Brasile, trasporti: lo sciopero dei camionisti porta il Paese alla paralisi

sabato 26 maggio 2018 10:36:36

Emergenza nazionale in Brasile per lo sciopero, ormai da cinque giorni, dei camionisti. Lo sciopero è diventato un'emergenza nazionale. All’origine della protesta ci sono i rincari sui carburanti e sui pedaggi autostradali (che rappresentano per l’autotrasporto il 70% dei costi) mentre le tariffe corrisposte alle aziende sono rimaste invariate.

Lo sciopero sta causando il fermo degli aeroporti, dei trasporti pubblici, oltre alla paralisi nelle grandi città e serie difficoltà alle industrie che lavorano a singhiozzo, oltre che agli ospedali.

Il presidente Michel Temer ha mobilizzato le forze armate e i servizi di sicurezza per riaprire il traffico nel Paese, dove cominciavano a registrarsi seri problemi di approvvigionamento di cibo e carburante.
La giornata era iniziata su una nota positiva, dopo che il governo ha annunciato un accordo con 9 delle 11 organizzazioni di camionisti, chiuso nella notte precedente per garantire almeno una tregua di 15 giorni nella protesta, lanciata per esigere una riduzione del prezzo del carburante.

Ben presto, però, è cambiata la situazione: secondo stime dei media locali, circa un milione di camion mantenevano oltre 900 blocchi stradali in 22 dei 27 stati del paese, e sono cominciate a moltiplicarsi le situazioni di emergenza. Undici aeroporti hanno informato di avere problemi di approvvigionamento di combustibile per gli aerei, e decine di voli sono stati cancellati. Il porto di Santos, principale terminale navale dell'America Latina, è rimasto virtualmente isolato dal resto del paese, e a Brasilia, San Paolo ed altre città le autorità hanno sospeso le classi nelle scuole pubbliche. 

Gli automobilisti si lamentavano mentre facevano lunghe file per fare il pieno a prezzi gonfiati, gli ospedali denunciavano i primi problemi di disponibilità di medicine e i produttori di carne hanno avvertito che un miliardo di polli e due milioni di maiali sono in rischio di vita per la mancanza di alimenti. E così Temer ha annunciato nel pomeriggio che aveva "mobilitato le forze federali di sicurezza perché sblocchino le strade", avvertendo che "non permetteremo che la società non abbia accesso ai beni di prima necessità".

La dura reazione di Temer è stata respinta dall'Associazione brasiliana di camionisti (Abcam), che non ha firmato l'intesa con l'esecutivo e ha avvertito che "se i militari vogliono togliere i blocchi, allora correrà sangue". Con il passare delle ore, però, non si sono segnalati scontri o episodi di violenza, e il governo ha annunciato la ripresa del traffico in punti nevralgici del paese: la raffineria della Petrobras a Rio, per esempio, ha ripreso a distribuire carburante.

Poco dopo le 18.00 (le 23.00 in Italia) il governo ha informato che il numero di posti di blocco è passato da 933 a 519, aggiungendo che in molti punti alcune corsie sono lasciate libere per il traffico. Resta da vedere quanto ci vorrà perché la situazione torni ad essere normale. In sei città dello Stato di Rondonia, sulla frontiera con al Bolivia, per esempio, la mancanza di carburante ha già provocato estesi blackout.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Autotrasporto

Altri articoli della stessa categoria

Limitazioni veicoli inquinanti: Fai Conftrasporto, impraticabile senza incentivi per rinnovare i mezzi

lunedì 19 novembre 2018 13:41:35
"L’accordo l’hanno siglato Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto. L’obiettivo è migliorare la qualità dell’aria;...

Conftrasporto, Federauto e Unrae: troppo ambiziosi i limiti Ue sulle emissioni

lunedì 19 novembre 2018 15:11:09
“La transizione verso lo scenario dei trasporti a ‘zero emissioni’ va guidata nel rispetto del principio della neutralità tecnologic...

Trento, Fugatti: subito il tavolo con artigiani e trasportatori per rilancio dell'autotrasporto

lunedì 19 novembre 2018 15:18:19
“L’artigianato ed i trasporti sono settori strategici per il Trentino e la nuova giunta intende sostenere centinaia di aziende trentine che in...

Unatras chiede a Toninelli risposte certe su rimborso accise, revisioni, rinnovo veicoli e concorrenza sleale

venerdì 16 novembre 2018 13:43:39
Unatras, coordinamento unitario delle associazioni dell’autotrasporto merci, ha scritto una lettera al ministro delle infrastrutture e dei Trasporti...

Pacchetto mobilità Ue: Toninelli, necessario combattere la concorrenza sleale nell'autotrasporto

mercoledì 14 novembre 2018 15:59:27
Turelare gli autotrasportatori anche nell'ottica di contrastare la concorrenza sleale. Lo ha ricordato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo...