Confitarma: il ministro Toninelli chiede agli armatori un salto di qualità per una maggiore competitività

CONDIVIDI

mercoledì 31 ottobre 2018

L'economia del mare presenta "numeri positivi che dobbiamo consolidare, mentre stiamo recuperando su alcuni ritardi storici. Ora però è il momento del salto di qualità in termini di efficienza e competitività con alcune misure importanti che vi mettano in condizione di correre di più e meglio senza che lo Stato costituisca per voi un ostacolo".

È il messaggio che il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Danilo Toninelli, ha rivolto alla platea degli armatori nel suo intervento all'assemblea annuale di Confitarma. "E da questo punto di vista - ha detto Toninelli rivolgendosi al presidente di Confitarma - colgo con grande favore la sua proposta, presidente Mattioli, di lavorare insieme fin da subito per sburocratizzare, semplificare, snellire e migliorare norme e procedure che vincolano lo sviluppo della nostra bandiera. Ne parlerò anche con il vice ministro Rixi, affinché ci si possa riunire intorno ad un tavolo insieme, per impostare quanto prima un efficace lavoro per i prossimi mesi". 

Il crollo del Ponte Morandi "ha dettato  nel nostro Governo la priorità di dare una svolta nella cura della sicurezza dei cittadini e lavorare di più sulla manutenzione ordinaria, sulla prevenzione e sulla costruzione di piccole opere diffuse, le "opere utili", quelle che veramente incidono sul miglioramento degli spostamenti, sulla qualità della vita delle persone, sulla loro quotidianità". È questa la rotta indicata da Toninelli, nel suo intervento all'assemblea di Confitarma, dove ha ricordato le 43 vittime "dell'immane tragedia". E, ha assicurato, "Il Decreto Genova va davvero in questa direzione e con la forte dotazione economica che ci abbiamo messo dentro a beneficio della città, circa 800 milioni di euro, è destinato ad accompagnare la ripartenza di Genova, un centro così intimamente legato ai suoi traffici, al suo porto, al suo mare e all'armamento italiano". 

"Noi  continueremo a lavorare come sempre per essere il punto di  riferimento in Italia e in Europa dell'intero cluster  marittimo nazionale e internazionale. Ma l'armamento italiano  potrà vincere le sue sfide solo se le istituzioni, Governo e  Parlamento, vorranno assicurare la competitivita' della  flotta". È l'appello lanciato dal presidente di Confitarma, Mario Mattioli, a chiusura della relazione tenuta all'assemblea della Confederazione italiana armatori.

Al  ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo  Toninelli, che ha preso parte all'assemblea, Mattioli ha  riassunto le istanze degli armatori: "Il Registro  internazionale deve rimanere immutato per continuare a essere  lo strumento che ha dato indubbi, importanti risultati in  questi primi 20 anni; la semplificazione delle norme e delle  procedure burocratiche che incidono sulla nostra  competitività è ormai indifferibile; un organismo dedicato  alle peculiari esigenze del mondo marittimo-portuale è assolutamente necessario".

Tag: AssArmatori

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Stefano Messina confermato presidente di Assarmatori: affrontare la transizione ecologica in modo ragionato e responsabile

“La transizione ecologica, per il settore marittimo ma anche per tutto il mondo del trasporto e della logistica, rischia di essere solo un’operazione mediatica se gli obiettivi non...

Messina (Assarmatori): presto decisioni sulla questione crociere a Venezia

Sulla questione crociere a Venezia la partita è ancora aperta. Si sta pensando infatti, proprio in questo periodo, a una serie di correttivi allo stop alle grandi navi nella laguna. Questa...

Assarmatori rilancia il proprio impegno sullo shipping sostenibile

Come prolungare il Genoa Blue Agreement, aggiornamento delle misure per ridurre le emissioni di fumi nei porti, i progetti per l’elettrificazione delle banchine. Questi alcuni dei temi sui...

Traghetti, Ancim e Assarmatori: eliminare il limite di capienza del 50%

Eliminare il limite del 50% di capienza per i traghetti per dare un vero impulso al turismo. È quanto hanno chiesto Ancim, l’associazione che rappresenta i comuni delle isole minori, e...

Forum Assocostieri/Assarmatori: il GNL è il futuro del trasporto marittimo

GNL, ossia gas naturale liquefatto, come unica risorsa per il futuro del trasporto marittimo sostenibile. Ne sono convinti Assocostieri e Assarmatori riuniti oggi nel forum su “Il ruolo dei...

Porti: Assarmatori incontra la viceministra Teresa Bellanova (Mims)

È un dialogo aperto e costruttivo quello instaurato tra Assarmatori e la viceministra alle Infratsrutture e alle Mobilità Sostenibili Teresa Bellanova. Il presidente...

Assarmatori chiede incentivi per sviluppare tecnologie per flotte più sostenibili

Un trasporto marittimo più sostenibile e rispettoso dell’ambiente e delle comunità può essere considerato onere esclusivo degli operatori privati?Secondo Assarmatori...

Porti: nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza mezzo miliardo per i traghetti

Nel PNRR ci sarà mezzo miliardo per il rinnovo della flotta dei traghetti: è quanto emerso questa mattina dalla sessione plenaria di lavoro per discutere i contenuti del Piano Nazionale...