Il ritorno di Maersk a Napoli

CONDIVIDI

giovedì 5 agosto 2010
Maersk Line, primo vettore marittimo container al mondo, è tornato ad approdare sulle banchine napoletane. Era il 1998 quando l’ultima unità della compagnia danese ha fatto scalo a Napoli. Dal 16 maggio è ritornata con un nuovo programma di viaggio. Ogni settimana, grazie a un feeder proprio, opera un servizio diretto (resa 4 giorni) con il porto hub di Algeciras. Dal porto spagnolo vengono servite le destinazioni finali del Marocco (7 giorni), Algeria (8), Senegal (12), Costa d’Avorio (14). Inoltre, per Newark (15 giorni), Houston (21), Ecuador (36) e infine Cile e Perù (40 giorni).
Le attività Maersk attualmente non si limitano allo scalo partenopeo. Continua, infatti, a servire Salerno e Gioia Tauro con una linea settimanale. Da lì vengono serviti, preferibilmente, gli itinerari verso il Medio ed Estremo Oriente. I feeder in linea sono due: Nordcoast (1.684 teu di capacità) e Maersk Valletta (1.683 teu). Tutti itinerari settimanali sul mediterraneo con la seguente rotazione: Tarragona, Salerno (da 15 agosto la domenica), Gioia Tauro, Napoli (dal 15 agosto il giovedì), Algeciras. Poi, di nuovo Tarragona.
Con questi nuovi servizi Maersk raddoppia e razionalizza la presenza in Campania. Come si legge in una presentazione della Compagnia: «Maersk torna a Napoli con tariffe convenienti, scalando il terminal Flavio Gioia, senza registrare casi di congestione». «Con un feeder proprio – spiega ancora la Compagnia danese - sarà possibile garantire affidabilità nei tempi di resa e disponibilità di spazio».
Partito in sordina, il servizio si è via via affermato tra i caricatori. Gli ultimi approdi a Napoli hanno, infatti, registrato una buona performance di carico con oltre 300 container. Agente della Maersk a Napoli e Salerno è la Berti & C.
Paolo Bosso
Tag: maersk, porto di napoli

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Carenza autisti: secondo Maersk problemi per l'approvvigionamento anche nel 2022

Le difficoltà che attanagliano a livello globale le catene di approvvigionamento da mesi, si estenderanno anche al prossimo anno. La mancanza di camionisti impedirà a centinaia di navi...

Dal Pnrr 380 milioni per i porti di Napoli e Salerno: il commento di De Rosa (Alis)

Gli investimenti sui porti campani previsti dal Pnrr sono molto positivi, ma la vera priorità del Paese è l’ammodernamento della rete infrastrutturale. È questo, in...

Maersk: profitto di 947 milioni di dollari tra luglio e settembre 2020

Nonostante l'impatto della pandemia di coronavirus, la compagnia di spedizione di container Maersk ha registrato un aumento dei profitti nel terzo trimestre. Aiutata dall'aumento dei noli e dal calo...

Naples shipping week: il porto volano di sviluppo e generatore di crescita economica

“I temi dello shipping non si esauriscono nel Porto di Napoli ma coinvolgono il territorio. Interagiscono con il tessuto della città metropolitana. Ecco perché possiamo...

Porto di Napoli: nasce un nuovo consorzio per il settore container

Venti imprese operanti nel settore del trasporto e della logistica portuale hanno costituito UNI.TRA.CO. (Unione Trasportatori Containers) il più grande consorzio d'Italia del settore...

Apm Terminal Vado Ligure: approda la prima portacontainer

E' approdata all'APM Terminals di Vado Ligure la M/V Maersk Kotka, prima delle sette navi del servizio ME2 di Maersk che collega il Mediterraneo con il Medio Oriente e l’India. E' quindi...

Napoli: 20 milioni per il nuovo terminal passeggeri. Delrio, segnali positivi

Un nuovo terminal passeggeri del Molo Beverello, principale hub del porto di Napoli per l'approdo degli aliscafi e dei traghetti che servono il traffico passeggeri da e per le isole del Golf...

Shipping: Maersk e IBM insieme per lo sviluppo di una piattaforma globale con tecnologia blockchain

Una joint venture per fornire metodi più sicuri ed efficienti di conduzione del commercio globale attraverso l’utilizzo della tecnologia blockchain, ovvero una tecnologia di registro...