Decarbonizzazione: dal Giappone un'alleanza per salvare il motore termico

CONDIVIDI

martedì 23 novembre 2021

E se la decarbonizzazione passasse attraverso la salvaguardia del motore tradizionale, ossia quello a combustione interna?
Mentre prolificano prodotti a batteria o a celle a combustibile, c’è chi pensa che – al netto di un cambio di carburante – i motori “di una volta” possano essere un valido strumento verso la neutralità del carbonio. 


L'alleanza nipponica per il motore termico

Si tratta di importanti marchi - Kawasaki Heavy Industries, Subaru Corporation, Toyota Motor Corporation, Mazda Motor Corporation e Yamaha Motor Co. – che hanno costituito la cosiddetta alleanza nipponica per il motore termico.
A darne annuncio il numero uno di Toyota, Akio Toyoda, che ha anche specificato come i cinque colossi giapponesi si divideranno i compiti: Mazda e Toyota collaboreranno nelle corse implementando un motore turbodiesel Skyactiv-D da 1,5 litri alimentato da biogasolio di prossima generazione; Subaru e Toyota lavoreranno invece nella stagione endurance della serie Super Taikyu utilizzando carburante sintetico derivato da biomasse; Yamaha, sempre con Toyota, entrerà nelle gare auto con un veicolo a idrogeno; mentre Kawasaki e Yamaha avvieranno una ricerca congiunta sullo sviluppo di motori a idrogeno per motociclette.



Decarbonizzazione: non solo batterie

L’annuncio del progetto è arrivato durante una conferenza congiunta al Circuito Internazionale di Okayama in occasione della Super Taikyu Race: le cinque case cercheranno di aggiungere la neutralità del carbonio con nuove opzioni di alimentazione più ecologiche per la combustione interna anche se i rivali continueranno a gravitare verso i veicoli elettrici a batteria.

Tag: ecosostenibilità, auto elettriche

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Istanbul: aperto il primo centro TOGG Experience

TOGG, il primo marchio turco di automobili completamente elettriche, ha inaugurato il Togg experience center ad Istanbul, dove i cittadini avranno la possibilità di conoscere il  modello...

Ue, con la classificazione Euro 7 nuova stretta sulle emissioni di auto e camion

L'Ue ha presentato una proposta che definisce nuovi standard per le emissioni inquinanti dei veicoli a motore con l'introduzione della classificazione Euro 7. Il provvedimento...

Stop a benzina e diesel entro il 2035: l'Ue raggiunge un primo accordo provvisorio

Accordo provvisorio tra Parlamento europeo e Consiglio Ue sugli obiettivi dell'Ue di riduzione delle emissioni di CO2 per le autovetture nuove e i veicoli commerciali leggeri con il target del 2035...

Mercato auto europeo: secondo mese in rialzo, +7,9% a settembre

In Europa, a settembre, le immatricolazioni di auto ammontano a 1.049.926 unità, il 7,9% in più rispetto a settembre 2021. Nel periodo gennaio-settembre 2022, i volumi immatricolati...

Regioni bacino padano: divieto di circolazione anche per euro 4 diesel, ecco una sintesi della situazione

Le quattro Regioni della Pianura Padana - Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna - vietano la circolazione dei veicoli più inquinanti, in via prioritaria nei Comuni con popolazione...

L'auto si conferma il mezzo preferito dagli italiani, uso aumentato del 10% in 5 anni

L'auto privata resta il mezzo di trasporto preferito dagli italiani. Lo conferma la 2a edizione dell’Osservatorio sugli stili di mobilità degli italiani, promosso da Legambiente in...

Decarbonizzazione: dalla Legge di Bilancio 2mld di euro per trasporti più sostenibili

Rinnovo degli autobus in senso ecologico, acquisto di treni a idrogeno, realizzazione di piste ciclabili, sviluppo dell’intermodalità nel trasporto delle merci, adozione di carburanti...

Fit for 55: i parlamentari Ue vogliono colonnine di ricarica elettrica ogni 60 km

Nel percorso dell’Unione Europea verso l’obiettivo della neutralità climatica al 2050, sarà necessario prevedere per le auto la possibilità di ricaricarsi ogni 60 km...