Porto di Civitavecchia: sdoganamento in mare per il settore automotive

CONDIVIDI

sabato 15 maggio 2021

Parte la sperimentazione della procedura di sdoganamento in mare, "pre-clearing", del settore automotive nel porto di Civitavecchia. L’attivazione sperimentale delle procedure, già adottate per il trasporto marittimo dei contenitori, avrà la durata di sei mesi.

Alla sottoscrizione del deisciplinare presso la sede dell’AdSP del Mar Tirreno Centro Settentrionale erano presenti il presidente, Pino Musolino, il Direttore dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli (ADM) di Civitavecchia, Davide Miggiano e il Direttore Marittimo del Lazio e Comandante della Capitaneria di Porto di Civitavecchia, C.V. (CP) Francesco Tomas.

Si apre la fase della digitalizzazione

Come ha spiegato Miggiano si tratta di un progetto innovativo che si innesta sui protocolli d’intesa che l’ADM ha siglato con l’Authority e la Capitaneria, di un nuovo istituto che apre la fase della digitalizzazione e dell’applicazione di sistemi di agevolazione e semplificazione dei traffici.
Le merci caricate sulla nave non avranno bisogno di arrivare a terra per avviare le procedure di sdoganamento. La Capitaneria avrà il compito di agganciare la nave, monitorarla e certificare che le merci a bordo partano e arrivino senza soluzione di continuità, consentendo agli operatori del settore di presentare una dichiarazione doganale e, quindi, di sdoganare la merce quando è ancora a bordo. Le conseguenze positive sulla catena della logistica sono evidenti, perché, in anticipo, si riesce a sapere quale parte di carico sarà sottoposta ai controlli.

Una proposta innovativa nel settore automotive

“Questo progetto rientra a pieno titolo tra le attività che stiamo mettendo in campo per efficientare la portualità di Civitavecchia - spiega Tomas - e in questa sperimentazione, che riguarda le car carrier, lo scalo si propone in maniera completamente innovativa nel settore dell’automotive. In questo contesto vengono in aiuto strumenti sofisticati che permettono di fornire alla dogana le informazioni necessarie al fine di velocizzare le procedure. Due sistemi satellitari, già utilizzati dalla Capitaneria, monitorano le navi e la loro posizione in mare rispetto al porto. La sala operativa segue il percorso della nave che volontariamente si sottopone a questo tipo di controllo, la Capitaneria accetta il monitoraggio e fornisce le indicazioni necessarie alla dogana prima che il cargo arrivi in porto. Si guadagna così in termini di tempo e costi”.

Soddisfatto il presidente dell’AdSP, Musolino: “Sono doppiamente felice perché trovarsi seduti allo stesso tavolo quest’oggi dimostra che attraverso la collaborazione tra enti si ottengono risultati importanti e anche in tempi brevi. Oggi l’infrastruttura digitale vale quanto quella fisica, perché il tempo è denaro ed è così che si promuove un porto. L’automotive è uno dei core business dello scalo civitavecchiese che in futuro, grazie a questa agevolazione operativa, potrà implementare ulteriormente tale tipologia di traffico. Il nostro è un lavoro corale, a dimostrazione che le cose succedono rapidamente se si lavora in modo sinergico tra i vari attori”.

Tag: porto di civitavecchia, automotive

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Legge di Bilancio: il comparto automotive chiede misure per la transizione ecologica

In una nota congiunta diffusa oggi, le associazioni che rappresentano in Italia le filiere industriali e commerciali automotive - ANFIA, ANIASA, ASSOFOND, FEDERAUTO, MOTUS-E, UCIMU, UNRAE...

Mercato auto Europa: ottobre registra il volume più basso di sempre (-29,3%)

Cali di vendite intorno a un terzo dei volumi per il mercato dell’auto in Europa: l'Italia spicca con il calo più alto. In totale a ottobre in Europa sono state immatricolate 798.693...

Industria Automotive: a settembre calo del 12,1%. Forte contrazione per la produzione di autovetture

A settembre 2021 la produzione dell’industria automotive italiana registra un calo del 12,1%, rispetto a settembre 2020. Il calo è addirittura del 17,6% nel confronto con settembre 201...

Acea: raddoppiate le immatricolazioni di auto ad alimentazione alternativa in Europa

Continua la crescita in Europa delle immatricolazioni di veicoli ad alimentazione alternativa. Lo conferma Acea nella sua elaborazione relativa al periodo gennaio-settembre 2021. Nei primi nove mesi...

Veicoli elettrici: la Turchia investe nella produzione delle batterie

Mentre in tutto il mondo sempre più case automobilistiche annunciano la loro transizione verso veicoli completamente elettrici, la Turchia annuncia investimenti nella produzione delle...

Aerospazio e Automotive: Turchia e Unione Industriale Napoli insieme nel webinar sulle opportunità di crescita

Si è svolto oggi il webinar organizzato dall’Ufficio per gli Investimenti della Presidenza della Repubblica di Turchia e dall’Unione Industriale Napoli, dal titolo: “Turchia:...

Automotive: la Turchia è quarto produttore in Europa e punta all’elettrificazione

“Seguiamo la trasformazione del settore verso l'elettrificazione e lavoriamo con i grandi produttori internazionali per capire come la nostra componentistica può stare dietro a questo...

Rif Line potenzia il servizio di linea con la Cina e inaugura un nuovo collegamento con il Bangladesh

Negli ultimi mesi la spesa per i trasporti dall’Asia è aumentata e le attuali tratte marine internazionali non tengono il passo con le nuove sfide e necessità del mercato. Di...