La Spezia: gli operatori portuali chiedono chiarimenti sull'"affaire dragaggi"

lunedì 11 gennaio 2016 13:42:15

All'indomani del sequestro giudiziario dello specchio di mare del porto spezzino dove erano in corso lavori di approfondimento dei fondali, La Spezia Port Service, la nuova alleanza costituita il 4 gennaio scorso da agenti marittimi, spedizionieri e doganalisti della Spezia, è scesa immediatamente in campo.

L'indagine in corso a La Spezia arriva all'indomani di un'importante modifica normativa sui dragaggi che dovrebbe renderli più facili, paralizzati come sono da anni dalla speculazione delle analisi ambientali.

La community degli operatori portuali spezzini sollecita chiarimenti e interventi rapidi sulla questione dei dragaggi nel Golfo ligure, delucidazioni e misure “che, nel pieno rispetto dell'inchiesta giudiziaria in corso e quindi della individuazione di eventuali responsabilità, scongiurino da subito anche il minimo rischio di condizionare negativamente l'operatività presente e futura del porto di La Spezia”.

“Se sono stati compiuti errori, abusi o violazioni di legge in ambiti che contiamo siano davvero circoscritti – ha dichiarato Andrea Fontana, presidente dell’associazione – è giusto che siano sanzionati. Ma proprio La Spezia, che è riuscita a far sopravvivere il porto a quasi un decennio di decisioni e scelte contraddittorie sul tema dei dragaggi, trovandosi comunque costretta a posticipare importanti scelte di sviluppo, è pronta oggi a schierarsi compatta a difesa delle attività commerciali e marittime che fanno di questo scalo un esempio di efficienza a livello internazionale e una componente essenziale e irrinunciabile del sistema logistico nazionale ed europeo”.

Secondo Flavio Borra, presidente dell’associazione Spedizionieri doganali “siamo convinti che proprio qui nel porto di La Spezia, per le esperienze drammatiche vissute proprio sul tema della compatibilità fra sviluppo e tutela dell’ambiente, possa maturare una nuova esperienza, unica a livello nazionale e condivisa fra le varie istituzioni (in primis la magistratura inquirente che sta dando prova di grande equilibrio) e i privati, di salvaguardia delle realtà economiche e occupazionali anche in concomitanza con l’accertamento di eventuali responsabilità di tipo giudiziario”.

L’inchiesta della Procura, partita da un esposto delle associazioni ambientaliste dopo una moria di mitili che danneggiò gli impianti di mitilicoltura un anno fa, ha portato a tre indagati: un dirigente dell’autorità portuale e due imprenditori delle ditte che stanno materialmente eseguendo i lavori di dragaggio e bonifica. L'ipotesi di reato è che i lavori siano stati eseguiti senza rispettare le prescrizioni ambientali previste.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Fincantieri acquisisce il controllo di Support Logistic Services

giovedì 9 luglio 2020 14:20:13
Fincantieri, attraverso la propria controllata Insis, ha acquisito una quota di maggioranza del capitale di Support Logistic Services (SLS), società con...

Msc Crociere: nuovo protocollo operativo per la salute e la sicurezza

martedì 7 luglio 2020 11:24:40
Msc Crociere insieme al team di esperti Blue Ribbon COVID Expert Group per sviluppare un nuovo protocollo operativo per la salute e la sicurezza da attuare...

Porti liguri, Federlogistica-Conftrasporto: pedaggi autostradali alle AdSp per mantenere competitività

lunedì 6 luglio 2020 12:13:30
I problemi legati alla viabilità ligure si ripercuotono anche sul traffico merci e passeggeri che transita nei porti liguri....

Porto di Civitavecchia, arriva il servizio informazioni turistiche della Regione Lazio

venerdì 3 luglio 2020 12:29:18
Porto di Civitavecchia portavoce del turismo laziale. All’interno degli uffici sarà a breve presente un punto di informazione per la promozione...

Dl Rilancio: Confitarma chiede un dialogo costruttivo sull’autoproduzione

venerdì 3 luglio 2020 15:26:48
La Confederazione Italiana Armatori ha espresso preoccupazione per le iniziative volte a modificare il regime dell’autoproduzione delle operazioni...