Porto di Civitavecchia: ecco la strategia anti crisi

CONDIVIDI

giovedì 23 aprile 2020

La situazione generale in cui versa la comunità portuale tutta a seguito dell’epidemia da Covid-19 è stata al centro della video conferenza che ha riunito oggi l’Organismo di Partenariato della Risorsa Mare dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale.

Il Presidente dell’AdSP, Francesco Maria di Majo ha aperto la seduta delineando quelle che sono state le iniziative dell’ente nell’ultimo mese di incessante lavoro al fine di affrontare, in primis, la situazione dal punto di vista della sanità e della sicurezza dei lavoratori e degli utenti portuali e, quindi, impostare le mosse per affrontare la critica situazione che si è delineata.

Un lungo intervento, nel quale di Majo ha spiegato che numerose e continue sono state e sono le interlocuzioni, non solo con gli operatori, ma anche con le maggiori istituzioni, regionali e governative, segnatamente il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, per attenzionare le criticità in cui versa il porto di Roma che necessita di particolari e mirati interventi non solo per affrontare e superare, nel breve periodo, l’assenza dei maggiori traffici, crocieristico e passeggeri (sulle quali si era fortemente puntato nell’ultimo decennio), ma, soprattutto, in vista di una ripresa e del tanto auspicato “decollo” ancora oggi mortificato da una crescita che tarda ad arrivare per motivi legati principalmente alla carenza di alcuni importanti collegamenti infrastrutturali con le principali aree logistiche del Lazio.

Il Presidente di Majo ha illustrato il piano di azione dell'ente, declinato in dieci punti di intervento, per mitigare la crisi in atto e, contemporaneamente, gettare le basi di un rinnovato sviluppo commerciale dei porti di Civitavecchia e di Gaeta. Piena adesione è stata data dal Partenariato alla proposta di estensione dei benefici fiscali previsti per le ZES anche alle ZLS, come anche alla necessità di avviare le dieci opere relative ad infrastrutture trasportistiche (ferroviarie e stradali), identificate nell'ambito dell'esercizio del gruppo di lavoro ZLS, necessarie per assicurare collegamenti diretti con i principali centri logistici della Regione.

Alla luce del fatto che il porto di Civitavecchia ha la peculiarità di avere il maggior numero di banchine ed aree pubbliche, non affidate, quindi, in concessione a terzi, sono state avanzate proposte per interventi mirati facendo presente la necessità di adottare un provvedimento legislativo ad hoc nei confronti del porto volto a mitigare il drammatico impatto sull’economia portuale e sulla già fragile economia del territorio derivante dal crollo del traffico crocieristico e passeggeri, cui si somma il drastico calo del carbone per la centrale dell’Enel e quello di jet fuel per l’aeroporto di Fiumicino.

All’ordine del giorno anche il "piano emergenziale" per assicurare i servizi minimi essenziali di viabilità, manutenzione e trasporto passeggeri della Port Mobility, argomento discusso con particolare pacatezza e partecipazione e che ha trovato il consensus dell'Organismo con l’astensione dei sindacati e del rappresentante del Consorzio Autotrasportatori. Sull’argomento il Presidente ha sottolineato che i servizi minimi, così individuati, possono assicurare la funzionalità ed operatività del porto con riferimento alla parte commerciale. Preoccupazione, tuttavia, è stata espressa dai sindacati per il mantenimento dei livelli occupazionali e dell'equilibrio economico-finanziario della società concessionaria di tali servizi. Su quest’ultimo punto il Presidente ha ribadito che continuerà a prestare molta attenzione alla salvaguardia dei livelli occupazionali delle società che prestano servizi di interesse generale (il cui costo è coperto dai diritti sui passeggeri e crocieristi) e che, comunque, ha sottoposto la questione della loro sostenibilità economica, tenuto conto della predetta peculiarità del porto di Civitavecchia, anche al Governo.

Tag: porto di civitavecchia

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Porto di Civitavecchia: via libera ai rifornimenti alle navi nell’intero arco delle 24 ore

Proseguono le attività volte ad efficientare le operazioni commerciali e rendere così sempre più attrattivo lo scalo di Civitavecchia. Dopo il recente accordo sullo...

Rifiuti in mare: a Civitavecchia e Fiumicino raccolte 25 tonnellate grazie al progetto Fishing for litter

Il problema dell’inquinamento dei mari è all’ordine del giorno delle autorità portuali italiane, che puntano sempre più alla sostenibilità e al raggiungimento...

Porti: 120 milioni per la trasformazione dello scalo di Civitavecchia

"Un risultato complessivamente positivo che ci consentirà di avere le risorse necessarie per completare una vera e propria trasformazione del porto, che inciderà positivamente anche per...

Al Porto di Civitavecchia approda il gigante del mare MSC SIYA B, portacontainer da 330 metri

Una portacontainer di ultima generazione è aprodata al porto di Civitavecchia. La MSC SIYA B, unità da 330 metri, varata nel 2018, ha una capacità di carico di 11.923 TEU...

Digitalizzazione Porti: intesa tra Autorità Civitavecchia-Fiumicino-Gaeta e digITAlog

Si procede sulla strada della digitalizzazione delle procedure portuali. È stato infatti siglato oggi il protocollo di intesa tra l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno...

Porto di Civitavecchia: sdoganamento in mare per il settore automotive

Parte la sperimentazione della procedura di sdoganamento in mare, "pre-clearing", del settore automotive nel porto di Civitavecchia. L’attivazione sperimentale delle procedure, già...

Porti del Lazio: traffici di nuovo positivi, a Civitavecchia inversione di tendenza significativa

Segnali di ripartenza dal comparto portuale del Lazio. Dopo un lungo periodo negativo, finalmente i traffici del network e, in particolare, del porto di Civitavecchia, ricominciano a far segnare un...

Il Porto di Civitavecchia non è tra gli hub core, la protesta dei sindacati

Il mondo sindacale ha manifestato preoccupazione per il fatto che il Porto di Civitavecchia non sia stato inserito tra gli hub ‘core’. “Uniamo la nostra preoccupazione a quella...