Covid-19: a marzo duro impatto sul mercato dei veicoli industriali

mercoledì 29 aprile 2020 19:45:19

L'emergenza sanitaria e le conseguenti misure di contenimento dell'epidemia hanno avuto un impatto significativo sull'autotrasporto e la logistica nel nostro Paese. La filiera produttiva dei veicoli industriali, in attesa di riprendere a pieno ritmo le attività produttive e commerciali dal prossimo 4 maggio, fa i conti con il duro colpo subito con la pandemia.

Per la fase 2 e con il riavvio della produzione nazionale e del mercato – sottolinea Anfia – fondamentale sarà la rapida attuazione delle misure di incentivazione e la ripartenza delle attività di verifica e immatricolazione da parte del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

ACEA, l’Associazione europea dei Costruttori di autoveicoli, ha stimato una perdita di produzione di 2,07 milioni di autoveicoli in Unione europea – di cui 124.500 in Italia – per effetto di una chiusura degli impianti produttivi della durata media di 26 giorni lavorativi (dati aggiornati al 20/04/2020).

I numeri del mercato italiano di marzo, per autocarri e rimorchi e semirimorchi pesanti risentono, infatti dell’impatto delle misure emergenziali. Numeri che hanno sicuramente contribuito a peggiorare non poco il trend già negativo del primo bimestre 2020, soprattutto per il comparto dei veicoli trainati.

A marzo 2020, sono stati rilasciati 1.387 libretti di circolazione di nuovi autocarri (-33,5% rispetto a marzo 2019) e 739 libretti di circolazione di nuovi rimorchi e semirimorchi pesanti, ovvero con ptt superiore a 3.500 kg (-60,1%), suddivisi in 75 rimorchi (-50,7%) e 664 semirimorchi (-60,9%). Nei primi tre mesi dell’anno si contano 5.393 libretti di circolazione di nuovi autocarri, il 12,3% in meno del periodo gennaio-marzo 2019, e 2.918 libretti di circolazione di nuovi rimorchi e semirimorchi pesanti (-36,7% rispetto a gennaio-marzo 2019), così ripartiti: 246 rimorchi (-37,7%) e 2.672 semirimorchi (-36,6%).

Per quanto riguarda il trasporto passeggeri, il mercato degli autobus con ptt superiore a 3.500 kg a marzo registra 320 nuove unità, in diminuzione del 10,1%. Nel mese, si registra una crescita per gli autobus e midibus turistici (+10,5%), mentre chiudono il mese con segno negativo sia i minibus (-14,5%) che gli scuolabus, in pesante flessione (-61,4%). Variazione nulla per gli autobus adibiti al TPL.

Nel primo trimestre dell'anno sono stati rilasciati 1.153 libretti di autobus contro i 1.053 di gennaio-marzo 2019, registrando, quindi, un incremento del 9,5%. Segno positivo per gli autobus e midibus turistici (+42,9%) e per i minibus (+59,9%), mentre chiudono il trimestre in flessione gli autobus adibiti al TPL (-5,7%) e gli scuolabus (-38,3%). A questo proposito Anfia spiega come il trasporto pubblico dei passeggeri sarà questione centrale nella mobilità post-lockdown, che dovrà essere organizzata per mantenere il distanziamento fisico delle persone sui mezzi.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Veicoli pesanti: a settembre crescono autocarri (+34,4%) e veicoli trainati (+20,4%), in calo autobus (-49,7%)

A settembre il mercato degli autocarri conferma i risultati positivi di luglio e agosto e continua a crescere a doppia cifra (+34,4%), mentre i veicoli trainati invertono la tendenza negativa dei due...

Mercato europeo dell'auto: segnali incoraggianti a settembre

Nel complesso dei Paesi dell’Unione europea a settembre le immatricolazioni di auto ammontano a 1.300.048 unità, con una crescita dell’1,1% rispetto a settembre 2019. I dati sono...

Veicoli commerciali, Unrae: continua la ripresa, a settembre +18,5%

Continua il trend positivo in atto dai mesi estivi, per il mercato dei veicoli commerciali. Nel mese di settembreimmatricolati 16.170 veicoli in aumento del 18,5% rispetto ai 13.651 autocarri con ptt...