IBE: Rapporto ISFORT sulla mobilità, gli italiani vogliono più mezzi pubblici

CONDIVIDI

mercoledì 26 ottobre 2016

I cittadini vogliono utilizzare di più i mezzi pubblici e la bicicletta. Lo rivela il 13° rapporto Isfort sulla mobilità presentato oggi a Rimini nel corso della prima giornata di IBE-International Bus Expo.

I dati, illustrati da Carlo Carminucci - direttore scientifico Isfort  - mostrano che oltre 3 intervistati su 4 dichiarano di voler incrementare l’utilizzo dei mezzi pubblici, mentre quasi il 30% vorrebbe aumentare l’uso della bici. Per l’auto i valori sono quasi inversi: il 32% ne vorrebbe una diminuzione. L’84% degli intervistati, inoltre, ritiene che sia opportuno orientare verso la mobilità collettiva investimenti e politiche di sostegno; una percentuale molto più alta rispetto alle diverse forme di mobilità condivisa, ancora poco conosciute e comunque percepite come soluzioni complementari all’asse portante del trasporto pubblico.

Al dibattito che ha seguito la presentazione dello studio, hanno partecipato Giuseppe Vinella (Presidente ANAV), Massimo Roncucci (Presidente ASSTRA) e Livio Ravera (Direttore TPL AGENS).
Se da un lato gli Italiani dimostrano di avere le idee molto chiare sulla mobilità e i trasporti, lo stato dell’arte dipinto al Rapporto 2015 mostra consumi effettivi di mobilità che non rispecchiano tali desideri. Il 2015 segna una battuta d’arresto della mobilità, soprattutto quella sostenibile (mobilità collettiva, bici, andare a piedi). Calano tutti gli spostamenti (-4,1% rispetto al 2014) e aumentano le distanze percorse (+9,2%); un effetto da imputare alla crescente migrazione della popolazione delle grandi aree urbane verso le periferie.
Quanto alla ripartizione modale, nel 2015 gli spostamenti non motorizzati (a piedi o in bicicletta) scendono al 18% del totale (19,1% nel 2014); tra gli spostamenti motorizzati i mezzi di trasporto pubblico nel loro insieme perdono quasi 3 punti di share modale, passando dal 14,6% nel 2014, all’11,7% nel 2015.

La principale richiesta che Rimini rivolge al Governo e alla politica in generale  è di implementare un nuovo e moderno Piano nazionale dei trasporti che faccia evolvere l'offerta di mobilità collettiva da diritto minimo a volano per la crescita economica e lo sviluppo sociale del Paese.

“Quello che pensano gli italiani in tema di mobilità è una lezione di maturità civile e  buon senso – ha affermato Massimo Roncucci, presidente di Asstra - . Proprio quello che servirebbe al nostro settore per avere  un quadro di riferimento, con regole chiare e risorse adeguate, che rispecchi la scelta politica di puntare sul trasporto pubblico come fattore strategico di crescita del Paese e non come fattore di costo. Le aziende del trasporto pubblico sono pronte a  fare la loro parte con regole certe e chiare improntate all'avvio di un processo concorrenziale mettendo al centro il cittadino/cliente ”.

 

Per Giuseppe Vinella, presidente di Anav, “la politica dei tagli lineari al TPL non ha funzionato. L'efficientamento del settore si consegue solo attraverso l'implementazione dei costi standard e il riconoscimento degli investimenti nella qualità dei servizi all'interno dei corrispettivi. Si apre ora la stagione della competizione nel TPL – ha concluso Vinella - e le aziende private saranno in grado di fornire il loro contributo, anche in termini di miglioramento della qualità del servizio. Ma tutto ciò non deve portare alla creazione di posizioni monopolistiche nel settore”.

I cittadini vogliono utilizzare di più i mezzi pubblici e la bicicletta. Lo rivela il 13° rapporto Isfort sulla mobilità presentato oggi  a Rimini nel corso della prima giornata di IBE- International Bus Expo.

I dati, illustrati da Carlo Carminucci - direttore scientifico Isfort  - mostrano che oltre 3 intervistati su 4 dichiarano di voler incrementare l’utilizzo dei mezzi pubblici, mentre quasi il 30% vorrebbe aumentare l’uso della bici. Per l’auto i valori sono quasi inversi: il 32% ne vorrebbe una diminuzione. L’84% degli intervistati, inoltre, ritiene che sia opportuno orientare verso la mobilità collettiva investimenti e politiche di sostegno; una percentuale molto più alta rispetto alle diverse forme di mobilità condivisa, ancora poco conosciute e comunque percepite come soluzioni complementari all’asse portante del trasporto pubblico.

