Turchia: al via l'Istanbul Economy Summit per l’ambiente

CONDIVIDI

mercoledì 27 ottobre 2021

Si svolgerà il 10 dicembre la quinta edizione dell' Istanbul Economy Summit, sotto il tema della Green Economy e con la sponsorizzazione di una delle principali società di energia rinnovabile turca, Kalyon PV. All’evento parteciperanno funzionari e dirigenti  provenienti dalla Turchia e da altri paesi. "Parleremo di economia verde, di obbligazioni verdi e di altri argomenti green", ha affermato il presidente del consiglio di amministrazione dell'Istanbul Economy Summit, Kürşad Tüzmen.

I temi del Summit

I  temi  affrontati saranno quelli dell’energia pulita e del suo impatto economico, dell’importanza di un'economia verde nello sviluppo sostenibile, del processo mondiale di cambiamento e trasformazione delle energie rinnovabili, ma in agenda sono previsti  anche i temi dei  nuovi equilibri nella catena di approvvigionamento interrotta dalla recente pandemia  e dell'agricoltura digitale.
“Il cambiamento climatico colpisce tutti i paesi. Dobbiamo prendere le nostre precauzioni. L'estrazione di combustibili fossili può essere fermata"-  ha detto Tüzmen,  in un incontro con la stampa ad Istanbul martedì scorso. 
"Ogni paese ha adottato le proprie misure per quanto riguarda le chiusure climatiche durante la pandemia, chiusure che influenzeranno i paesi del tutto. Sebbene i paesi abbiano percentuali diverse nell'emissione di anidride carbonica e gas serra, tutte le nazioni saranno in qualche modo colpite da questo" ha concluso Tüzmen.

La Turchia vanta al momento il 16° posto in classifica  tra i paesi del G-20 e prima tra le nazioni dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) nelle emissioni di gas serra. La Turchia ha un'emissione di gas serra di circa l'1%.  
Il paese ha anche elaborato il Green Deal dell'Unione Europea, che  dovrebbe essere visto anche come una strategia per offrire ai settori e alle aziende l'opportunità di rimodellare, ristrutturare e utilizzare le risorse in modo efficiente. Il Green Deal mira a  raggiungere l'azzeramento delle emissioni nette di gas serra entro il 2050, un obiettivo che richiederà enormi investimenti in energia e infrastrutture a basse emissioni di carbonio. "Abbiamo bisogno di tabelle di marcia in modo da poter valutare queste opportunità che si presenteranno con il Green Deal ed eliminare  così possibili rischi"- conclude Tüzmen.

Rimanere al passo della concorrenza globale

Il Parlamento turco ha ratificato recentemente l'Accordo di Parigi sul clima per contribuire agli sforzi globali contro il cambiamento climatico. Tutti i partiti politici hanno votato favorevolmente.

"Nel quadro di tutti questi sviluppi, è molto importante che la Turchia adotti misure forti nella lotta contro i cambiamenti climatici per non rimanere indietro nella concorrenza globale", ha affermato Tüzmen. 
"Per questo motivo, pensiamo che dovremmo considerare l'accordo sul clima di Parigi, a cui l'UE fa riferimento anche nella prossima generazione dei suoi accordi commerciali, come una priorità strategica Condividiamo la necessità di una tabella di marcia che guidi la nostra industria, i settori ad alta intensità di esportazioni e i settori dei servizi con i nostri stakeholder pubblici e internazionali; contribuiamo agli studi legislativi con le nostre opinioni. Allo stesso tempo, stiamo continuando i nostri sforzi di sensibilizzazione per migliorare i buoni esempi che possono ispirare il settore privato"- conclude Tüzmen.

