Genova: 2 e 3 novembre confermato lo sciopero Tir

CONDIVIDI

martedì 24 ottobre 2017

Lo sciopero dell'autotrasporto a Genova è ufficiale: giovedi 2 e venerdi 3 novembre i mezzi si fermeranno nel porto del capoluogo ligure. Lo hanno confermato le associazioni Cna-Fita, Confartigianato Trasporti, Fai-Conftrasporto e Trasportounito che hanno deciso il fermo dei servizi dei trasporti su gomma nello scalo per protesta contro i tempi di attesa e le code “insostenibili”. "Così non è possibile lavorare – hanno denunciato i rappresentanti di categoria - l'esasperazione è troppo forte e la sensazione di non avere alcuna forma di attenzione da parte della comunità portuale è inaccettabile".

C’è un lungo elenco di problematicità messe in evidenza: insostenibili tempi di attesa al carico, lunghe code nei pre-gate terminalistici, blocchi d'area estemporanei, fermi camion tassativi per cambi turno. Secondo le associazioni, "vi sono limiti operativi che, in molte aree del porto di Genova, e nei terminal di cornice, stanno causando danni e rallentamenti alle imprese di autotrasporto che non riescono a programmare viaggi e consegne, con gravissime perdite di produttività e la diffusione irresponsabile di irregolarità sui tempi di guida e di riposo e della sicurezza stradale".

La decisione di fermare per due giorni l'attività nel porto di Genova, arriva quindi dopo una serie di mancate risposte agli operatori e alle associazioni di categoria. Le difficili condizioni di lavoro degli autotrasportatori presso il porto di Genova si trascinano ormai da decenni. E relativamente allo sciopero confermato del 2 e del 3 novembre prossimo, si prevedono già forti disagi che si ripercuoteranno sul traffico.

All’annuncio dello sciopero, le associazioni di categoria associano un appello all'Autorità Portuale "affinché intervenga per risolvere le problematiche che affliggono la categoria. I problemi – hanno concluso - non si risolvono da soli e l’impegno ad eliminare le attese, i blocchi ed il congestionamento di camion deve essere condiviso responsabilmente da tutti gli operatori della port community, perché l’attività degli autotrasportatori è fondamentale per lo sviluppo dei traffici e dell’economia del nostro Porto e non è più ammissibile che le nostre aziende siano costrette ad operare in questo modo, nel più importante scalo italiano, cresciuto e affermatosi in virtù della sua efficienza operativa".

Tag: sciopero autotrasporto, cna fita

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

E in Corea i camionisti chiedono le tariffe a forcella

L'aumento vertiginoso dei costi del carburante ha spinto i camionisti coreani a proclamare un nuovo sciopero. Gli autotrasportatori sindacalizzati della Corea del Sud hanno avviato il secondo fermo...

Taranto: protesta dell'autotrasporto fino al 7 settembre

Autotrasportatori in protesta alla raffineria di Taranto. La manifestazione, organizzata dall’Unione sindacale di Base (USB), nasce a causa della mancanza di commesse alle aziende del posto....

Trasportounito: rinviato il fermo nazionale a causa della crisi di Governo

Rinviato il fermo dell'autotrasporto che era stato annunciato da Trasportounito per i giorni dal 18 al 22 luglio. Lo ha comunicato la stessa associazione con un comunicato. "A conferma del grande...

Caro carburanti, viabilità, continuità territoriale: il 27 giugno protesta degli autotrasportatori in Sardegna

Non sarà una marcia su Cagliari, come si era paventato nei giorni scorsi, ma verranno allestiti tanti presidi nei porti sardi e nelle principali aree di servizio dell'isola. Lunedì 27...

Droni per la consegna di merci e medicine: accordo Enac-Regione Emilia-Romagna

I droni rivoluzioneranno la logistica? La ricerca e lo sviluppo dei servizi aeromobili a guida autonoma, la cosiddetta Mobilità aerea avanzata (Advanced air mobility), sarà oggetto di...

Autotrasportatori in sciopero in Corea del sud, Hyundai Motor taglia la produzione

Lo sciopero dei camionisti sudcoreani, proclamato all'inizio del mese di giugno, sta provocando significative conseguenze. La casa automobilistica sudcoreana Hyundai Motor ha dovuto tagliare...

Autotrasporto: riparte la protesta in Sardegna, sabato previsto incontro. Possibili nuovi blocchi

E' passato poco meno di un mese dalla tregua con il mondo autotrasporto, dopo l'annuncio delle misure da parte del governo per fronteggiare la crisi energetica che sta impattando sul settore. Ma il...

Caro gasolio: Unatras chiede liquidità per gli autotrasportatori. Revocato fermo del 4 aprile

"E' assolutamente prioritario che le ingenti risorse stanziate col Fondo da 500 milioni di euro dedicate al caro gasolio arrivino velocemente alle imprese che stanno subendo pesantissimi effetti...