Studio Roland Berger-FM Logistic: collaborazione tra aziende e istituzioni e innovazione tecnologica per vincere le sfide della logistica urbana  

lunedì 9 novembre 2020 18:00:14

 

Il mercato della logistica urbana è destinato a crescere a una media annua dell'8% fino al 2030. Il trasporto merci su strada è tuttavia responsabile di circa il 20% del traffico urbano e del 30% delle emissioni di CO2 nelle città. L'aumento dell’e-commerce, aggravato dalla natura frammentata del settore della logistica e dall'alta percentuale (fino al 30%) delle prime consegne fallite, pone problemi di sostenibilità. Sono questi i principali dati che emergono da uno studio di FM Logistic, gruppo attivo nel settore dello stoccaggio, del trasporto e del packaging con un giro d’affari di 1,43 miliardi di euro, e della società di consulenza Roland Berger, basato su una ricerca interna e su 20 interviste con esperti di logistica urbana e spedizionieri di diversi settori in 13 Paesi (Stati Uniti, Canada, Brasile, Germania, Francia, Italia, Paesi Bassi, Regno Unito, Norvegia, Svezia, Australia, Cina, Giappone e India).

Dallo studio, intitolato “La logistica urbana a fronte dei problemi economici e delle sfide ambientali”, emerge che solo con una maggiore cooperazione tra aziende private di logistica, aziende IT e istituzioni sarà possibile ottimizzare il flusso di merci verso e all'interno delle città e allo stesso tempo rispondere alle esigenze dei clienti.

Nei 13 paesi analizzati dallo studio, un cittadino su 10 riceve almeno un pacco al giorno. Per combattere l'inquinamento sempre più città stanno adottando regolamenti che limitano l'uso di veicoli a benzina. Da Copenaghen a Stoccarda e Parigi le città di tutta Europa stanno pianificando o applicando divieti sui diesel.

Lo studio definisce tre proposte per ottimizzare l'efficienza della logistica urbana:

- Stabilire standard comuni, ad esempio per quanto riguarda le dimensioni delle merci, in modo da facilitare le operazioni di consegna
- Condivisione delle risorse di magazzino e di trasporto tra le aziende
- Sfruttare al meglio le infrastrutture urbane esistenti: uso delle corsie degli autobus per il trasporto di merci durante la notte, combinare il trasporto su strada a quello su rotaia e fluviale, ecc.

Lo studio dentifica inoltre tre priorità di investimento nelle nuove tecnologie:

- Raccolta e condivisione dei dati sugli spazi urbani per una migliore pianificazione dei percorsi e tracciamento delle spedizioni
- Automazione del magazzino per aumentare velocità e precisione
- Mezzi di trasporto eco-efficienti (veicoli elettrici, a gas o a idrogeno) che forniscano valore operativo e riducono al minimo l'impatto ambientale

"Gli operatori della logistica urbana – spiega Xavier Prévost, Business Solutions, Transport and information systems director di FM Logistic – devono ripensare collettivamente le loro attività per rispondere alle richieste dei consumatori in modo efficiente in termini di costi e allo stesso tempo rispettoso dell'ambiente".

In tutto il mondo sono stati avviati numerosi progetti per ottimizzare il flusso delle merci e informazioni in città.

"Tecniche innovative e soluzioni organizzative stanno emergendo in ogni fase della supply chain, dal trasporto e stoccaggio alla gestione dei resi – ha precisato Gabriel Schillaci, Direttore Trasporti, Logistica e Mobilità di Roland Berger Paris –. Stanno rimodellando il processo della logistica dell’ultimo miglio utilizzato dalle aziende, dai loro clienti e dai consumatori e migliorando la proposta di costo/valore, la qualità del servizio e l'impatto ambientale".

Nel Regno Unito, ad esempio, Mole Solutions ha sperimentato l'uso di capsule per spostare le merci sottoterra a Southampton.

In Francia FM Logistic e la società immobiliare Novaxia hanno collaborato per allestire centri logistici temporanei in edifici urbani sfitti. Il progetto denominato "PLUME" è stato cofinanziato dalla Regione Île-de-France.

Inaugurato nel 2018, il distretto Chapelle International a nord di Parigi è sede di un centro logistico denominato “The Logistics Hotel” che prevede un magazzino multipiano con terminal ferroviario annesso, che aiuta così a ridurre l'uso di veicoli stradali.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Logistica sostenibile: cresce il progetto per consegne green di L'Oreal Italia

L'Oréal Italia amplia l'iniziativa "consegne green" nei centri storici di 8 città italiane (Milano, Torino, Pavia, Bergamo, Vicenza, Belluno, Padova e Roma) che prevede l'uso di veicoli...

Green Logistics Intermodal Forum: oltre mille partecipanti alla prima edizione digitale della fiera della logistica sostenibile

Oltre 1.100 utenti attivi sulla piattaforma digitale, fra espositori e visitatori, che si sono confrontati e hanno partecipato agli oltre 67 eventi online inseriti nel programma della due giorni...

ManoMano lancia il servizio ManoMano Pro e apre il primo centro logistico in Italia

ManoMano, operatore e-commerce europeo del fai da te, giardinaggio e arredo casa, punta ancora sul mercato italiano e lancia in Italia due nuovi servizi: ManoMano Pro, la versione del marketplace...