Porto di Genova: il piano regolatore guarda al gigantismo navale

lunedì 2 marzo 2015 14:30:37

Entro marzo sarà approvato il nuovo piano regolatore del porto di Genova. Obiettivo lavorare tra i 5 e i 6 milioni di teu l’anno, accogliendo navi fino a 24 mila teu.  Il piano, illustrato dal presidente dell’Autorità portuale Luigi Merlo, è quello di consentire al porto di Genova di vincere la scommessa con il gigantismo navale e di garantire allo scalo un altro secolo di sviluppo al passo con le esigenze del mercato e nel rispetto della sostenibilità.

Modernizzazione e trasformazione saranno quindi gli strumenti limitando al massimo i riempimenti a mare. Per tale motivo, e per la continuità con il progetto di Renzo Piano illustrato lo scorso autunno, è stato battezzato dai tecnici di Palazzo San Giorgio come un "Piano dell'Acqua". 

Ecco alcuni elementi del piano: per il bacino di Sampierdarena la realizzazione di una nuova imboccatura a ponente (250 milioni di euro per 3 anni di lavoro) e di una nuova diga avanzata di 500 metri al largo rispetto all'attuale (1 miliardo in 8 anni), per l’area industriale la realizzazione del "Blue Print" disegnato da Renzo Piano (con nuova piattaforma per i cantieri e la revisione del quarto bacino di carenaggio), per il porto di Pra’ è previsto il prolungamento del canale di calma in modo da formare una grande isola per il terminal Vte e un’eventuale espansione a ponente e l’adeguamento della diga esistente per garantire l’evoluzione delle grandi navi (500 milioni per 6 anni di lavoro) fino a una lunghezza di 500 metri.

Assecondando la richiesta del Comune per la ricollocazione in ambito portuale del polo chimico, lo schema di piano prevede due alternative da sottoporre a Vas e osservazioni: l’inserimento sugli spazi disponibili adiacenti al porto petroli o nelle aree Enel sotto la Lanterna. È considerata la previsione di postazioni di LNG e l’installazione di aree tecniche adiacenti alla nuova diga.
Un’importante parte del Prp riguarda il cosiddetto “Piano immateriale”, ossia il rafforzamento di tutte le opere di efficientamento, innovazione, pre-clearing, snellimento burocratico e informatizzazione: opere che, si è dimostrato, possono accorciare i tempi fino al 40%, creando nuovi importanti spazi in banchina.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Regione Marche, 4 milioni di euro destinati ai porti per investimenti e dragaggi

venerdì 9 agosto 2019 10:50:45
Assegnati ai porti regionali delle Marche, 4 milioni di euro per dragaggi e investimenti. I fondi sono stati stanziati dal Cipe (Comitato interministeriale per...

Autostrade del Mare, procedure doganali sempre più digitali al Porto di Ancona

martedì 6 agosto 2019 11:50:51
Siglato un accordo tra l’agenzia delle Dogane e dei Monopoli e l’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale per rendere il...

Porto di Salerno: traffico ro/ro in crescita del 6% nel primo semestre 2019

martedì 30 luglio 2019 12:32:22
Il traffico ro/ro nel porto di Salerno segnala una crescita del 6% nel primo semestre del 2019, rispetto allo stesso periodo del 2018, grazie alla...

Msc Grandiosa, in arrivo la nave più grande della flotta Msc Crociere

martedì 30 luglio 2019 15:08:30
E' in arrivo MSC Grandiosa, prima nave della classe Meraviglia-Plus, che sarà battezza ad Amburgo, in Germania, il prossimo 9 novembre. Le navi della...

Gruppo Grimaldi: al centro del report sostenibilità 2018 investimenti e impegno sociale

lunedì 29 luglio 2019 12:38:04
Nel 2018 il Gruppo Grimaldi ha superato la soglia di € 3 miliardi, con un aumento di oltre € 100 milioni rispetto al 2017. Tale valore è stato...