Gli autotrasportori siciliani bloccano i porti di Palermo, Catania e Termini Imerese contro il caro navi

CONDIVIDI

martedì 7 gennaio 2020

Protesta degli autotrasportatori siciliani ai porti di Palermo, Catania e Termini Imerese. All’origine dei blocchi, il caro navi legato all’aumento delle tariffe per il trasporto delle merci via mare a causa dell’adeguamento dell’adeguamento alla direttiva europea Imo 2020 che ha imposto agli armatori di utilizzare un carburante che abbia l’85% in meno di ossidi di zolfo.

Le associazioni italiane sicilane hanno quindi dato avvio alla protesta all’alba di oggi. La protesta, annunciata da Mariano Ferro leader dei Forconi, è supportata anche da Aitras e da Trasportounito.

“Sicilia e Sardegna sono la punta di un iceberg di disagio disperazione e rabbia - ha dichiarato Maurizio Longo, Segretario generale di Trasportounito -. La totale incapacità del governo e della politica di comprendere che l'innalzamento di costi e delle barriere infrastrutturali annientano territori come quelli delle due isole maggiori, sommata all’indifferenza con la quale si affrontano le rilevanti ripercussioni generate da normative internazionali e comunitarie, generano le premesse per innescare conflitti sociali che, auspichiamo, non escano fuori controllo”.

Lo sciopero è in atto nonostante la convocazione da parte del Governo di un vertice per oggi proprio su questa tematica.

"Il Governo nazionale ha ritenuto di non invitare la Regione Siciliana e i rappresentanti regionali degli autotrasportatori al tavolo che si svolge oggi, a Roma, sugli aumenti del costo del trasporto marittimo. Abbiamo dunque indetto per oggi alle 17.30, nella sede dell'Assessorato alle Infrastrutture a Palermo, una riunione straordinaria della Consulta regionale dell'Autotrasporto. Valuteremo, assieme ai rappresentanti della categoria, le iniziative da intraprendere sui pesanti rincari dei biglietti che l'Autotrasporto sta subendo, colpo durissimo per uno dei settori più strategici per l'economia siciliana”, ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Tirrenia-Moby: rischio stop traghetti su 4 tratte

Aveva continuato il servizio anche dopo la scadenza della convenzione avvenuta lo scorso 28 febbraio, ma ora Tirrenia-Moby ha deciso di sospendere le tratte Civitavecchia-Cagliari, Napoli-Cagliar...

Trasportounito: possibili code tra Genova e Bolzaneto, nuovo danno per l'autotrasporto

Trasportounito lancia l'allarme per i possibili disagi che potrebbero derivare dall'apertura del nuovo cantiere che chiuderà per 40 giorni la tratta fra Genova Ovest e Bolzaneto. "I mezzi...

Liguria, allarme di Trasportounito: la neve blocca i camion, efficienza autotrasporto a rischio

Sulla rete ligure sono chiuse le autostrade A6, A26, A7: per agevolare le operazioni dei mezzi antineve Polstrada ha disposto il divieto temporaneo alla circolazione sulla A26 Genova-Gravellona Toc...

Federagenti, Duci: conflitto Stati Uniti - Cina occasione storica di sviluppo per i porti italiani

Il “conflitto” in atto tra Stati Uniti e Cina è un’occasione storica di sviluppo per la portualità italiana, una seconda chance che si offre all’Italia dal...

Ferrovia Messina-Catania-Palermo: pubblicati bandi di gara per raddoppio della Giampilieri-Fiumefreddo

Un ulteriore passo in avanti verso la realizzazione dell'asse ferroviario Messina-Catania-Palermo, parte del Corridoio Scandinavia-Mediterraneo: sono stati pubblicati due bandi di gara relativi ai...

Accise gasolio: dal primo ottobre stop al rimborso per i veicoli industriali Euro3

Dal 1° ottobre, in Italia,  i veicoli industriali motorizzati euro 3 non potranno più recuperare una parte delle accise sul gasolio acquistato (circa 214 euro per mille litri di...

Allarme di Federlogistica-Conftrasporto: la Cina spia i dati italiani di merci e logistica

Federlogistica-Conftrasporto lanciano un allarme sul disegno geopolitico economico della Cina, alla luce delle ultime notizie apparse negli organi di stampa, invitando il Governo ad un’azione...

Federlogistica-Conftrasporto chiede una programmazione nazionale per gestire le risorse del Recovery fund

Gestire le risorse del Recovery fund con una programmazione nazionale, sotto una regia unica del Ministero.  Lo auspica il presidente di Federlogistica-Conftrasporto Luigi Merlo che commenta...