Mercato auto, Istat: calo della produzione del 17,1% ad aprile 2019

martedì 11 giugno 2019 17:55:13

La produzione italiana di autoveicoli ad aprile 2019 è diminuita del 17,1% rispetto all’anno precedente (nei dati corretti per gli effetti di calendario). Nei primi quattro mesi dell’anno, rileva l'Istat, emerge una contrazione cumulata del 14,7%.
Un dato che si inquadra in un generale calo del settore industriale italiano ad aprile dello 0,7%.

Rispetto ad aprile 2018, risultano in flessione 13 settori su 15 ai quali corrisponde un peso pari a quasi l′80% dell’industria

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Auto

Altri articoli della stessa categoria

Volkswagen-Ford: nuovi progetti per elettrificazione e veicoli commerciali leggeri

venerdì 29 maggio 2020 13:57:54
L’alleanza globale tra il Gruppo Volkswagen e la Ford Motor Company fa importanti passi in avanti. Il Consiglio di Sorveglianza della Volkswagen ha...

Noleggio auto, Aniasa: dal Mise segnali positivi, necessario attuare subito misure a sostegno del comparto

mercoledì 27 maggio 2020 13:09:05
“Arriva finalmente dal Governo un segnale incoraggiante per la filiera dell’auto. Ora ci aspettiamo che alle parole del Ministro Stefano Patuanelli...

Mercato auto alimentazione alternativa, Anfia: +48% nel 1° trimestre 2020

mercoledì 27 maggio 2020 15:38:29
Il mercato delle autovetture ad alimentazione alternativa dell’area UE a 24 Paesi (esclusi Bulgaria, Croazia, Malta) allargata all’EFTA e al Regno...

Unione Industriale di Torino e Anfia: lettera al presidente del Consiglio per sostegno e salvaguardia del settore Automotive

lunedì 25 maggio 2020 16:31:06
Preoccupati per le sorti dell’automotive, un settore chiave dell’industria manifatturiera italiana, finora non incluso nei provvedimenti...

Automotive, Anfia-Federauto-Unrae: rischio deindustrializzazione del paese

giovedì 21 maggio 2020 13:24:40
A rischio di l’industrializzazione del Paese, in assenza di interventi mirati di sostegno al mercato. È l’allarme che lanciano in comunicato...