Trasporto intermodale: container e sollevamento verticale le opzioni migliori per il trasbordo secondo uno studio della Commissione Ue

CONDIVIDI

giovedì 19 maggio 2022

Il Green Deal europeo prevede il ricorso al trasporto intermodale per una parte sostanziale del 75% delle merci interne trasportate oggi su strada, che dovrà essere spostato su rotaia e vie navigabili. La parte più lunga del viaggio verrà effettuata su ferrovia o sull'acqua, mentre solo il primo e l'ultimo miglio rimarrà su strada. Una modalità che richiede strutture e tecnologie di trasbordo efficienti, che rendano lo spostamento delle unità di carico tra le diverse modalità rapido ed efficiente in termini di costi.

Nello sforzo che sta mettendo in atto per rinnovare il quadro esistente in Europa in materia di politica del trasporto intermodale, la Commissione europea ha pubblicato un rapporto che confronta le prestazioni di diverse tecnologie di trasbordo intermodale in combinazione con varie unità di carico.

Lo studio mette in luce quali combinazioni sono più utilizzate, quanto sono efficienti in termini di costi e tempi e quali sono disponibili e qual è il loro potenziale futuro.

Vengono analizzate anche la capacità disponibile e le limitazioni dei terminali sulla rete TEN-T.

 

Il container è l’unità di carico più economica

Lo studio conclude che, in generale, le tecnologie standard di trasbordo verticale (gru a cavalletto/reach stacker) in combinazione con i container diventano competitive con il trasporto esclusivamente stradale a distanze di circa 1000 km.

Allo stesso tempo, guardando attraverso la lente delle prestazioni ambientali, già a 600 km la maggior parte delle catene di trasporto intermodale avrebbe costi esterni inferiori rispetto al trasporto esclusivamente stradale.

Il container è l'unità di carico più economica e il sollevamento verticale è più efficiente del trasbordo orizzontale, anche per i semirimorchi, mentre alcune tecnologie innovative che possono sollevare più unità di carico contemporaneamente possono ridurre i tempi di movimentazione nei terminal.

La maggior parte (60-80%) della capacità di trasbordo nell'UE è fornita da tecnologie di trasbordo verticale, seguite da navi Ro-Ro (20-35%). Solo il 2% circa della capacità di trasbordo è oggi eseguita con altre tecnologie.

 

Interventi di adeguamento strutturale in Italia, Francia e Spagna

Dal rapporto emerge il fatto che entro il 2030 la capacità di trasbordo nell'UE non sarà sufficiente per soddisfare la domanda di espansione pianificata della capacità della rete. Pertanto, la disponibilità di terminal attraverso la rete di trasporto transeuropea (TEN-T) richiede ulteriori investimenti e un'attenta pianificazione, considerando che devono essere disponibili soluzioni di trasbordo compatibili in entrambe le estremità di una tratta ferroviaria/navigabile.

Inoltre, su molte parti della rete TEN-T, sono necessari interventi di adeguamento strutturale per consentire il trasporto di semirimorchi su treno.

La maggior parte degli aggiornamenti sono necessari in Spagna, Francia e Italia, che insieme rappresentano il 75% di tali sezioni.
L'investimento necessario per la rimozione di queste limitazioni di rete (sagoma di carico per semirimorchi, terminal con tecnologia specifica) è valutato in circa 7,7 miliardi di euro secondo lo scenario di medio raggio.

La Commissione auspica che i risultati dello studio possano fungere da guida per gli Stati membri, chiamati a uno sforzo per completare la rete centrale TEN-T entro il 2030 e, rispettivamente, nel 2050 per la rete globale.

 

 

Tag: trasporto intermodale

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Intermodalità e flessibilità: le strategie della logistica per affrontare la crisi internazionale

Covid, aumento del costo dei noli, difficoltà di approvvigionamento, guerra in Ucraina: negli ultimi due anni il settore trasporti e logistica ha dovuto fronteggiare difficoltà...

IBE 2022: IBE Intermobility and Bus Expo si prepara alla X edizione con nuovi espositori, nuovi spazi, nuove alleanze e nuove idee

  IBE Intermobility and Bus Expo, l’appuntamento biennale di Italian Exhibition Group, in agenda dal 12 al 14 ottobre alla Fiera di Rimini, dedicato al trasporto collettivo di person...

Porto di Livorno: via libera al finanziamento per realizzare il raccordo con la linea ferroviaria

Via libera dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili ai finanziamenti per la realizzazione del raccordo con la ferrovia per il trasporto delle merci tra porto di Livorn...

Via al nuovo servizio intermodale che avvicina l'Italia alla Cina

Avrà inizialmente una frequenza a settimana – il sabato – il nuovo servizio intermodale ferroviario grazie a cui l’Italia e la Cina saranno più vicine, gestito da...

Gts punta al mercato iberico con un investimento da 74 milioni

"Vogliamo creare nuovi flussi da/per la Spagna e Portogallo verso i mercati del Regno Unito, Belgio, Italia e altri. Questo ci consentirà di creare una nuova e forte rete di fornitori. I...

Trasporto intermodale: Terminali Italia gestirà il terminal Marghera VINT

Si amplia il network di Terminali Italia. La società di Rete Ferroviaria Italiana che si occupa dei servizi di carico e scarico di casse mobili, container, semirimorchi e manovra dei treni...

Porto di Trieste: accordo tra l'Autorità del Mar Adriatico Orientale e FER per la formazione ferroviaria del personale

L’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale compie un passo fondamentale verso l’obiettivo strategico di diventare gestore della propria infrastruttura...

Regione Sicilia-Terminali Italia: intesa per la gestione del Polo intermodale di Catania

Firmato questa mattina il protocollo d’intesa per la gestione del nuovo Polo Intermodale dell’Interporto di Catania tra Società interporti siciliani (Sis), partecipata dalla...