Ticket bus Roma: stato di agitazione per gli operatori del trasporto e del turismo

CONDIVIDI

giovedì 13 luglio 2017

Uno stato di agitazione per protestare contro i disincentivi all'accesso dei bus nel centro storico di Roma. L'hanno annunciato alcune associazioni di operatori del settore turismo e trasporti  - Anav, Federlazio, Anc – Trasporto Bus, Fita-Cna, Federnoleggio, Fiavet Lazio, Federalberghi Roma, Confesercenti-Federagit-Roma - spiegando che “il turismo in autobus è una risorsa da preservare, che nell’interesse stesso della città non può soggiacere a mortificanti politiche restrittive, come quelle proposte dall’Assessore alla Città in Movimento, Linda Meleo, che prospettano l’interdizione del centro storico ai bus turistici e, con l’abolizione dei permessi annuali, l’aumento iperbolico delle tariffe di accesso”.

La città di Roma registra ogni anno oltre 17 milioni di arrivi e 40 milioni di presenze, garantendo occupazione a circa 150mila addetti ed il 10,3% dell’intero PIL cittadino. Oltre il 30% dei flussi turistici si riferisce a gruppi che si muovono in autobus.
“Carnet di 300 permessi ad un costo di quasi 36mila euro per i veicoli di ultima generazione, tariffe ancor più elevate per i mezzi più vetusti – scrivono le associazioni in una nota - si tratta di cifre insostenibili se si pensa che le imprese devono coprire – oltre ai costi dei permessi e della tassa di soggiorno più elevata d’Europa - quelli di personale, gasolio e ammortamento dei mezzi. Non meno gravi gli effetti della chiusura del centro storico: le deroghe per disabili, scolaresche e per i soli transfert verso gli alberghi di maggiori dimensioni, appaiono troppo limitate rispetto alla domanda di mobilità collettiva nel centro storico, che coinvolge, peraltro, gli stessi gruppi di turisti che vi alloggiano e necessitano dell’autobus per raggiungere i siti di interesse. Le imprese rischiano di essere messe fuori gioco, con conseguenti ricadute su livelli occupazionali ed economia turistica della città".

“Come Associazioni rappresentative delle imprese di trasporto con autobus e della filiera turistica, attraverso uno studio dell’Università Sapienza di Roma, abbiamo dato dimostrazione scientifica di quanto già largamente acquisito da tutti i modelli di mobilità sostenibile e cioè che l’utilizzo dell’autobus va incentivato e non penalizzato, poiché gli autobus - anche quelli turistici - in quanto mezzo di trasporto collettivo rappresentano la risposta più efficace al problema dell’inquinamento e della congestione del traffico urbano. Dinanzi ai dati chiari ed incontestabili forniti dall’Università Sapienza - 0,12g/km di emissioni di NOx contro i 0,35 g/km delle vetture e 0,6 mq/passeggero lo spazio di sosta occupato dei bus turistici contro i 5,2 mq/passeggero delle autovetture - l’Assessore Meleo si è trincerata dietro non meglio specificate esigenze di “decoro” della città, per poi confessare la necessità di dover mantenere fede agli impegni verso i propri elettori ed affermare che, in ogni caso, rientra nelle prerogative dell’Assessore vietare l’ingresso dei pullman turistici nel centro storico della propria città. Affermazioni che – al pari del rifiuto di consegnare alle Scriventi la bozza delle modifiche al piano bus – tradiscono l’intenzione di sottrarsi a qualsiasi confronto con le categorie. L’invito a presentare osservazioni, cui comunque daremo doverosamente seguito, a questo punto appare solo una formalità volta a dare al nuovo piano bus l’apparenza di una concertazione in realtà mai intervenuta".

“Come categoria - conclude la nota - nel ribadire la necessità di maggiori controlli per una più ordinata mobilità turistica, abbiamo già espresso verbalmente all’Assessore Meleo la nostra contrarietà alle proposte formulate, evidenziandone gli effetti negativi su economia turistica, livelli occupazionali e sugli stessi cittadini, visto che la chiusura del centro storico e l’aumento delle tariffe spingerà sempre più i flussi internazionali del turismo di gruppo in bus verso città diverse da Roma. Vista la gravità delle decisioni che si vanno assumendo e la riconferma di un atteggiamento dell’Amministrazione capitolina di aperto sfavore nei confronti degli autobus turistici, le scriventi Associazioni - ferma restando l’intenzione di far pervenire a breve le proprie proposte di miglioramento della mobilità turistica - hanno unanimemente deciso di proclamare lo stato di agitazione che si articolerà secondo modalità che saranno comunicate nei prossimi giorni”.

Tag: anav

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Caro carburanti: l'Anav chiede la proroga delle misure per il trasporto con autobus

Ieri è stata annunciata una ulteriore proroga del taglio dell’accisa ordinaria sul gasolio fino al 18 novembre.  "Ma per il trasporto con autobus sono necessarie misure di...

Trasporto passeggeri: Anav lancia la nuova campagna per promuovere la mobilità collettiva

Durante la manifestazione Next Mobility Exhibition, in corso alla Fiera di Milano, Anav ha lanciato la nuova campagna di comunicazione e il relativo video “Vaicolbus: Insieme, sicur...

Next Mobility Exhibition: ANAV presenta un rapporto sulla situazione del trasporto con autobus

Nel contesto di Next Mobility Exhibition, la tre giorni di eventi dedicata alla mobilità sostenibile organizzata da Fiera Milano dal 12 al 14 ottobre, ANAV (Associazione nazionale...

Bonus trasporti: gli utenti possono acquistare simultaneamente più titoli di abbonamento

E' possibile impiegare il bonus trasporti per l’acquisto simultaneo di più titoli di abbonamento a favore di uno stesso utente e presso un solo gestore? L’Anav, l'associazione...

Caro carburanti, allarme Anav, Asstra e Agens: imprese trasporto passeggeri a rischio chiusura

Il caro carburanti minaccia il settore del trasporto passeggeri. L'allarme arriva dalle associazioni del settore - ANAV, ASSTRA e AGENS - attraverso un comunicato. "Molte imprese rischiano a breve di...

Bonus trasporti: Agens, Anav e Asstra chiedono modifiche per evitare disservizi

Perplessità in relazione alla procedura di gestione del bonus trasporti. Le hanno espresse le associazioni Agens, Anav e Asstra che rappresentano le imprese del trasporto pubblico locale e una...

La transizione energetica del trasporto pubblico al centro del nuovo convegno Anav

La transizione energetica nel TPL è stata al centro di un recente convegno dell'Anav, l’Associazione del trasporto di passeggeri con autobus di Confindustria.Dallo studio sul tema...

Trasporto passeggeri: Anav, il presidente designato Biscotti presenta le linee programmatiche 2022-2026

ll comparto del trasporto passeggeri, in via di ripresa dopo la crisi pandemica, traccia il percorso per il pieno recupero del settore in linea con le nuove esigenze di sostenibilità. Le...