti italiani per volumi con oltre 69 milioni di tonnellate ma è in testa anche sul fronte petrolifero in Europa, con 42 milioni di tonnellate l'anno. Un primato che è stato ricordato oggi anche a Matteo Renzi, segretario nazionale del Pd, che ha fatto tappa proprio all'autorità portuale di Trieste nel corso del suo roadshow “Destinazione Italia”, un viaggio sul treno intercity tra le principali realtà italiane. Renzi ha annunciato che il suo tour toccherà tutti i capoluoghi del Friuli Venezia Giulia.

Ha preso parte all’evento anche il presidente della Regione, Debora Serracchiani, che ha sottolineato il ruolo del porto di Trieste nel processo di crescita economica del Paese e non solo. Il suo è stato un passaggio politico in cui ha sottolineato come la riforma a firma dell’ex premier ha dato dei vantaggi al settore portuale. Tra questi la costruzione di una piattaforma logistica.

"Grazie alla riforma dei porti – ha detto Serracchiani - è possibile lavorare per la competitività di quelli italiani. Trieste è stato il primo scalo che ha sfruttato le opportunità offerte dagli investimenti del governo Renzi prima e di Gentiloni poi. Il porto di Trieste è l'unico europeo in cui il 'porto franco' consente vantaggi fiscali e soprattutto consente la prima lavorazione in porto, ad esempio i robot. Parliamo dunque di altissima tecnologia, storia e innovazione, ma si guarda anche al futuro. Con la riforma dei porti e le iniziative che abbiamo fatto Trieste è diventata centrale. Sulla via della seta si stanno organizzando traffici e investimenti e questo nostro porto ha un collegamento diretto con Monaco".

Tra i nodi da sciogliere, però, quello di ottenere i corridoi doganali perché tutta l'Europa è collegata via Trieste. Una necessità sottoposta all’ex premier che ha detto: “tutta la parte degli investimenti sbloccata sarà evidente nei prossimi anni. Quindi l'Italia crescerà di più, ma prima non ci credeva nessuno”.
L’autorità portuale vede la presenza di un migliaio di dipendenti prettamente ma nel complesso, l'indotto coinvolge circa 10mila lavoratori.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Mare: il Gruppo Grimaldi ottiene il Bollino per l’Alternanza di Qualità 2018 (BAQ)

mercoledì 18 luglio 2018 13:04:54
Il Gruppo Grimaldi - player del trasporto via mare di carichi rotabili e del trasporto passeggeri nel Mar Mediterraneo – ha ottenuto il Bollino per...

Regione Calabria: Filt-Cgil, bene gli investimenti per le infrastrutture portuali

lunedì 16 luglio 2018 11:33:08
74,900 milioni di euro per il rilancio delle infrastrutture portuali calabresi. “Finalmente si dà seguito e sostanza agli impegni del 2016 assunti...

Mare: d'Amico vende una nave per 25,5 milioni di dollari

venerdì 13 luglio 2018 16:04:08
d'Amico International Shipping, società specializzata nel mercato delle navi cisterna, ha firmato un accordo per la vendita per 25,5 milioni di dollari...

Regione Calabria, siglato accordo da 74 milioni per lo sviluppo dei porti

giovedì 12 luglio 2018 13:10:30
In arrivo 74 milioni di euro per le infrastrutture portuali calabresi. Siglato presso la Cittadella della Regione Calabria l’Accordo tra Amministrazioni...

Mare: D'Amico International conclude un accordo da 2,4 mln di dollari per una delle sue navi handy

giovedì 12 luglio 2018 16:23:29
D’Amico International Shipping, società operativa a livello internazionale nel trasporto marittimo, specializzata nel mercato delle navi cistern...