Revisioni veicoli, CNA: norme vecchie e incomplete, è necessario un moderno sistema di accertamento

venerdì 17 gennaio 2020 13:55:03

Cna esprime preoccupazione sul sistema delle revisioni dei veicoli. Necessario – spiegano in una nota - per migliorare la sicurezza stradale e assicurare il rispetto dell'ambiente, un efficace e moderno sistema di accertamento degli autoveicoli in circolazione.

Il quadro normativo che regola il settore – denunciano - attraversa una evidente fase di disorientamento tra norme obsolete e incomplete che penalizzano le imprese e rischiano di compromettere la sicurezza stradale Le criticita' non si limitano alla legislazione. Si registrano, infatti, carenze organizzative degli uffici territoriali della motorizzazione mentre la precarieta' del ruolo istituzionale delle province si riflette negativamente sul rilascio delle autorizzazioni e sul controllo delle attivita' dei centri di controllo".

Il ruolo dei privati

La revisione periodica dei veicoli è un sistema complesso che necessita di capillarità', prossimità' e velocità' nello svolgimento del servizio, per questo il ruolo delle officine private è fondamentale.

I centri di revisione privati  - sottolinea la CNA - svolgono un ruolo strategico, circa 9mila operatori (di cui il 93% rappresentato da micro imprese) con 25mila occupati garantiscono ogni anno 16 milioni di revisioni per un fatturato superiore a un miliardo di euro.

Cna "ha predisposto un 'position paper' e il relativo appello 'Il ruolo strategico dei centri di revisione per il rafforzamento della sicurezza stradale', promuovendo iniziative a livello territoriale per la raccolta delle sottoscrizioni.

L'appello elenca una serie misure per disegnare un efficiente sistema per le revisioni periodiche dei veicoli. In particolare è urgente il decreto per estendere le attribuzioni dei centri di controllo privati alla revisione dei mezzi pesanti, compresi i rimorchi, azzerando le lungaggini burocratiche; estendere l'autorizzazione a tutte quelle operazioni di collaudo che già' oggi i centri di controllo privati sarebbero in grado di assicurare; rafforzare il ruolo di supervisione generale degli uffici della motorizzazione; dare piena attuazione alla nuova disciplina sugli ispettori dei centri di controllo privati; aggiornare le tariffe per le revisioni".


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Auto

Altri articoli della stessa categoria

Auto: presentate in anteprima mondiale Cupra e-Racer 100% elettrica e Cupra Leon Competición

giovedì 20 febbraio 2020 13:46:46
Cupra, il brand indipendente di Seat, scende in pista con due anteprime mondiali: Cupra e-Racer (prima turismo da gara 100% elettrica), e Cupra Leon...

Mercato europeo auto, partenza negativa -7,4% a gennaio

martedì 18 febbraio 2020 11:43:59
Mercato europeo dell'auto, allargato all’EFTA e al Regno Unito, parte sottotono secondo i dati diffusi da ACEA. A gennaio sono state immatricolate...

Automotive, Anfia: la produzione continua a essere in ribasso, -9,6% nel 2019

martedì 11 febbraio 2020 14:10:12
La produzione automotive in Italia continua a essere in perdita, chiuso il 2019 con il 9,6% in meno. A dicembre si registra il diciottesimo segno negativo...

Automotive, riunito al Mise un tavolo per sostenere il processo di transizione energetica e produttiva

mercoledì 5 febbraio 2020 13:53:18
Riunito al Ministero dello Sviluppo Economico il gruppo di lavoro dedicato alle misure per il sostegno alla domanda di mezzi di trasporto, istituito...

Automotive: Rhiag Group Italia, Serafino Bartolozzi è il nuovo CEO

martedì 4 febbraio 2020 13:53:13
Serafino Bartolozzi è il nuovo CEO per l’Italia di Rhiag Group, distributore di parti di ricambio per auto e veicoli industriali...