Porto di Ravenna: traffico merci in calo rispetto al 2014

CONDIVIDI

mercoledì 1 luglio 2015

 

I nuovi dati sul traffico merci del Porto di Ravenna, relativi al periodo gennaio-maggio 2015, parlano di risultati pari a 9.899.802 tonnellate di merce. Si registra quindi un calo del 4%  rispetto alle 10.307.309 tonnellate registrate nei primi cinque mesi del 2014.
In particolare gli sbarchi sono stati pari a 8.459.969 tonnellate (-3,9%), mentre gli imbarchi ammontano a 1.439.833 tonnellate (-4,1%).
Nel mese di maggio 2015, in particolare, si calcolano 2.116.868 tonnellate e cioè un -9,2% rispetto a maggio 2014.
Positivi, invece, i risultati dei prodotti metallurgici passati da 2.375.857 a 2.560.186 tonnellate (+7,8%) e di dati sui materiali da costruzione (+5,4%). Fra questi, in particolare, le materie prime per le ceramiche sono passate da 1,377 a 1,499 milioni di tonnellate (+8,9%).
Per quel che riguarda il traffico container con 93.401 TEUs ha registrato 8.581 TEUs in più (+10,1%) rispetto allo scorso anno. Nel mese i TEUs movimentati sono stati 23.446 (+9,9% rispetto a maggio 2014). In diminuzione il numero dei trailer movimentati da gennaio a maggio (-14,7%), con 26.645 trailer contro i 31.237 del 2014.
Di segno opposto le merci secche che segnano un calo del 2,3% (156 mila tonnellate in meno) e le rinfuse liquide - 7,5%.

Per la difficoltà di ripartire della linea con la Grecia, dopo l'incidente dello scorso settembre, calano anche le merci su rotabili del 19,9%, mentre quelle in container risultano in aumento del 3,1%.  Il calo più evidente in valore assoluto è per le derrate alimentari che da 1,122 milioni di tonnellate sono passate a 788 mila, registrando un calo del 29,8%.
Secondo il Presidente dell’Autorità Portuale di Ravenna, Galliano Di Marco il calo del 4% di traffico rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, "è un dato che rispetta le nostre previsioni di inizio anno e che va correttamente contestualizzato. In queste ultime settimane, infatti, sono stati riportati dalla stampa dati che non coincidono con quelli in nostro possesso, frutto o di errore o di strumentalizzazione. Se si esaminano i dati di cui noi e la Capitaneria di Porto disponiamo, si evince che il problema dell’avamporto ha inciso molto meno di quanto si voglia far credere. Se prendiamo il periodo gennaio-maggio 2015 e lo confrontiamo con lo stesso periodo del 2014, relativamente al numero di navi arrivate con un pescaggio uguale o superiore alle 30.000 tonnellate di stazza lorda che trasportano derrate alimentari secche o in colli,  si sono “perse” circa 2 navi per un totale di 113.000 tonnellate".

Nel settore dei cereali e agricolo, ha spiegato, "anche Venezia ha perso traffico, a dimostrazione del fatto che il fenomeno di navi costrette ad allibare a Venezia o Koper prima di venire a Ravenna non è legato tanto all’avamporto quanto al più generale problema dei fondali del Porto di Ravenna, problema noto da oltre 20 anni. Peraltro, i peggiori mesi in assoluto sono stati dicembre 2014 e gennaio 2015, prima che ci fosse l’alluvione e subito dopo che avevamo fatto il dragaggio in avamporto del 2014".
"Nonostante ciò - ha concluso - nel periodo gennaio-maggio, a Ravenna registriamo un’inversione positiva nella movimentazione dei container (+10,12%) grazie al grande lavoro che i due operatori nel settore dei container (TCR e Setramar) stanno facendo, nonostante un evidente problema di fondale che speravamo di poter risolvere realizzando una cassa di colmata provvisoria a Trattaroli (ipotesi svanita per il sequestro dell’area, con gravi danni sia economici che di immagine per l’Autorità Portuale di Ravenna)".

 

Tag: porto di ravenna

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Digitalizzazione delle procedure doganali: un convegno promosso dal porto di Ravenna

"Il sistema presentato oggi, con il quale si compie un ulteriore passo avanti in questa direzione, ci permette di affermare che nel porto di Ravenna si sta davvero attuando nelle procedure doganali...

Il porto di Ravenna si candida ad accogliere nave rigassificatrice

“Al largo del porto di Ravenna è già presente un terminale marino pronto per il trasporto a terra del gas e l’immissione nella rete nazionale di...

Porto di Ravenna: da aprile operativo il nuovo Terminal Crociere

Sarà operativo dal prossimo mese di aprile il nuovo Terminal Crociere di Porto Corsini a Ravenna. Il progetto di realizzazione prevede l’integrazione del Terminal con il nuovo Parco...

Porto di Ravenna: continua il trend positivo del traffico a gennaio

Nel mese di gennaio 2022 il Porto di Ravenna ha registrato una movimentazione complessiva di 2.187.792 ton, in crescita del 14,2% rispetto a gennaio 2021 e del 14,9% rispetto gennaio 2019, a...

Porto di Ravenna: via all’unica rotta cargo diretta tra Italia e Bangladesh

Inaugurata al porto di Ravenna la rotta con servizio diretto da Chattoghram (Bangladesh), operata dalla compagnia di navigazione Kalypso (appartenente al gruppo Rif Line). La nuova rotta avrà...

Caro carburante, prosegue la protesta dell'autotrasporto: presidi in Calabria, Campania, Puglia e a Ravenna

Non si fermano i presidi spontanei degli autotrasportatori che dalla Calabria, alla Campania, alla Puglia, ma anche nel porto di Ravenna, continuano a protestare contro il caro-carburante, che...

Porto di Ravenna: traffico in crescita nel 2021. Superati anche i dati pre-pandemia

Il Porto di Ravenna ha chiuso l’anno con dati di traffico che segnano numeri in decisa crescita, superando anche i volumi registrati prima dell’inizio della pandemia. Nel 2021 sono state...

Accordo Regione-Dogane-Autorità portuale per zona franca a Ravenna

Un'intesa per rendere più attrattiva l'Emilia-Romagna e per sostenere le imprese del territorio, facilitare lo scambio di dati, informazioni e conoscenze per promuovere le imprese regionali....