Politiche ambientali ed Ecoturismo 

Abdullah Değer, presidente del comitato esecutivo dell'Istanbul Economy Summit, ha affermato che l'evento, pur avendo sede ad Istanbul  è in realtà una piattaforma che affronta questioni globali.  Da parte sua, il presidente dell'Associazione delle agenzie di viaggio turche (TÜRSAB) Firuz Bağlıkaya ha affermato che anche i turisti hanno iniziato a prestare maggiore attenzione alle politiche ambientali con una maggiore consapevolezza. "Ora i turisti prestano attenzione alle politiche ambientali del paese in cui stanno andando. Se vogliamo un mondo più vivibile e sostenibile, è molto importante rispondere a queste richieste estremamente giustificate", ha osservato Bağlıkaya. L'Istanbul Economy Summit affronterà anche gli effetti ambientali, economici e socio-culturali dell'ecoturismo, che saranno discussi durante un panel a cui dovrebbe partecipare il presidente del Consiglio Mondiale dell'Economia Verde. Nel suo discorso alla riunione, Başaran Bayrak, vicepresidente dell'Assemblea degli esportatori turchi (TIM), ha affermato che Istanbul da sola genera un'economia significativa aggiungendo valore e creando occupazione. “Istanbul rappresenta un'economia più grande rispetto a quella di molti paesi, con un numero annuo di turisti stranieri che si avvicina ai 15 milioni, con esportazioni di circa 85 miliardi di dollari e con  un prodotto interno lordo (PIL) di 257 miliardi di dollari. La forza lavoro turca è superiore al 20%, mentre la  quota delle esportazioni e delle importazioni del paese è superiore al 50%"- conclude Bayrak- aggiungendo che l'ecosistema creato dall'Istanbul Economy Summit stabilisce le basi sia per un forte valore aggiunto economico che per una rete commerciale globale.

L'Istanbul Economy Summit sarà organizzato in collaborazione con molte istituzioni e aziende, tra cui TIM, Turkey Tourism Promotion and Development Agency, TÜRSAB, Turkish Cargo, Borusan Otomotiv, Mercedes-Benz Türk e Sanofi Health Products.

 

Fonte: Daily Sabah

Tag: Turchia, ecosostenibilità, green economy

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Turchia: l’impulso dei turisti stranieri al settore dell'autonoleggio

Il settore del noleggio auto in Turchia ha registrato un incremento del 40% dallo scorso giugno, grazie all'aumento del numero di turisti stranieri, avvenuta dopo la rimozione delle restrizioni di...

Turchia: Ford Otosan lancia il nuovo due ruote elettrico Rakun

La joint venture Ford Otosan, società di produzione automobilistica con sede in Turchia, proprietà in pari quota di Ford Motor Company e Koç Holding, ha presentato venerdì...

Turchia: impennata straordinaria dei prezzi per il mercato automobilistico

Il settore automobilistico turco ha registrato a novembre un aumento dei prezzi delle auto nuove per la terza volta ormai, con una crescita senza precedenti anche dei prezzi dei veicoli di seconda...

Nissan: 15 miliardi di euro per produrre batterie più economiche e potenti

Quanti sono 2 trilioni di yen? Sono 15,65 miliardi di euro ma soprattutto sono la cifra – a dir poco considerevole – che Nissan ha comunicato di voler investire nei prossimi 5 anni per lo...

Turchia: economia circolare e sostenibilità al centro del vertice di Uludağ

Si è svolto nei giorni 24-25 novembre l’Uludağ Economy Summit, uno dei più importanti incontri di economia e commercio della Turchia, organizzato dalle riviste Capital, Economist...

Rinnovo del parco veicolare: la città metropolitana di Bologna dà il buon esempio

Il nostro parco veicolare, si sa, è uno dei più vetusti d’Europa. L’Italia non brilla certo sotto questo punto di vista, rallentando la tanto agognata transizione ecologica....

Asphaltica, Siteb: riciclo delle strade in crescita, nel 2021 risparmiate 420.000 tonnellate di materie prime

Anche la filiera delle strade si unisce alla grande rivoluzione in atto collegata alla transizione ecologica.  Lo confermano i dati Siteb – Associazione Strade Italiane e Bitumi sul...

Turchia: completato il ponte sospeso di media campata più lungo del mondo

Completato lo scorso 13 novembre, alla presenza del presidente Recep Tayyip Erdoğan, l’assemblaggio dell’ ultimo ponte intercontinentale del "1915 Çanakkale Bridge" che collega...