Roma, turismo sostenibile: solo il 2% del traffico nella Ztl è dei bus turistici

CONDIVIDI

giovedì 8 giugno 2017

Un contributo scientifico alla discussione sulla riorganizzazione del piano bus a Roma. Questo il senso dell’indagine affidata dalle associazioni dei bus turistici e del turismo al Centro di ricerca per il Trasporto e la Logistica (CTL) della Università La Sapienza di Roma

Eloquenti i dati evidenziati dallo studio: meno del 2% l’incidenza dei bus turistici nella Ztl in termini di chilometri percorsi a fronte di un impatto del traffico privato di quasi l’89% e 0,6 mq/passeggero lo spazio di sosta occupato dei bus turistici contro i 5,2 mq/passeggeri delle autovetture. I dati dimostrano anche l’elevato grado di compatibilità ambientale dei bus di ultima generazione: 0,12g/km di emissioni di NOx contro i 0,35 g/km delle vetture. Del resto le stesse rilevazioni delle centraline ARPA evidenziano come non ci sia nessuna relazione tra qualità dell'aria e presenza dei bus turistici.

Da tali dati prendono spunto le associazioni delle imprese di trasporto Anav, Federlazio, Fita-Cna, Anc – Trasporto Bus, Federnoleggio e del turismo Federalberghi Roma, Fiavet Lazio, Confesercenti-Federagit Roma e Agtar per sottolineare come l’organizzazione della mobilità a Roma debba essere studiata in un’ottica complessiva, tenendo presente che misure restrittive dell’accesso dei bus turistici non contribuirebbero in alcun modo a risolvere i problemi del traffico e dell’inquinamento, mentre avrebbero, in compenso, pesanti ricadute sul turismo e l’economia della Capitale.

“Roma e le altre città d’arte italiane rappresentano – osservano i rappresentanti delle imprese della filiera turistica Federalberghi e Fiavet – un’anomalia in un contesto europeo in cui l’accesso dei bus turistici non è sottoposto al pagamento di alcun onere o tariffa. Il prelievo, poi, appare tanto più iniquo se si considera che il relativo gettito non è, neppure in parte, reinvestito nella creazione di infrastrutture o servizi a beneficio dei turisti. Inoltre, lo stesso comune di Roma applica anche la tassa di soggiorno più elevata d’Europa, in tal modo generando un doppio onerosissimo prelievo in capo ai turisti”.

Del resto i numeri parlano chiaro: l'ammontare degli introiti del Comune dai ticket bus è stato nel 2016 pari a 11 milioni di euro, somma che va ad aggiungersi al gettito della tassa di soggiorno pari lo scorso anno a 103,6 milioni di euro. I dati di Roma e provincia, con oltre 17 milioni di arrivi e 40 milioni di presenze su base annua, di cui circa il 30% riferibile a gruppi turistici che si muovono in pullman, dimostrano che il trasporto turistico con autobus può essere un potente volano di sviluppo dell’economia locale potendo assorbire anche la domanda di trasporto delle fasce più deboli di turisti grazie alle sue caratteristiche di elevata accessibilità, flessibilità, sicurezza e compatibilità ambientale.

“I gruppi di turisti, che sono spesso formati soprattutto da anziani, già svolgono a piedi gran parte delle visite della città – osserva Confesercenti-Federagit Roma - Pensare di farli spostare con i mezzi pubblici significa disincentivare il turismo a Roma e rendere ancora più problematico l’uso del mezzo pubblico da parte dei residenti. Da qui la disponibilità delle associazioni a lavorare con l'amministrazione per il miglioramento dell'attuale piano autobus turistici, un aumento delle aree di sosta e il rafforzamento del sistema dei controlli".

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Autobus, Anav sigla protocollo con Uni: al centro le misure di prevenzione per le aziende e per i servizi di trasporto

Anav, l’associazione del trasporto di passeggeri con autobus aderente a Confindustria e Federturismo, ha firmato un protocollo con Uni (ente italiano di normazione) che mette a punto un modello...

Trasporto pubblico locale: ecco gli interventi richiesti dalle associazioni Anav, Agens e Asstra

Un documento comune contenente gli interventi prioritari per il trasporto pubblico locale è stato presentato oggi da ANAV, AGENS e ASSTRA (le associazioni che rappresentano l’intero...

Roma: più autobus per intensificare il servizio di trasporto pubblico

A Roma più bus per potenziare il trasporto pubblico. Da lunedì 9 novembre in città partirà - un’ulteriore ripianificazione del Tpl locale che prevede...

Presentato a IBE studio ANAV-Traspol sulla crisi del trasporto commerciale con autobus: fatturato ridotto del 72%

Oggi a Rimini, nel contesto di IBE International Bus Expo, è stato presentato il convegno organizzato dall’ANAV “Il trasporto commerciale con autobus ai tempi del Covid-19”....

Nuovi bus Atac: da agosto in arrivo i primi dei 70 prodotti da Industria Italiana Autobus

Entreranno in servizio da agosto i primi 70 nuovi bus che fanno parte della fornitura da 328 mezzi acquistati da Roma Capitale nel 2019, per rinnovare e potenziare la flotta Atac. Anche questi mezz...

Covid-19: l'Anav lancia l'allarme per il ritardo nei pagamenti dell'Inps

L’ANAV (Associazione Nazionale Autotrasporto Viaggiatori) ha lanciato l'allarme per il ritardo dell’Inps nel pagamento dell’assegno ordinario ai lavoratori autoferrotranvieri.In un...

Massimo Locatelli nuovo presidente designato di Anav Lombardia

Massimo Locatelli è il nuovo presidente designato di Anav Lombardia, associazione regionale di rappresentanza delle aziende private fornitrici di servizi di trasporto passeggeri con...

Lazio Lab: sei tavoli di strategie e progetti per il Lazio del futuro

La Regione Lazio promuove la costituzione di un laboratorio di idee composto da docenti, esperti e tecnici di settore, per immaginare e progettare interventi che rendano l'economia locale competitiva...