Autostrade: pedaggi 2020, slittano gli incrementi per il 95% della rete in concessione

martedì 31 dicembre 2019 13:13:18

Slittano gli incrementi tariffari previsti dal prossimo 1° gennaio 2020 per la quasi totalità della rete autostradale. Il 95% della rete in concessione non subirà aumenti dei pedaggi.

Nel decreto Milleproroghe è previsto, infatti, un rinvio delll’adeguamento delle tariffe autostradali relative all’anno 2020, decisione subordinata all’aggiornamento dei piani economici-finanziari dei concessionari.

La norma per le Concessionarie per le quali il periodo regolatorio è pervenuto a scadenza, stabilisce che il termine per l’adeguamento delle tariffe autostradali relative all’anno 2020 è differito sino alla definizione del procedimento di aggiornamento dei piani predisposti in conformità alle delibere adottate dall’Autorità di Regolazione dei Trasporti (ART).

Ecco l'elenco delle concessionaie in scadenza: 
RAV, SAT, Strada dei Parchi, Satap (A4), Milano Serravalle, Brescia Padova, Autostrade per l’Italia, Asti-Cuneo, SALT (Autocamionale della Cisa), Autostrada dei fiori (Tronco A10),
Autostrada dei Fiori (Tronco A6), SALT (Tronco Ligure Toscano), SAV, SITAF,
Tangenziale di Napoli, CAS

Per le società Concessionarie per le quali il contratto di concessione risulta scaduto:
ATIVA, Autostrada del Brennero, Autostrade Meridionali, Autovie Venete, Satap (A21), non è stato concesso alcun incremento tariffario.

Si conferma l’ulteriore congelamento degli incrementi tariffari relativi agli anni precedenti per le società Concessionarie:
Strada dei Parchi (sospesi 12,89% per l’anno 2018 e 5,59% per l’anno 2019),
Autostrade per l’Italia (sospeso 0,81% per l’anno 2019),
Milano Serravalle (sospeso 2,62% per l’anno 2019)

Relativamente alla Concessionaria Strada dei Parchi, l’incremento tariffario è ulteriormente sospeso fino al 31 ottobre 2021 ai sensi della la legge 12 dicembre 2019, n. 156 “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 24 ottobre 2019, n. 123, recante disposizioni urgenti per l’accelerazione e il completamento delle ricostruzioni in corso nei territori colpiti da eventi sismici”.
Sulle autostrade A24 e A25 continueranno ad applicarsi le tariffe di pedaggio vigenti alla data del 31 dicembre 2017.

E’ stato autorizzato l’incremento tariffario per le seguenti società:
CAV 1,20%,
Autovia Padana 4,88%,
Bre.Be.Mi. 3,79%,
Pedemontana Lombarda 0,80%.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Infrastrutture

Altri articoli della stessa categoria

A35 Brebemi: superato il miliardo di euro di investimenti e i 3.700 posti di lavoro

mercoledì 8 luglio 2020 12:57:07
Presentati i dati aggiornati dello studio AGICI sulle ricadute dell’infrastruttura A35 Brebemi sul territorio. Nel corso del webinar “A35 Brebem...

Dal Mit una legge per assicurare sicurezza in gallerie e viadotti con norme omogenee

mercoledì 8 luglio 2020 13:00:48
Assicurare l’omogeneità della classificazione e gestione del rischio, della valutazione della sicurezza e del monitoraggio dei viadotti e delle...

Liguria: Confcommercio e Conftrasporto chiedono lo sblocco immediato della situazione viabilità

mercoledì 8 luglio 2020 14:27:13
Confcommercio e Conftrasporto tornano sulla questione Liguria e chiedono un intervento immediato per sbloccare la questione viabilità. "Dopo...

GSE: il trasporto stradale è la modalità che consuma più energia in Italia. Il 92% dei consumi riguarda prodotti petroliferi

mercoledì 8 luglio 2020 18:13:43
Nel 2018 i consumi di energia nel settore dei trasporti in Italia ammontano a 39,4 Mtep, un valore pari a oltre un terzo dei consumi energetici complessivi del...

Dl Semplificazioni: De Micheli, un piano con oltre 130 opere per un'Italia meno diseguale

martedì 7 luglio 2020 15:02:16
"Il risultato del nostro lavoro servirà a rendere quest'Italia meno diseguale e rispetto anche alla discussione che si è animata in questi mesi...