Al dibattito che ha seguito la presentazione dello studio, hanno partecipato Giuseppe Vinella (Presidente ANAV), Massimo Roncucci  (Presidente ASSTRA) e  Livio Ravera (Direttore TPL AGENS).
Se da un lato gli Italiani dimostrano di avere le idee molto chiare sulla mobilità e i trasporti, lo stato dell’arte dipinto al Rapporto 2015 mostra consumi effettivi di mobilità che non rispecchiano tali desideri. Il 2015 segna una battuta d’arresto della mobilità, soprattutto quella sostenibile (mobilità collettiva, bici, andare a piedi). Calano tutti gli spostamenti (-4,1% rispetto al 2014) e aumentano le distanze percorse (+9,2%); un effetto da imputare alla crescente migrazione della popolazione delle grandi aree urbane verso le periferie.
Quanto alla ripartizione modale, nel 2015 gli spostamenti non motorizzati (a piedi o in bicicletta) scendono al 18% del totale (19,1% nel 2014); tra gli spostamenti motorizzati i mezzi di trasporto pubblico nel loro insieme perdono quasi 3 punti di share modale, passando dal 14,6% nel 2014, all’11,7% nel 2015.

La principale richiesta che Rimini rivolge al Governo e alla politica in generale  è di implementare un nuovo e moderno Piano nazionale dei trasporti che faccia evolvere l'offerta di mobilità collettiva da diritto minimo a volano per la crescita economica e lo sviluppo sociale del Paese.

“Quello che pensano gli italiani in tema di mobilità è una lezione di maturità civile e  buon senso – ha affermato Massimo Roncucci, presidente di Asstra - . Proprio quello che servirebbe al nostro settore per avere  un quadro di riferimento, con regole chiare e risorse adeguate, che rispecchi la scelta politica di puntare sul trasporto pubblico come fattore strategico di crescita del Paese e non come fattore di costo. Le aziende del trasporto pubblico sono pronte a  fare la loro parte con regole certe e chiare improntate all'avvio di un processo concorrenziale mettendo al centro il cittadino/cliente ”.

Per Giuseppe Vinella, presidente di Anav, “la politica dei tagli lineari al TPL non ha funzionato. L'efficientamento del settore si consegue solo attraverso l'implementazione dei costi standard e il riconoscimento degli investimenti nella qualità dei servizi all'interno dei corrispettivi. Si apre ora la stagione della competizione nel TPL – ha concluso Vinella - e le aziende private saranno in grado di fornire il loro contributo, anche in termini di miglioramento della qualità del servizio. Ma tutto ciò non deve portare alla creazione di posizioni monopolistiche nel settore”.I cittadini vogliono utilizzare di più i mezzi pubblici e la bicicletta. Lo rivela il 13° rapporto Isfort sulla mobilità presentato oggi  a Rimini nel corso della prima giornata di IBE- International Bus Expo.

 

I dati, illustrati da Carlo Carminucci - direttore scientifico Isfort  - mostrano che oltre 3 intervistati su 4 dichiarano di voler incrementare l’utilizzo dei mezzi pubblici, mentre quasi il 30% vorrebbe aumentare l’uso della bici. Per l’auto i valori sono quasi inversi: il 32% ne vorrebbe una diminuzione. L’84% degli intervistati, inoltre, ritiene che sia opportuno orientare verso la mobilità collettiva investimenti e politiche di sostegno; una percentuale molto più alta rispetto alle diverse forme di mobilità condivisa, ancora poco conosciute e comunque percepite come soluzioni complementari all’asse portante del trasporto pubblico.

Al dibattito che ha seguito la presentazione dello studio, hanno partecipato Giuseppe Vinella (Presidente ANAV), Massimo Roncucci  (Presidente ASSTRA) e  Livio Ravera (Direttore TPL AGENS).
Se da un lato gli Italiani dimostrano di avere le idee molto chiare sulla mobilità e i trasporti, lo stato dell’arte dipinto al Rapporto 2015 mostra consumi effettivi di mobilità che non rispecchiano tali desideri. Il 2015 segna una battuta d’arresto della mobilità, soprattutto quella sostenibile (mobilità collettiva, bici, andare a piedi). Calano tutti gli spostamenti (-4,1% rispetto al 2014) e aumentano le distanze percorse (+9,2%); un effetto da imputare alla crescente migrazione della popolazione delle grandi aree urbane verso le periferie.
Quanto alla ripartizione modale, nel 2015 gli spostamenti non motorizzati (a piedi o in bicicletta) scendono al 18% del totale (19,1% nel 2014); tra gli spostamenti motorizzati i mezzi di trasporto pubblico nel loro insieme perdono quasi 3 punti di share modale, passando dal 14,6% nel 2014, all’11,7% nel 2015.

