Porto di Taranto: entro il 2019 collegamento diretto con la rete ferroviaria

CONDIVIDI

lunedì 13 marzo 2017

La centralità del Porto di Taranto è stata ribadita nel corso di un convegno organizzato nella città jonica dal Centro Studi SRM e dall’Autorità Portuale, cui hanno preso parte Claudio De Vincenti, ministro per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno, Francesco Mastro, delegato della Regione Puglia alle Autorità Portuali, Ezio Stefàno, sindaco di Taranto, Sergio Prete, presidente dell’Autorità Portuale di Taranto, Massimo De Andreis, direttore del Centro Studi SRM – Studi e Ricerche per il Mezzogiorno, e Gianpiero Strisciuglio, direttore commerciale ed esercizio Rete di RFI.

Strisciuglio, in particolare, ha sottolineato quanto sia fondamentale il contributo di Rete Ferroviaria Italiana per la connettività dei terminali merci e dei porti con il network dei Core Corridor europei TEN-T che attraversano il nostro Paese. Ha inoltre illustrato i principali interventi pianificati nei prossimi anni dal gestore dell’infrastruttura nel Mezzogiorno, con particolare riferimento all’adeguamento della sagoma limite che renderà possibile trasportare i semirimorchi e i container High Cube (con altezza massima allo spigolo fino a 4 metri) sulle linee Pescara – Bari Lamasinata (fine lavori 2017), Bari – Taranto  (fine lavori 2018) e Taranto – Gioia Tauro (fine lavori 2019).

Entro il 2019 il porto di Taranto sarà direttamente collegato alla rete ferroviaria nazionale, con un investimento complessivo di circa 25 milioni di euro.  Il progetto prevede due interventi distinti di potenziamento: il primo relativo alla stazione di Cagioni e il secondo a quella di Taranto, a servizio del terminal portuale. Per la stazione di Cagioni, che rappresenta lo scalo ferroviario del Terminal Container Taranto (TCT), è prevista la centralizzazione dei binari di presa e consegna e l’adeguamento del modulo dei binari, per poter accogliere convogli lunghi fino a 750 metri.
Nella stazione di Taranto è prevista la realizzazione di tre nuovi binari (lunghezza 750 metri) a completo servizio del porto, per l’arrivo e la partenza dei treni merci. Questi interventi sono tesi a potenziare l’offerta per il trasporto merci su ferrovia e a minimizzare i costi di manovra in ambito portuale.

Tag: porto di taranto, rete ferroviaria italiana

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Trenord: 7mln di viaggiatori hanno scelto il treno per visitare la Lombardia

Il treno può rappresentare uno strumento utile per favorire un turismo sostenibile di prossimità, una tendenza ereditata dalla pandemia destinata a restare. Lo confermano i dati di...

Logistica integrata: Mercitalia Logistics e BCUBE insieme per un nuovo modello sostenibile

Rafforzare il valore delle partnership strategiche nell’ambito della logistica integrata a beneficio del sistema Paese. A questo punta il memorandum d’intesa siglato da Mercitalia...

Polo Mercitalia: in arrivo 20 locomotrici elettriche Alstom

Il Polo Mercitalia (Gruppo Ferrovie dello Stato) rinnova la flotta di locomotori. Alstom fornirà al raggruppamento 20 locomotive elettriche di nuova generazione Traxx DC3, nota in Italia come...

Fs: via libera dalla Corte dei conti alla gestione 2020

  La relazione sulla gestione 2020 di Ferrovie dello Stato è stata approvata dalla Corte dei conti. La magistratura contabile ha messo in luce il periodo attraversato dalla società...

Via in Puglia alla sperimentazione del trasporto ferroviario di nuova generazione

“L’Italia guarda al futuro e si pone all’avanguardia nello sviluppo tecnologico applicato alla mobilità sostenibile, garantendo il massimo della sicurezza. L’accordo...

Porto di Taranto-RFI: protocollo di intesa con Regione Puglia e Mims per la sperimentazione di un sistema di trasporto ultraveloce

Individuazione e sperimentazione sul campo di un sistema di trasporto merci e passeggeri alternativo, sostenibile e ultraveloce a guida vincolata e a basso consumo di energia, valutando i vantaggi e...

Dal Cipess via libera a investimenti per 23mld: tra i progetti anche il potenziamento della linea adriatica

''Con il solo contratto di Programma Rfi sblocchiamo investimenti da qui al '26 per oltre 23 miliardi di euro con l'obiettivo di garantire al Paese rilancio, lavoro, mobilità sostenibile e...

Via ai lavori per il potenziamento infrastrutturale della stazione di Ciampino

Dal 23 luglio prendono il via i lavori di potenziamento infrastrutturale nella stazione di Ciampino a cura di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS). Gli interventi prevedono il rifacimento della...