Sardegna: con la Zona economica speciale 50 mln di crediti imposta

martedì 27 novembre 2018 15:48:08

Ha una superficie complessiva di 2.770 ettari la Zona economica speciale prevista in Sardegna, in aree vicine ai sei principali porti dell'isola, dove sono previste agevolazioni per le imprese esistenti e per attrarre nuovi investitori. In particolare è previsto un credito d'imposta fino a un massimo di 50 milioni di euro, incentivi per l'occupazione, procedure di aiuto cofinanziate con fondi
comunitari, contratti di sviluppo e di investimento.
Tra le misure di semplificazione previste, rientrano anche uno snellimento dei procedimenti amministrativi e autorizzativi, uno sportello unico amministrativo, interventi qualificati di interesse regionale e un rappresentante unico regionale in conferenza di servizi.

L'iter, con l'approvazione del Piano strategico in Giunta regionale, è stato avviato e ora manca solo il via libera del Governo nazionale. Nel piano sono state incluse le aree portuali di Cagliari, Portovesme, Oristano, Porto Torres, Olbia e Tortoli'-Arbatax, e quelle adiacenti dei sei Consorzi industriali. La Regione ha inoltre deciso di valorizzare anche la presenza degli aeroporti di Cagliari, Olbia e Alghero, per cercare di incrementare l'efficacia dell'intero sistema regionale. Dei 2.770 ettari totali della Zes, circa 1.628 sono riferiti al Consorzio industriale provinciale di Cagliari, 180 a quello del Nord Est Sardegna-Gallura, quasi 220 all'Oristanese, circa 500 a Sassari, poco piu' di 110 ettari a Carbonia-Iglesias e circa 56 all'Ogliastra, mentre 73,43 ettari sono ancora da assegnare.

Il requisito per il riconoscimento delle Zes, istituite con il Decreto Sud del 2017, è la presenza nel territorio regionale - è stato spiegato durante la conferenza stampa - di una zona geografica ben delimitata e identificata, composta anche da aree non adiacenti, purché con un nesso funzionale, che deve includere anche un porto della rete transeuropea dei trasporti (Ten-T) che, nel caso della Sardegna, è stata individuata nello scalo di Cagliari.

"La Sardegna - ha spiegato il presidente della Regione Francesco Pigliaru - offrirà delle aree in cui le imprese, che vogliono usare la nostra Regione come piattaforma logistica per poter produrre e poi esportare verso l'Unione europea, potranno avere uno strumento in più. Sappiamo di essere un luogo al centro del Mediterraneo, in un crocevia importantissimo per chi viene da Suez, per chi guarda all'Europa e al Nord Africa".


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Infrastrutture

Altri articoli della stessa categoria

Toscana: 6 milioni per la manutenzione delle strade regionali nel 2020

giovedì 13 febbraio 2020 10:27:42
Sei milioni di euro per la manutenzione delle strade toscane. I fondi sono stati assegnati con delibera di giunta alla Città metropolitana di Firenze e...

Toscana: Quarrata, via libera al progetto del raccordo fra via Firenze (SP44) e via Piero della Francesca

martedì 11 febbraio 2020 15:43:47
Creare un collegamento diretto tra la rete viaria e l'autostrada. Nasce con questo obiettivo il progetto per la realizzazione di un raccordo stradale fra via...

Infrastrutture, cresce il numero di impianti di Gnl di piccola taglia, soprattutto grazie ai trasporti pesanti

giovedì 6 febbraio 2020 14:35:41
Il Gas naturale liquefatto è sempre più utilizzato nei trasporti da quelli pesanti e leggeri a quelli marittimi, passando per i...

A14: viadotto Cerrano riaperto ai camion ma permane il divieto al transito delle merci pericolose

venerdì 31 gennaio 2020 10:20:00
E' ripresa alle 19 di ieri sera la circolazione dei mezzi pesanti con massa complessiva superiore a 3,5 tonnellate sul viadotto Cerrano al km 356 della A14. Il...

A14 Viadotto Cerrano: accolta istanza per il dissequestro, prevista la riapertura parziale

giovedì 30 gennaio 2020 16:35:20
L’istanza di dissequestro del viadotto Cerrano è stata accolta parzialmente. Lo ha deciso il giudice del Tribunale di Avellino. La direzione del...