Mercato auto italiano, Anfia: a giugno -23,1% di immatricolazioni

CONDIVIDI

giovedì 2 luglio 2020

Continua il calo delle immatricolazioni di autovetture. A giugno il mercato italiano dell’auto totalizza 132.457 immatricolazioni, ovvero il 23,1% in meno rispetto allo stesso mese del 2019, secondo i dati pubblicati oggi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Il consuntivo del 1° semestre 2020 conta, quindi, 583.960 immatricolazioni, volumi quasi dimezzati rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-46,1%).

“Permane un grave calo a doppia cifra anche a giugno, per il mercato auto italiano – commenta Paolo Scudieri, Presidente di ANFIA -. La perdita si è dimezzata rispetto al quella del precedente mese di maggio e siamo di fronte a segnali di ripartenza veramente timidi, riconducibili perlopiù allo smaltimento di ordini accumulati e rimasti inevasi prima della chiusura dei concessionari dello scorso marzo, unito agli effetti di calendario (un giorno lavorativo in più a giugno 2020 rispetto a giugno 2019).

“Lo stock di veicoli accumulato da produttori e concessionari durante i mesi scorsi, insieme all’attuale debolezza della domanda, stanno ostacolando il riavvio della produzione industriale della filiera automotive. Incentivare il mercato significa farla ripartire, ma anche innescare un circolo virtuoso per il rilancio dei livelli produttivi dell’industria italiana nel suo insieme e del sistema Paese. […] Senza stimoli al mercato, rischiamo di contare, a fine 2020, appena 1,2 milioni di nuove auto immatricolate, con un ribasso del 35% rispetto al 2019. Per evitarlo, si proceda all'attuazione urgente di misure di breve termine: estensione dell’ecobonus alle auto con emissioni medie di CO2 fino a 95 g/km; istituzione di un premio temporaneo per auto e veicoli commerciali in stock (oltre 450.000 unità), con contestuale rottamazione. Infine, si dia il via alla definizione di un piano di politica industriale di medio-lungo termine per salvaguardare la competitività del settore automotive italiano, accompagnandolo nella delicata transizione tecnologica in corso con il sostegno agli investimenti produttivi, in R&D e capitale umano”.

Il mercato in dettaglio

Guardando al mercato per alimentazione, a giugno il forte calo riguarda soprattutto le alimentazioni tradizionali, mentre presentano risultati positivi le vetture elettrificate.

Nel mese, le auto diesel si riducono del 35% e rappresentano il 35% del mercato, mentre, nei primi 6 mesi del 2020, le immatricolazioni sono il 56% in meno rispetto a quelle dello stesso periodo del 2019 e la loro quota è del 35%, 8 punti in meno. Le auto a benzina calano del 29% nel mese e del 46% nel cumulato, e rappresentano il 40% del mercato di giugno ed il 43% del cumulato. Crescono, invece, le alimentazioni alternative, che raggiungono, nel mese, una quota del 25% ed aumentano i volumi del 23,5%, mentre calano del 15% nel primo semestre. Da inizio anno, le immatricolazioni di auto ad alimentazione alternativa rappresentano il 22% del totale, 8 punti percentuali in più rispetto alla prima metà del 2019. Le auto GPL diminuiscono del 19% nel mese (raggiungendo una quota del 7%) e del 48% nel cumulato (con una quota del 6%). In calo anche autovetture a metano, in diminuzione dell’11% a giugno, con una quota sul totale mercato del 2,4%, e del 19% nei primi sei mesi del 2020, con una quota del 2,3%.

In controtendenza rispetto al resto del mercato, cresce il segmento delle autovetture ibride ed elettriche, +80,5% a giugno e +24% da inizio 2020. Tra queste, le autovetture ibride mild e full crescono del 76% nel mese, con una quota di mercato dell’11%, e del 4% nei primi sei mesi del 2020, con una quota dell’11%, più del doppio rispetto allo stesso periodo del 2019. Le autovetture ricaricabili vendute a giugno 2020 sono il 104% in più rispetto a giugno 2019, grazie alle forti variazioni positive sia delle autovetture elettriche (+52% e con l’1,7% di quota), che ibride plug-in (+302% e 1,2% di quota) che, insieme, rappresentano il 3% del totale immatricolato. Nei primi sei mesi del 2020, le elettriche e le ibride ricaricabili aumentano del 107% rispetto al primo semestre 2019.

