Camion: in Francia obbligo di segnalazione degli angoli ciechi. Ecco i dettagli

CONDIVIDI

venerdì 8 gennaio 2021

Dal 1° gennaio 2021 in Francia è entrato in vigore l'obbligo di segnalazione degli angoli ciechi per tutte le aziende di trasporto che transitano sul territorio francese e che viaggiano in ambiente urbano.

A partire dall'inizio dell'anno, dunque, i veicoli con massa superiore alle 3,5 tonnellate sono tenuti a esporre in modo visibile un cartello indicante la posizione degli angoli ciechi.

Lo scorso 5 gennaio sono state poi pubblicate nella Gazzetta Ufficiale francese le norme di attuazione della misura e il modello di pannello con le precise caratteristiche tecniche.

Nel dettaglio, il Decreto stabilisce che il cartello può essere attaccato al veicolo tramite incollaggio o rivettatura o qualsiasi altro mezzo di fissaggio oppure può essere verniciato o appiccicato sulla carrozzeria. Si considerano conformi alle disposizioni del Decreto i veicoli che portano, lateralmente e posteriormente, un dispositivo destinato a segnalare la presenza di angoli ciechi in applicazione della normativa di un altro Stato membro dell'Unione europea. I veicoli a motore e i veicoli rimorchiati sono dotati di segnaletica sul retro del veicolo, a destra del piano longitudinale mediano e ad un'altezza compresa tra 0,90 e 1,50 metri dal suolo e,
- per gli autoveicoli: segnaletica nel primo metro prima del veicolo, escluse le superfici vetrate, a sinistra ea destra, ad un'altezza compresa tra 0,90 e 1,50 metri da terra;
- per i semirimorchi: segnaletica, sinistra e destra, nel primo metro dietro il perno del veicolo e in corrispondenza di un altezza compresa tra 0,90 e 1,50 metri dal suolo;
- per i rimorchi: segnaletica nel primo metro della parte anteriore della carrozzeria del veicolo, a sinistra e a destra, e ad un'altezza compresa tra 0,90 e 1,50 metri da terra.

La segnaletica è posizionata in modo che sia visibile in tutte le circostanze e in modo che non possa ostacolare la visibilità delle targhe e delle iscrizioni regolamentari del veicolo, la visibilità delle varie luci e dei dispositivi di segnalazione nonché il campo visivo del conducente. Gli autoveicoli ed i veicoli rimorchiati, per i quali è tecnicamente impossibile rispettare il requisito di altezza di segnalazione da terra, sono muniti di segnaletica posta ad un'altezza il più possibile prossima a quella sopra indicata ed entro il limite di 2,10 metri.

Il Decreto ricorda infine che la norma non si applica ai veicoli a motore e ai veicoli rimorchiati per i quali sussiste un'impossibilità tecnica. È il caso in particolare dei portacontainer, delle bisarche, dei trattori per semirimorchi, dei veicoli cisterna, dei veicoli pianali, dei bracci per cassone amovibile, dei dolly che sono contrassegnati sul retro in posizione compatibile con le loro caratteristiche tecniche.

I criteri di posizionamento per la segnaletica laterale non sono applicabili ai veicoli rimorchiati per i quali sussiste un'impossibilità tecnica; tali veicoli portano la segnaletica laterale in posizione compatibile con le loro caratteristiche tecniche. Si ritengono conformi alle disposizioni del Decreto per un periodo di tempo i veicoli che, entro il 31 marzo 2021, siano stati muniti sulle fiancate e posteriormente di un dispositivo destinato a materializzare la presenza di angoli ciechi non conforme al modello allegato al decreto, per un periodo di 12 mesi dalla pubblicazione del decreto in commento. (a regime, la sanzione sarà compresa tra 90 e 750 euro).

Tag: trasporti internazionali

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Brexit: facilitare le operazioni di sdoganamento e agevolare l’e-commerce

Cosa comporta il nuovo obbligo di dichiarazione, è necessario dotarsi di un centro logistico proprio in loco e in che modo si possono organizzare con affidabilità spedizione, trasporto...

Trasporti internazionali: l’Austria modifica i divieti di transito in Tirolo per carichi e scarichi locali

Con Regolamento austriaco entrato in vigore il 29 ottobre scorso sono state apportate modifiche a 3 diversi provvedimenti di divieto di transito dei veicoli di oltre 7,5 ton per il trasporto di merci...

Trasporti internazionali, richiesta di autorizzazioni per l’anno 2022: ecco le scadenze

Scadenze in vista per la presentazione al Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili delle domande per la richiesta di autorizzazioni ai trasporti internazionali per...

Banca d'Italia: rincari nel trasporto marittimo a causa della pandemia

Quali sono stati i costi relativi alle principali modalità di trasporto nel 2020? La risposta arriva dall'indagine della Banca d'Italia sui trasporti internazionali di merci relativa all'anno...

Blocco Canale di Suez: quali conseguenze per la catena logistica internazionale?

Una perdita di circa di 12/15 milioni di dollari al giorno. Questo l'effetto nell'immediato del blocco di una settimana del Canale di Suez a causa dell'incagliamento della mega-nave Ever Given, lo...

Brexit: l'Europarlamento approva l'accordo commerciale UE-UK

La questione Brexit tiene ancora col fiato sospeso tutto l'Europa a causa, soprattutto, delle conseguenze che potrebbe avere sui traffici commerciali. Proprio in questi giorni il Parlamento europeo...

Covid-19: test obbligatorio per chi entra in Spagna dalla Francia

  Per chiunque entri in Spagna dalla Francia via terra sarà obbligatorio effettuare un test Covid-19. Lo stabilisce una nuova normativa pubblicata sulla Gazzetta ufficiale secondo cui i...

Belgio: nuove restrizioni agli spostamenti. Ecco cosa devono fare gli autotrasportatori

Ci sono novità per gli spostamenti e i trasporti da e per il Belgio. Nella giornata di oggi la federazione belga Febetra, infatti, ha informato dell’approvazione di un nuovo decret...