La principale richiesta che Rimini rivolge al Governo e alla politica in generale  è di implementare un nuovo e moderno Piano nazionale dei trasporti che faccia evolvere l'offerta di mobilità collettiva da diritto minimo a volano per la crescita economica e lo sviluppo sociale del Paese.

“Quello che pensano gli italiani in tema di mobilità è una lezione di maturità civile e  buon senso – ha affermato Massimo Roncucci, presidente di Asstra - . Proprio quello che servirebbe al nostro settore per avere  un quadro di riferimento, con regole chiare e risorse adeguate, che rispecchi la scelta politica di puntare sul trasporto pubblico come fattore strategico di crescita del Paese e non come fattore di costo. Le aziende del trasporto pubblico sono pronte a  fare la loro parte con regole certe e chiare improntate all'avvio di un processo concorrenziale mettendo al centro il cittadino/cliente ”.

Per Giuseppe Vinella, presidente di Anav, “la politica dei tagli lineari al TPL non ha funzionato. L'efficientamento del settore si consegue solo attraverso l'implementazione dei costi standard e il riconoscimento degli investimenti nella qualità dei servizi all'interno dei corrispettivi. Si apre ora la stagione della competizione nel TPL – ha concluso Vinella - e le aziende private saranno in grado di fornire il loro contributo, anche in termini di miglioramento della qualità del servizio. Ma tutto ciò non deve portare alla creazione di posizioni monopolistiche nel settore”.

Tag: anav, asstra, isfort

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Convegno ASSTRA: TPL in ripresa dopo la pandemia, nel 2022 trasportati più di 15mln di passeggeri al giorno

La pandemia ha segnato in modo profondo il settore del trasporto pubblico locale che ancora fatica a tornare ancora ai livelli pre-covid. Anche se la domanda di TPL è ritornata a...

Convegno ASSTRA: Gibelli, per garantire lo sviluppo del TPL indispensabili regole certe e risorse

Investire nella definizione di regole certe, nell'utilizzo sostenibile di risorse e nella realizzazione di un futuro che ruoti attorno ai servizi essenziali. Questi i principi per lo sviluppo del...

Convegno ASSTRA: Biscotti (ANAV), le imprese del TPL devono aggredire la mobilità privata

Il trasporto pubblico è l’ossatura del Paese e per rilanciarlo sono necessarie scelte forti. Questa è la posizione del presidente ANAV Nicola Biscotti, intervenuto nel corso della...

Caro carburante: le associazioni del trasporto passeggeri chiedono provvedimenti urgenti 

"Il prezzo del gasolio fuori controllo rischia di avere un impatto dirompente sui servizi erogati dalla società di trasporto passeggeri con autobus, sia TPL che trasporto di noleggio e linea...

Trasporto con autobus: l'Anav presenta un rapporto sul settore e individua le misure per il rilancio

L’impatto devastante di due anni di pandemia, la crisi energetica e l’esplosione del prezzo dei carburanti, l’incerta programmazione e la ritardata implementazione di misure di...

Allarme ANAV: assicurare i ristori alle imprese di trasporto commerciale con autobus

Dopo l’emergenza Covid, i servizi di trasporto commerciale passeggeri si trovano a fare i conti con la crisi energetica. Arriva in questo momento di grave difficoltà l’appello di...

Trasporto pubblico, ASSTRA: 900mln di mancati ricavi, servono interventi mirati

Rifinanziare il fondo mancati ricavi da traffico per 900 milioni, al fine di coprire le perdite subite dagli operatori TPL anche nel 2021. Lo chiede Andrea Gibelli, presidente di ASSTR...

Caro carburanti: l'Anav chiede la proroga delle misure per il trasporto con autobus

Ieri è stata annunciata una ulteriore proroga del taglio dell’accisa ordinaria sul gasolio fino al 18 novembre.  "Ma per il trasporto con autobus sono necessarie misure di...