ACI, mercato dell'auto: nel 2020 crollano immatricolazioni, spesa e gettito fiscale

mercoledì 26 maggio 2021

Il livello più basso da vent’anni a questa parte.

È quello toccato, secondo i risultati messi in luce dall’ultimo Annuario Statistico ACI, dal mercato dell’auto nel 2020.

2020: crollo di immatricolazioni, spesa e gettito fiscale

La causa è stata senz’altro l’emergenza Covid-19 che soprattutto nei mesi di marzo e aprile dell’anno scorso ha visto in pratica l’azzeramento delle vendite, con un netto -80% sulle immatricolazioni. I mesi successivi, meno drammatici, non sono stati comunque floridi: la perdita di nuove iscrizioni di veicoli ha superato le 560mila unità, 500mila delle quali autovetture.

La pandemia ha sulle spese degli italiani, e il comparto auto non ha fatto eccezione. Nel 2020, per usare l’auto abbiamo speso poco più di 124 miliardi di euro: 30,7 miliardi di euro in meno rispetto al 2019 (-20,2%). Nel dettaglio, la spesa maggiore è stata quella per acquisto e ammortamento del capitale (37,9 miliardi), seguita dalla spesa per il carburante (29,4 miliardi) e per la manutenzione e riparazione (21,7 miliardi). Rispetto al 2019, tutte le voci che compongono la spesa finale sono risultate in netta diminuzione: acquisto e ammortamento (-23,3%), carburante (-25,6%), manutenzione/riparazione (-17,3%).

Rispetto al 2019, è crollato anche il gettito fiscale generato dal comparto, che si è attestato poco al di sotto dei 52,8 miliardi di euro: -19,1% rispetto al 2019, quando aveva raggiunto quota 65,2 miliardi. L’entrata maggiore è stata quella derivata dalla vendita dei carburanti (28,5 miliardi), seguita da IVA per l’acquisto dei veicoli (6,8 miliardi) e tassa automobilistica (5,5 miliardi).

Il parco mezzi e il boom delle elettrificate

Negli ultimi mesi del 2020, gli ecoincentivi hanno prodotto una crescita esplosiva di acquisti di autovetture elettriche (+193,4%) e ibride (+123,9%) alla quale, però, non è corrisposta la rottamazione delle auto più vecchie.

Il parco circolante italiano resta, infatti, il più vecchio d’Europa, con un’età media delle auto è pari a 11 anni e 10 mesi (5 mesi in più rispetto al 2019): 1 auto su 5 (il 20% circa del totale) è una Euro 0-1-2, con almeno 18 anni di anzianità.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata