Puglia: i porti di Bari e Durazzo al lavoro per potenziare gli scambi

giovedì 22 giugno 2017 15:39:36

"L'avvio di un tavolo intergovernativo per una fattiva collaborazione volta allo snellimento delle procedure e al potenziamento logistico, al fine di agevolare i flussi di merci e passeggeri tra il Porto di Durazzo e quello di Bari, pur nel mantenimento di tutti gli obblighi di sicurezza per entrambe le parti". Lo rende noto la Regione Puglia precisando che questo è il punto su cui hanno concordato, informa una nota della Regione Puglia, i partecipanti all'incontro su 'Metodologie e strumenti per ottimizzare i controlli di persone, mezzi e merci nel Porto di Bari', svoltosi nella sala della giunta regionale. L'incontro ha riunito i vertici delle istituzioni e delle Autorità pugliesi referenti per la materia, per affrontare problematiche relative allo snellimento delle procedure logistiche, doganali e di sicurezza nel porto di Bari, soprattutto in relazione alle previsioni di aumento del volume di traffico, tra l'altro già intenso durante tutto l'anno, nei prossimi mesi estivi".

All'incontro - informa il comunicato - sono intervenuti il Presidente dell'Autorità di sistema portuale del mare Adriatico meridionale Ugo Patroni Griffi, l'Autorità portuale del Levante, l'Agenzia delle dogane, la Capitaneria di porto di Bari, la Guardia di finanza di Bari, la Polizia di Stato e di Frontiera, la Direzione centrale dell'Immigrazione e l'Usmaf-Sasn di Bari per la parte pugliese, l'Ufficiale di collegamento della Polizia albanese ed il Consolato d'Albania a Bari per la parte albanese. Dalle riflessioni "congiunte è emersa anche la volontà di un maggiore coordinamento tra gli operatori del porto di Bari, inteso come 'porta d'Europa', e quello di Durazzo, 'porta dei Balcani'; cercando un'intesa con gli armatori per ottimizzare arrivi e partenze dei traghetti senza inutili sovrapposizioni d'orario".

Infine, è emersa anche la proposta "per l'istituzione di una associazione delle Autorità portuali del basso Adriatico e dello Ionio, sotto l'egida della Regione Puglia, che comprenda anche altre autorità italiane, oltre che greche, albanesi e montenegrine, per fare sistema e lavorare congiuntamente nell'ottica di una riproposizione del Corridoio VIII e della valorizzazione degli interventi programmatici previsti nell'ambito della Strategia per la macroregione Adriatico-Ionica (Eusair), ottimizzando azioni e risorse finanziarie, anche di natura comunitaria". 

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Assarmatori contraria all'emendamento Confitarma nel Dl Rilancio

lunedì 1 giugno 2020 15:24:19
Assarmatori si dichiara contraria all'emendamento ispirato da Confitarma al Dl rilancio, che permette alle navi da crociera iscritte al Registro internazionale...

Rilancio porto di Civitavecchia: banchina 24 multipurpose e Piano di Sviluppo alla Regione

giovedì 28 maggio 2020 10:15:01
In campo azioni per il rilancio del comparto commerciale del porto di Civitavecchia per far fronte alla devastante crisi derivante dall’emergenza...

Dalla Regione Emilia Romagna 3 milioni per incentivare lo sviluppo dei servizi merci ferroviari e fluvio-marittimi

mercoledì 20 maggio 2020 13:38:25
Nell’ottica di ridurre inquinamento e congestione del traffico, via libera della Giunta regionale dell’Emilia-Romagna alla graduatoria di un bando...

Una copertura radar europea a tutela delle aree marine protette

mercoledì 20 maggio 2020 14:32:45
Il progetto europeo Impact aggiunge alle proprie attività il potenziamento della rete transfrontaliera di misura e monitoraggio delle correnti...

La Spezia Container Terminal: Alfredo Scalisi è il nuovo AD

venerdì 15 maggio 2020 20:07:51
Alfredo Scalisi è stato nominato amministratore delegato di La Spezia Container Terminal S.p.A. Alfredo Scalisi ricopriva, dal 1 luglio 2019 la...