Ciclovie turistiche: Mit, Mibact e Ministero delle Politiche Agricole sbloccano 161 mln di euro

venerdì 3 agosto 2018 13:22:32

Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, di concerto con il ministero per i Beni e le attività culturali e il Ministero delle Politiche agricole, ha dato il via libera al decreto interministeriale che sblocca oltre 161 milioni di euro per la realizzazione di un sistema nazionale di ciclovie turistiche. Si tratta di un importante investimento per il destino economico di tante aree del Paese che punta su opere in perfetta simbiosi con il territorio circostante, sulla mobilità sostenibile e in particolare la ciclabilità.Il decreto in questione ripartisce nel quadriennio 2016/2019 161.780.679,56 euro per la costruzione di piste ciclabili turistiche. Per la ripartizione delle risorse per gli anni dal 2021 al 2024 il Ministero si impegna a procedere con un successivo decreto, individuando per ciascuna ciclovia ulteriori progetti che rispondano ai criteri qualitativi previsti. 

In particolare 4.780.679,60 euro relativi all’annualità 2016 sono destinati alla redazione dei progetti di fattibilità tecnica ed economica della ciclovia del Sole (Verona-Firenze), della ciclovia del Vento (Venezia-Torino), della ciclovia dell’acquedotto pugliese e del GRAB di Roma. I restanti circa 157 milioni di euro sono invece destinati, per gli anni 2017-2019, a garantire, per tutte le ciclovie turistiche, lo sviluppo del progetto di fattibilità tecnica ed economica e delle successive fasi di progettazione.

La realtà delle ciclovie turistiche è fatta di centinaia di chilometri di percorsi ciclabili. Alle piste già citate si aggiungono quelle del Garda, della Sardegna e della Magna Grecia; e poi la ciclovia Tirrenica, la ciclovia Adriatica e la Trieste-Lignano Sabbiadoro-Venezia. Il decreto emanato oggi disciplina anche le modalità di rendicontazione e prevede la revoca delle risorse nei casi di mancata parziale realizzazione degli interventi. Infine, prevede la costituzione di un Tavolo Permanente di Monitoraggio per la verifica del raggiungimento degli obiettivi. La parola ora passa agli enti locali.
Il Ministero delle Infrastrutture e  dei Trasporti attende infatti l'invio da parte delle Regioni degli studi di fattibilità, propedeutici e necessari alla realizzazione delle piste ciclabili. Invio che si auspica avvenga quanto prima, così da rendere il Sistema nazionale delle ciclovie turistiche una realtà.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Infrastrutture

Altri articoli della stessa categoria

Regione Valle d’Aosta, confermate le agevolazioni autostradali

venerdì 15 febbraio 2019 14:10:41
La giunta regionale della Valle d’Aosta conferma le procedure di agevolazione sulle tariffe autostradali attuate in collaborazione con le società...

Ciclovia Tirrenica, sottoscritto protocollo d’intesa per progetto di fattibilità tecnico-economica

venerdì 15 febbraio 2019 14:16:57
Sottoscritto il protocollo d’intesa per il progetto di fattibilità tecnico-economica della ciclovia Tirrenica. A firmare l’intesa il...

Barriera stradale #Salvamotociclisti, Anas: superato il crash test

giovedì 14 febbraio 2019 15:04:23
La barriera di sicurezza stradale #Salvamotociclisti ha superato il crash test. La barriera spartitraffico centrale di tipo continuo con un dispositivo per la...

Tav, per Conftrasporto un'arma contro il dumping sociale

giovedì 14 febbraio 2019 18:11:46
“Con la Tav le imprese italiane avrebbero le armi per combattere contro il dumping sociale che le aziende dell’Est europeo fanno ai loro...

Infrastrutture: bando Anas da 660mln per risanare ponti, viadotti e gallerie

mercoledì 13 febbraio 2019 09:47:12
Anas (Gruppo FS Italiane) pubblica sulla Gazzetta Ufficiale Europea un bando del valore di 660 milioni di euro per il risanamento strutturale delle opere...