In riferimento al mercato per segmenti, anche a giugno si assiste a un calo generalizzato, con la sola eccezione dei SUV di medio-grandi dimensioni. Le immatricolazioni di vetture del segmento delle superutilitarie diminuiscono nel mese del 35% (i modelli più venduti sono Fiat Panda e Fiat 500), mentre quelle del segmento delle utilitarie registrano una flessione del 17%. Le autovetture medie vedono calare il proprio mercato del 26%, con le medie-inferiori che diminuiscono del 24% e le medie superiori del 33%. In calo i SUV di tutte le dimensioni, che cedono il 16% del mercato (il 16% delle immatricolazioni di SUV è rappresentato da vetture del Gruppo FCA) e rappresentano il 44% del mercato del mese. Nel dettaglio, i SUV piccoli mostrano una variazione negativa del 21% e quelli compatti del 17%, mentre quelli medi sono in crescita del 3% e quelli grandi del 16% (miglior performance per il secondo mese consecutivo). La variazione è negativa anche per le immatricolazioni di monovolumi, che a giugno si riducono del 39%. Infine, si segnala il forte calo delle auto superiori (-59%), delle auto di lusso (-31%) e delle sportive (-51%). Anche nei primi sei mesi del 2020, risultano in calo le immatricolazioni di tutti i segmenti.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Peugeot: a febbraio mercato in Italia in crescita del 7,5%

La Casa del Leone sale al terzo posto del ranking italiano nel mese di febbraio (autovetture e veicoli commerciali). Peugeot conferma il suo trend di crescita degli ultimi mesi e mette a segno la...

Mercato auto: il 2021 parte in salita, a gennaio calo del 14%

A gennaio il mercato italiano dell’auto totalizza 134.001 immatricolazioni, con un calo del 14% rispetto allo stesso mese del 2020. Lo ha comunicato l'Anfia. I dati del ministero delle...

Nel 2020 salgono i prezzi delle auto nuove: +2,4%, scende l'usato -1%

Aumento medio del 2,4% per i prezzi delle autovetture nuove in Italia nel 2020 (rispetto al 2019). Si tratta di un aumento significativo considerato che, sempre nello stesso periodo, il tasso di...

Auto, Peugeot: buone le quote di mercato nel 2020 anche grazie ai suv

Nonostante la crisi che ha coinvolto il mondo dell’auto, nel 2020 Peugeot ha mantenuto una buona quota di mercato. Soprattutto i suoi modelli più venduti, 3800 e 5800, hanno spinto la...

Auto: l'emergenza Covid-19 sta accelerando il processo di vendita online

Se è vero che, in generale, l’e-commerce è esponenzialmente cresciuto negli ultimi anni, è pur vero che per le spese importanti ci sia ancora un po’ di resistenza ad...

Mercato auto: nel 2020 vendite in calo del 27,93%

Che il 2020 sarebbe stato un anno complicato per il settore auto era chiaro fin dalla primavera. Il comparto, come molti altri settori, aveva subito una flessione netta, soccombendo sotto il peso...

Auto, dal mercato segnali negativi a dicembre 2020: le immatricolazioni calano del 14,95%

Nel mese di dicembre 2020 la Motorizzazione ha immatricolato 119.454 autovetture, con una variazione di -14,95% rispetto a dicembre 2019, durante il quale ne furono immatricolate 140.448.Nel mese di...

Auto: da gennaio a novembre crollo per tutti i maggiori mercati europei

La crescita registrata nei mesi estivi sulla scia degli incentivi governativi è solo un ricordo: il mercato dell’auto torna a crollare. E non solo in Italia. Come comunicato da Anfia...