Confitarma: il ministro Toninelli chiede agli armatori un salto di qualità per una maggiore competitività

CONDIVIDI

mercoledì 31 ottobre 2018

L'economia del mare presenta "numeri positivi che dobbiamo consolidare, mentre stiamo recuperando su alcuni ritardi storici. Ora però è il momento del salto di qualità in termini di efficienza e competitività con alcune misure importanti che vi mettano in condizione di correre di più e meglio senza che lo Stato costituisca per voi un ostacolo".

È il messaggio che il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Danilo Toninelli, ha rivolto alla platea degli armatori nel suo intervento all'assemblea annuale di Confitarma. "E da questo punto di vista - ha detto Toninelli rivolgendosi al presidente di Confitarma - colgo con grande favore la sua proposta, presidente Mattioli, di lavorare insieme fin da subito per sburocratizzare, semplificare, snellire e migliorare norme e procedure che vincolano lo sviluppo della nostra bandiera. Ne parlerò anche con il vice ministro Rixi, affinché ci si possa riunire intorno ad un tavolo insieme, per impostare quanto prima un efficace lavoro per i prossimi mesi". 

Il crollo del Ponte Morandi "ha dettato  nel nostro Governo la priorità di dare una svolta nella cura della sicurezza dei cittadini e lavorare di più sulla manutenzione ordinaria, sulla prevenzione e sulla costruzione di piccole opere diffuse, le "opere utili", quelle che veramente incidono sul miglioramento degli spostamenti, sulla qualità della vita delle persone, sulla loro quotidianità". È questa la rotta indicata da Toninelli, nel suo intervento all'assemblea di Confitarma, dove ha ricordato le 43 vittime "dell'immane tragedia". E, ha assicurato, "Il Decreto Genova va davvero in questa direzione e con la forte dotazione economica che ci abbiamo messo dentro a beneficio della città, circa 800 milioni di euro, è destinato ad accompagnare la ripartenza di Genova, un centro così intimamente legato ai suoi traffici, al suo porto, al suo mare e all'armamento italiano". 

"Noi  continueremo a lavorare come sempre per essere il punto di  riferimento in Italia e in Europa dell'intero cluster  marittimo nazionale e internazionale. Ma l'armamento italiano  potrà vincere le sue sfide solo se le istituzioni, Governo e  Parlamento, vorranno assicurare la competitivita' della  flotta". È l'appello lanciato dal presidente di Confitarma, Mario Mattioli, a chiusura della relazione tenuta all'assemblea della Confederazione italiana armatori.

Al  ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo  Toninelli, che ha preso parte all'assemblea, Mattioli ha  riassunto le istanze degli armatori: "Il Registro  internazionale deve rimanere immutato per continuare a essere  lo strumento che ha dato indubbi, importanti risultati in  questi primi 20 anni; la semplificazione delle norme e delle  procedure burocratiche che incidono sulla nostra  competitività è ormai indifferibile; un organismo dedicato  alle peculiari esigenze del mondo marittimo-portuale è assolutamente necessario".

Tag: AssArmatori

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Assarmatori: il trasporto marittimo ha bisogno di decisioni, non di una crisi di governo

Evitare gli impatti potenzialmente devastanti che il trasporto marittimo italiano accuserebbe dal combinato disposto delle norme dettate dall’IMO e dal pacchetto Fit for 55 dell’Unione...

Annual Meeting 2022 Assarmatori: necessarie decisioni e non aperture di crisi

"L’attuazione del PNRR e la ripresa economica richiedono decisioni e non aperture di crisi: il mondo armatoriale chiede uno sforzo a tutte le controparti istituzionali per superare ogni impasse...

Norme IMO e Fit for 55: allarme per le conseguenze sui traghetti italiani in due studi di Assarmatori

Nel 2025 il 73% delle navi ro-ro e traghetti italiani risulteranno non ottemperanti alle nuove norme IMO sulle emissioni e quindi potenzialmente non più in grado di navigare. Un vero e proprio...

Risoluzione ETS: soddisfazione con riserva di Assarmatori

Nei giorni scorsi il Parlamento europeo ha approvato la risoluzione sulla proposta della Commissione europea per la riforma del mercato dei permessi di emissione di CO2 (ETS - "Emission Trade...

Codice della Navigazione, Confitarma-Assarmatori: necessario semplificare e deburocratizzare

Ricorrono gli 80 anni del Codice della Navigazione e il 21 aprile a Roma, Luca Sisto, direttore generale di Confitarma, e Alberto Rossi, segretario generale di Assarmatori, sono intervenuti...

Assarmatori: Dario Bazargan responsabile del nuovo ufficio a Bruxelles

Presidiare dalla nuova sede in maniera ancora più attiva i grandi temi strategici dell’Ue, a cominciare dalla transizione energetica dello shipping e le relative iniziative legislativ...

Assarmatori: nuovi accordi commerciali per superare blocco delle materie prime da Russia e Mar Nero

Con il Mar Nero e Mar d’Azov interdetti alle unità mercantili italiane e il rischio nei porti russi del Baltico, come San Pietroburgo e Murmansk, di ritorsioni contro le navi italiane...

Assarmatori: aumento delle tariffe scelta obbligata per evitare la sospensione dei servizi

“Adeguare i noli e le tariffe, e quindi il costo dei biglietti, sarà una scelta obbligata per evitare la sospensione di quei servizi marittimi da e per le isole, che anche nei mesi...