A Livorno il primo impianto anti inquinamento per le grandi navi

CONDIVIDI

venerdì 13 novembre 2015

E’ stato testato oggi dalla fregata Carlo Bergamini, nel porto di Livorno, il primo sistema in Italia di elettrificazione anti smog per abbassare le emissioni delle grandi navi da crociera che ad oggi bruciano quasi 20 tonnellate di carburante, immettendo 60 tonnellate di anidride carbonica nell’atmosfera.

"È un vero passo in avanti per trasformare lo scalo labronico in un porto green a basso impatto ambientale”, ha detto il commissario dell’Autorità Portuale di Livorno, Giuliano Gallanti.
L’impianto, testato alla presenza dei vertici della Port Authority labronica e di tutte le principali autorità istituzionali cittadine, provinciali, regionali, e nazionali, permette di prelevare l’elettricità della rete direttamente da una sottostazione elettrica installata dentro l’ex Silos Granari, per la quale l’Enel Distribuzione ha predisposto una fornitura di energia elettrica di 7 mila Kw, e funziona su tre postazioni, in modo da coprire l’intera area d’attracco.

"I consumi di carburante e le conseguenti emissioni derivano dalla necessità di mantenere in attività tutte le dotazioni elettriche della nave. L’utilizzo di un impianto di fornitura elettrica da terra permette proprio l’eliminazione della fonte emissiva a banchina e il conseguente abbattimento di tutti gli inquinanti”. Ha spiegato il dirigente Ambiente e Sicurezza dell’APL, Giovanni Motta.
La potenza erogabile dell’impianto, costato 3,5 milioni di euro con finanziamenti da parte del Ministero dell’Ambiente (60%) e della Regione Toscana (20%), arriva a 12 MW con una tensione di alimentazione compresa tra i 6.600 e gli 11.000 Volt e una frequenza di 50/60 Hz.

Non solo contro lo smog, il sistema è il primo in Europa per potenza che permetterà di alleggerire l’impatto acustico nei confronti dell’abitato cittadino grazie allo spegnimento dei motori delle navi attraccate a banchina.
"Quello che stiamo realizzando oggi ha un alto valore simbolico, in quanto dà conto della volontà del porto di rilanciarsi come hub internazionale", ha dichiarato l’assessore regionale alle infrastrutture, Vincenzo Ceccarelli.

Barbara Gherardi

Tag: porto di livorno, emissioni co2

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Trento: prevista una deroga alle limitazioni al traffico per il trasporto merci

Deroghe a Trento per il trasporto merci in relazione alle limitazioni al traffico per il rischio di superamento dei livelli di inquinamento atmosferico per il periodo invernale 2021-2022 in vigore...

A Ecomondo 2021 il viaggio di Volvo Trucks verso le emissioni zero

Appuntamento con Volvo a Rimini alla nuova edizione di Ecomondo. Dal 26 al 29 ottobre 2021, torna in presenza la grande fiera dedicata all'innovazione industriale e tecnologica dell'economia...

Fercam presente a ROM-E, la fiera dedicata alle nuove fonti di energia e alla smart mobility

Fercam, operatore logistico di Bolzano parteciperà alla manifestazione ROM-E, presentando il progetto Fercam Green Logistics. ROM-E è il festival dedicato all'eco-sostenibilità...

CO2: arriva in aiuto la tecnologia per la riduzione delle emissioni

Quale è il potenziale della tecnologia per ridurre le emissioni di CO2? E quali sono i costi per la riduzione dei livelli di emissioni di CO2 dei veicoli? Secondo uno studio condotto...

Mobilità elettrica: in Ue pochi punti di ricarica

Lungo le reti stradali nella maggior parte degli Stati membri dell'Ue scarseggiano punti di ricarica elettrica. Lo dicono i nuovi dati dell'Associazione europea dei produttori di automobili (Acea). I...

Carburanti: arriva Rimula R7, l'olio motore Shell di nuova generazione per i mezzi pesanti

Maggiore risparmio di carburante, controllo dell’ossidazione, protezione contro la corrosione e pulizia dei pistoni migliorata del 36%: Shell potenzia la gamma di oli ad alte prestazioni per...

Decarbonizzazione trasporto marittimo: la proposta dell'International Chamber of Shipping

Una tassa globale sulle emissioni di carbonio delle navi. La propone l'ICS-International Chamber of Shipping, che rappresenta le associazioni nazionali degli armatori mondiali e oltre l'80% della...

Pnrr e fondo complementare: 143 milioni per i porti toscani

Saranno più di 140 i milioni per i porti toscani. È quanto è stato deciso a seguito della Conferenza Stato-Regioni che si è occupata della ripartizione del fondo...