Autotrasporto, Anita: il fermo dei servizi non risolve i problemi. Necessarie risposte immediate sul caro gasolio

CONDIVIDI

giovedì 17 marzo 2022

Il giudizio dell'associazione Anita sul protocollo d’intesa proposto dal MIMS alle rappresentanze dell'autotrasporto è sostanzialmente positivo. Lo comunica la stessa associazione con una nota.

Ieri l'Anita aveva convocato d’urgenza i propri organi direttivi per valutare il pacchetto di proposte illustrate dalla Viceministra Teresa Bellanova.
Thomas Baumgartner ha spiegato che occorrerà comunque valutare attentamente come i vari punti del protocollo saranno concretamente tradotti in termini normativi, sottolineando poi che "la vera emergenza da affrontare presto e bene è quella del caro gasolio, poiché al di là delle regole, certamente importanti, in queste ore le imprese hanno bisogno di risposte immediate per poter proseguire l’attività”.

Gli aumenti dei costi registrati negli ultimi giorni sono fuori controllo, aggiunge Baumgartner: "il pieno fatto oggi costa circa 700 euro in più rispetto al dicembre scorso e questo è un dato di fatto e il Governo deve innanzitutto verificare quanto questo aumento sia giustificato e intervenire prontamente laddove fossero accertate manovre speculative da parte delle compagnie petrolifere”.

Anita chiede un maggiore sforzo sul gasolio commerciale usato dalle imprese di autotrasporto, con interventi specifici aggiuntivi rispetto a quelli allo studio del Governo.

"Non crediamo che un fermo dei servizi risolva i problemi dell’autotrasporto"

“Nei giorni scorsi abbiamo invitato le nostre imprese alla puntuale applicazione della clausola di adeguamento del costo del carburante, in vigore per legge dal 2008 e ancora oggi l’abbiamo ricordata agli imprenditori – precisa Baumgartner – perché così come avviene in tutti i settori, l’incremento di costi che non dipendono dalla volontà o dall’efficienza dell’impresa, come nel caso del gasolio, siano recuperati dal mercato”.

Infine la posizione sul fermo dell'autotrasporto proclamato ieri: "Anita continua il dialogo costruttivo con il Governo e il MIMS, ai quali è ben chiaro il ruolo e l’importanza strategica del settore per l’economia e la collettività. Non crediamo che un fermo dei servizi risolva i problemi dell’autotrasporto – conclude Baumgartner - il nostro peso lo dobbiamo far valere con la forza della ragione e non con azioni di protesta che rischiano di mettere le imprese e l’intero Paese in difficoltà ben più serie di quelle che stiamo vivendo e anche per rispetto alle risposte positive che arrivano da una parte della committenza".

Tag: sciopero autotrasporto, gasolio

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

E in Corea i camionisti chiedono le tariffe a forcella

L'aumento vertiginoso dei costi del carburante ha spinto i camionisti coreani a proclamare un nuovo sciopero. Gli autotrasportatori sindacalizzati della Corea del Sud hanno avviato il secondo fermo...

Da dicembre torna lo sconto sulle accise per l'autotrasporto

Dal primo dicembre ci sarà il taglio sconti sulle accise e il ripristino del rimborso della Carbon Tax.  Lo ha comunicato l'associazione Anita. Il Consiglio dei Ministri ha approvato...

Aumenta il prezzo del gasolio, Fai Liguria chiede risposte urgenti al Governo

Gli aumenti del prezzo del gasolio continuano a mettere in difficoltà l'autotrasporto. Il presidente di Fai Liguria Davide Falteri ha spiegato che sin dall’inizio del 2022 la media...

Bonus gasolio autotrasporto: ecco come caricare correttamente le domande

Arrivano chiarimenti dall'Agenzia Dogane Monopoli sulle modalità di presentazione delle domande per l’accesso al credito d’imposta per l’acquisto di gasolio del primo...

Taranto: protesta dell'autotrasporto fino al 7 settembre

Autotrasportatori in protesta alla raffineria di Taranto. La manifestazione, organizzata dall’Unione sindacale di Base (USB), nasce a causa della mancanza di commesse alle aziende del posto....

Fondo 500mln autotrasporto: ecco come richiedere il credito d'imposta

Pubblicato sul sito del MIMS il Decreto della Direzione Generale per la sicurezza stradale e l’autotrasporto che definisce le modalità di erogazione del fondo da 496 milioni di euro...

Trasportounito: rinviato il fermo nazionale a causa della crisi di Governo

Rinviato il fermo dell'autotrasporto che era stato annunciato da Trasportounito per i giorni dal 18 al 22 luglio. Lo ha comunicato la stessa associazione con un comunicato. "A conferma del grande...

Caro carburanti, viabilità, continuità territoriale: il 27 giugno protesta degli autotrasportatori in Sardegna

Non sarà una marcia su Cagliari, come si era paventato nei giorni scorsi, ma verranno allestiti tanti presidi nei porti sardi e nelle principali aree di servizio dell'isola. Lunedì 27...