Automotive, Anfia: la produzione continua a essere in ribasso, -9,6% nel 2019

CONDIVIDI

martedì 11 febbraio 2020

La produzione automotive in Italia continua a essere in perdita, chiuso il 2019 con il 9,6% in meno. A dicembre si registra il diciottesimo segno negativo consecutivo (-11,5%), che perdura dal mese di luglio 2018.  

Secondo i dati preliminari di ANFIA, a dicembre 2019 la produzione domestica di autovetture in Italia registra una flessione del 25%, continuando il trend negativo che ha caratterizzato tutti i mesi del 2019, e chiudendo l’anno appena trascorso a -19%. Il forte calo di autovetture è dovuto soprattutto al calo dell’export, che nel 2019 è stato del 24%; l’export di autovetture del 2019 ammonta al 54% della produzione. La produzione totale di autoveicoli è stata inferiore a quella del 2018 del 14% e il 66% è stato destinato all’export.

Guardando ai singoli comparti produttivi del settore, la fabbricazione di autoveicoli vede il proprio indice in calo dell’8,6% a dicembre 2019 rispetto a dicembre 2018, e in flessione del 13,9% nell’intero 2019 rispetto al 2018; quello della fabbricazione di carrozzerie per autoveicoli, rimorchi e semirimorchi cresce del 2,8% nel mese e del 6,7% nel cumulato, e quello della fabbricazione di parti e accessori per autoveicoli e loro motori2 diminuisce del 17,2% nel mese e dell’8,1% nel 2019.

Gli ordinativi risultano in calo del 4,1% a novembre, con una componente interna in diminuzione del 4,2% (-4% sui mercati esteri). Nel cumulato dei primi undici mesi del 2019, gli ordinativi calano del 10,6%, soprattutto a causa di una componente interna in ribasso del 14,1% (-5,9% quelli dei mercati esteri).

La contrazione degli ordini è uno dei fattori che impattano sull’andamento della produzione di componenti, in calo del 17,2% a dicembre e dell’8,1% nel 2019 e, ovviamente, sulle esportazioni. Nello specifico, per le parti e accessori per autoveicoli e loro motori, gli ordinativi diminuiscono del 5,3% a novembre (-9,1% per il mercato interno, -1,4% per il mercato estero) e -8,2% nel cumulato (-14,1% mercato interno e -2,5% mercato estero).

Per quanto concerne importazioni ed esportazioni, a novembre 2019 il valore delle esportazioni è di invariato rispetto allo stesso mese del 2018, il 4,5% del totale esportato. L’import di autoveicoli risulta in flessione del 2,6%, rappresentando l’8,4% del totale importato in Italia.

Il fatturato del settore automotive nel suo complesso presenta una variazione negativa del 4,1% a novembre (-6,6% il fatturato interno e -0,7% quello estero). Nei primi undici mesi del 2019, il fatturato è in flessione dell’8,2% (-12% il fatturato interno e -3,1% quello estero). Anche il fatturato delle parti e accessori per autoveicoli e loro motoripresenta un calo del 3,6% nel mese, a causa della flessione della componente interna (-5,7%) e della componente estera (-1,7%). Nel periodo gennaio-novembre 2019 l’indice del fatturato registra un decremento del 6,1%, con una componente interna in diminuzione del 12,9% (+0,6% il fatturato estero).

Alla luce dei dati, tenendo conto anche che produzione industriale italiana complessiva in calo da dieci mesi consecutivi “è necessaria una politica industriale per il settore finalizzata a far ripartire la produzione in Italia e a gestire la transizione produttiva in direzione dell’elettrificazione, creando le condizioni per lo sviluppo di un ecosistema industriale adeguato e per una ricaduta positiva sul mercato - dichiara Gianmarco Giorda, Direttore di ANFIA -. Ci auguriamo che dal Tavolo automotive lanciato qualche mese fa dal Mise, e declinato anche sulle politiche industriali, nascano provvedimenti di breve e medio periodo a sostegno della nostra filiera produttiva”.

Tag: anfia, automotive

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Prezzi auto in salita: +2,8% per le nuove, -0,3% per le usate

Crescono in Italia i prezzi delle auto. Nei primi sei mesi del 2021, infatti, i prezzi delle auto nuove sono aumentati in media del 2,8% rispetto ai primi sei mesi del 2020. Si tratta di un...

Auto: sempre più italiani sono interessati all'usato

Più di un italiano su 10 ha intenzione di cambiare la sua auto entro la fine dell’anno e, tra questi, ben 4 su 10 si orienteranno su un’auto usata. Le motivazioni? In primis il...

Automotive: nel 2020 picco negativo degli ultimi 16 anni

Il 2020 ha segnato il picco negativo per il mercato dell’auto negli ultimi 16 anni: sono stati 1,38 milioni i veicoli immatricolati in quello che si configura come il terzo anno più...

Auto e social network: le nuove occasioni arrivano da TikTok

È di certo un fenomeno dei nostri tempi, una piattaforma da cento milioni di utenti mensili solo in europa. Si tratta di TikTok, il social network cinese che, proprio in virtù del suo...

Trasporto merci: la ricetta di Unrae, Federauto e Anfia per il rilancio del settore

Quello del trasporto merci e in modo particolare del trasporto merci su strada è un settore strategico per l’economia del Paese e l’esperienza della pandemia, con...

Mercato auto: a giugno calo del 13,3% rispetto al 2019

Dati recenti pubblicati dal ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, a giugno 2021 mostrano che il mercato italiano dell’auto totalizza 149.438 immatricolazioni...

AutoExpo Turkiye 2021: 50 aziende turche alla mostra virtuale del mercato automobilistico

Si è conclusa il 25 giugno AutoExpo Turkiye 2021, una mostra virtuale in 3D progettata per l'aftermarket automobilistico (ne avevamo parlato qui). L’evento, interamente on line, ha reso...

Auto: aumentano i furti. Ecco 7 consigli per evitare brutte sorprese

Dopo il calo dello scorso anno, nei primi 5 mesi del 2021 i furti d’auto sono tornati a crescere: l’ha messo in evidenza il Dossier sui Furti d’Auto”, elaborato da LoJack...